Nemanja Nedovic: Olimpia Milano ci ha assistiti, siamo fortunati

Nemanja Nedovic ha parlato dell’emergenza Coronavirus: Sì, inizialmente il virus è stato preso sottogamba, e in molti paesi il peggio deve ancora arrivare

Rientrato in Serbia, Nemanja Nedovic ha parlato dell’emergenza Coronavirus con il sito mozzartsport.com. Ecco alcuni passaggi:

SUL RIENTRO IN SERBIA

I miei famigliari erano preoccupati mentre ero in Italia e aspettavano con impazienza il mio ritorno a casa. Per loro ora, tutto ciò che sta accadendo in Serbia è strano, ma queste misure rigorose che sono entrate in vigore sono state introdotte in Italia due settimane fa, quindi ci sono già abituato

SULL’ITALIA

La situazione in Italia non è stata subito presa seriamente? Sì, confermo. Fino a due settimane fa, i bar e le vie erano piene, e fino a poco tempo fa non mi rendevo conto neanche io di quanto fosse grave. Tutto è iniziato dopo la Coppa Italia. Le strade si sono svuotate negli ultimi giorni, se esci per strada per passeggiare vai incontro a dure sanzioni, ma ormai è tardi. Il virus si è già diffuso

SULL’OLIMPIA MILANO

Per legge, non ci è stato permesso di uscire per due settimane dopo che siamo entrati in contatto con Trey Thompkins (il giocatore trovato positivo nel Real Madrid, ndr). Siamo stati fortunati, il club ci ha assistiti nel migliore dei modi, il cibo ci veniva consegnato a casa. Ho lavorato su me stesso, esercitandomi e mantenendomi in forma

SULLA LOMBARDIA

Leggiamo il bollettino quotidiano di morte e contagi, di come i militari vengano in città a prendere le bare per la cremazione… Sono immagini davvero tristi, e mi sembra che in alcuni paesi il peggio debba ancora arrivare, purtroppo

SU EUROLEAGUE

Da Milano abbiamo cercato, tramite ELPA, di avvertire i dirigenti della lega, i club e gli altri giocatori che stava arrivando un momento drammatico, dove non si poteva pensare di rispettare il calendario attuale, che sarebbe stato meglio annullare le partite o rinviarle. Ma nessuno aveva lo stesso livello d’emergenza dell’Italia. Solo dopo una settimana la situazione è cambiata drasticamente. Sempre più persone sono state contagiate in altri paesi, hanno preso la situazione più seriamente

SUL FUTURO

Sapevamo che l’Eurolega avrebbe seguito la NBA, in tutto, in ogni scelta, presente e futura. Dal continuare o meno la competizione, fino al format su come terminare la stagione. Ora a tutti vengono nuove idee e suggerimenti, ci sono molte soluzioni. Ma al momento, la salute e la sicurezza vengono prima di tutto. Speriamo che tutto venga risolto presto, nessuno di noi è abituato a essere a casa a metà marzo

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Next Post

Il tavolo con Olimpia Milano, Brescia e Trento attende novità da EuroLeague

Lo conferma il ds di Germani Brescia Sandro Santoro: Ci siamo già sentiti, ma ci sembra ancora troppo presto per entrare nel concreto
Olimpia Milano Serie A

Subscribe US Now

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: