Annunci

Olimpia Milano vs Panathinaikos | Il Dossier di una gara in cui reagire

Palla a due domani, ore 20.45, tra Olimpia Milano e Panathinaikos. E’ il diciottesimo round di EuroLeague. Una gara in cui non ribaltare tutto

Annunci
Read Time:4 Minute, 14 Second

Palla a due domani, ore 20.45, tra Olimpia Milano e Panathinaikos. E’ il diciottesimo round di EuroLeague. Una gara da non fallire, più per un discorso mentale.

Olimpia Milano vs Panathinaikos, lo scout di Sportando

Un Panathinaikos che ha cambiato volto, per l’ennesima volta, dopo l’avvicendamento tra Argyris Pedoulakis e Rick Pitino. Il concetto di partenza, tuttavia, è sempre lo stesso. Si parte dal p&r di Nick Calathes, che tuttavia quest’anno ha un cambio “credibile” in Tyrece Rice, 9.5 punti di media con 2.5 assist.

Il resto va di conseguenza: scarico sull’arco per Jimmer Fredette, 43% da 3, e Deshaun Thomas, 32.3%, letture sui tagli dell’ala piccola Ioannis Papapetrou, assistenza a lunghi atletici come Jacob Wiley, o di centimetri come Konstantinos Mitoglou (doppia doppia con il Cska) e Georgios Papagiannis (sempre positivo, come un anno fa, con Pitino in panchina).

Rick Pitino ha record 4-3 in EuroLeague dopo il 10-9 della passata stagione. Dal suo arrivo ha rinunciato a Rion Brown e, praticamente, a Ben Bentil e sta valutando la posizione di Wesley Johnson, atletico difensore dall’Nba poco performante sino ad oggi in Europa.

Il personaggio: Nick Calathes

Nick Calathes, ad Atene, ora è tutto. Nick Calathes ad Oaka, è riuscito in un’impresa impossibile: non certo far dimenticare Dimitris Diamantidis, fantascienza, bensì nel cancellare dalle bocche dei tifosi la classifica frase “E’, ma il Diamante è un’altra cosa”.

Il Diamante è un’altra cosa, lo sarà sempre. Il Diamante è leggenda. Ma Nick Calathes è il portatore di un’eredità. Calathes ha convinto tutti. Calathes può essere presente e futuro di un “verde” magari non brillante come in passato, ma che nel play ritrova un’eccellenza europea.

Questo è Nick Calathes, un ragazzo nato nel 1989 a Casselberry, Florida, Contea di Seminole, un tempo parte di Orange County, netta predominanza Repubblicana. Un ragazzo che ha conosciuto la Grecia solo nel 2009, quando dopo i due anni con i Florida Gators, e il secondo giro di scelta con Minnesota, firmò un triennale con il Panatinaikos.

Nick aveva il passaporto greco già da un anno, e un primo passo con la Nazionale ai Mondiali Sub-20. Suo nonno, una colonna della sua vita, aveva lasciato la Grecia a 14 anni, imbarcandosi dall’Egitto alla volta di New York. Qui aveva conosciuto la nonna di Nick, qui aveva dato il via ad una famiglia innamorata del basket.

Il resto è storia nota. Il primo addio al Panathinaikos per i problemi economici del club, Kuban, il tentativo in Nba, il ritorno in “verde”, lo status attuale di miglior play “puro” di EuroLeague. O forse molto di più: «Ho allenato contro Magic Johnson, Larry Bird, grandi guardie come Maurice Cheeks e Isaiah Thomas… ma Nick Calathes è il miglior passatore che abbia mai visto». 

Rick Pitino, è noto, ama esagerare. Ma il p&r di Nick Calathes poco da dire, è pura poesia. Intanto, il ragazzo che passava le sue serate al Bowling di Atene, ora miete numeri. Un anno fa 12.3 punti, 4.5 rimbalzi e 8.9 assist di media, 9 doppie e una tripla doppia, il 4 aprile 2019 con il Bucnost ad Oaka. 14.3 punti in questa annata con 5.2 rimbalzi e 9.1 assist, con 7 doppie doppie, l’ultima da 22-17 (?!) contro il Cska.

Olimpia Milano vs Panathinaikos | Le armi di Messina

Il Panathinaikos è partito alla volta di Milano senza Nikos Pappas, che ha chiuso la stagione per infortunio, e Rion Brown, verso il taglio. Nelle prossime ore verrà ufficializzato il colpo Andy Rautins, ma l’ex Varese non sarà ovviamente schierabile.

Che dire? Milano soffre la difesa sul p&r, soprattutto con Sergio Rodriguez e Kaleb Tarczewski, e il p&r è il punto di forza del Pana, con Nick Calathes al timone. Ma Milano ha vinto la gara di andata, e allora tutto è ovviamente possibile, anche in un momento così delicato.

Il Pana è squadra più corta ma più fisica, in grado di fare male in post con Ioannis Papapetrou, e con l’atletismo di Jacob Wiley, letale a rimbalzo nella gara di andata (17+7, tutti offensivi). Gara di andata dove marcò visita Jimmer Fredette (9 punti con 0/3 dall’arco) e tutto il Panathinaikos dall’arco, 3/20.

Il Pana fu solo Calathes, l’Olimpia viaggiò con i 18 di Micov, i 16 di Roll (4/7 da 3), i 17 con 9 rimbalzi di Luis Scola. Il lungo argentino sarà decisivo anche domani, sfruttando un maggior fosforo di fronte a atleti non trascendentali come Mitoglou e Papagiannis.

Ovviamente, come dice Ettore Messina, la chiave sarà comunque la difesa sul p&r. Il Pana, con il 36%, non è squadra che vive sul tiro da 3, visto che produce il doppio da 2 (725 tiri a 394). Chiudere le linee di passaggio interne di Nick Calathes e i rimbalzi: se il Pana prenderà il controllo del ritmo di gara, sarà durissima.

About Post Author

Alessandro Maggi

alekmaggi@gmail.com Giornalista Professionista, direttore responsabile presso Be.Pi Sport, collaboratore presso Sportando, cronista per Il Giorno
Annunci

15
Lascia una recensione

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami
Luca Paris
Ospite

Come sull’ultimo Tex in edicola, si potrebbe presentare questa partita titolandola: “I vigliacchi e gli eroi”. Dopo le parole durissime di Messina, dopo la chiamata alle armi di Micov-Tex, chi risponderà all’appello? Se Kit Carson non può che essere (se non altro per questioni anagrafiche) il vecio Luis Scola, chi prenderà il ruolo del fido Navajo Tiger Jack? Personalmente punto su Brooks, mentre il figlio di Tex potrebbe incarnarsi nel nuovo Sykes, finalmente in grado di giocare senza ‘la paura della maglia”? Una partita determinante a dir poco, fondamentale per il futuro in Eurolega e non solo. Una partita per… Leggi il resto »

palmasco
Ospite
palmasco

Sarò al Forum con l’anima scura, pronto a soffrire, e da soffrire ci sarà di sicuro.
Ma se lo spogliatoio s’è ricompattato, se andiamo in campo per quelli che siamo, siamo una squadra che può vincere qualsiasi partita, come abbiamo mostrato già.
Possiamo essere la sorpresa, e speriamo di mostrarlo da domani sera.
Altrimenti ci sarà da soffrire, come al solito, ma la maggior parte di noi sa farlo e lo farà comunque.
Ok, non tutti, ma la maggior parte.
Gli altri danzeranno felici sui litri di Gatorade versati inutilmente!
Dai ragazzi, portiamola a casa!
Forza Olimpia!

Tom Sawyer
Ospite
Tom Sawyer

Esatto Palmasco.
Io ci sarò a tifare e soffrire ora come quando c’era Pianegiani.
E per non sbagliare, mi porto un Gatorade da sbattere in testa al mio vicino quando sbuffa (anche lui è un piantagrane palloso…).

FORZA OLIMPIA!

Marco
Ospite
Marco

Anche io al forum domani. Ma con la birra. Speriamo di rivedere lo spirito giusto

orlandoilrosso
Ospite
orlandoilrosso

Ma il Gatorade fa schifo!

Doc63
Ospite
Doc63

Benissimo questo ottimismo. Importante che domani al forum tutti con Messina e la squadra

Marcello
Ospite
Marcello

Secondo me rischiamo grosso,la squadra è allo sbando non trovi?

Mr. Tate
Ospite

Allo sbando non è, è la stessa squadra che ha vinto all’ultimo turno e che ha perso di 3 a Mosca. Che sia sfavorita per me è scontato perché sono un paio di mesi che non riesce a giocare 4 quarti offensivi in modo adeguato al livello richiesto, ma che sia “allo sbando” mi sembra eccessivo. Si perderà, temo, ma questo non significa che sia tutto fuori controllo.

Stefano
Ospite
Stefano

Da Varese con furore! Presente. La giusta pressione sulla squadra, non è l’ultima spiaggia. Pana mi sembra molto più attrezzato per le eurobattaglie, d’altronde gioca a Oaka, da brivido. E se dovesse andare male ci saremo deliziati con Calathes. Mi raccomando, al primo tiro che spadella non cominciamo a mugugnare, non abbiamo Bob Morse in squadra! Forza Olimpia

Iellini
Ospite
Iellini

Istruzioni per l’uso per la partita di oggi:
Per chi ha l’ansia, per chi tanto perdiamo, per chi è tutto finito, per chi non siamo abbastanza atletici, per chi questa squadra non ha punti nelle mani, per chi non abbiamo grinta, per chi le scelte di mercato sono tutte sbagliate ……
guardatevi su you-tube il 4 quarto che abbiamo giocato con il Pana ad Atene, guardate chi ha giocato in quel ultimo quarto, guardate come siamo stati sul pezzo nonostante Calathes ed andate allo stadio con fiducia. Viva L’Olimpia

orlandoilrosso
Ospite
orlandoilrosso

Ooh yes

Tom Sawyer
Ospite
Tom Sawyer

Esatto.
Andrò e soffrirò. Senza bisogno di guardare quel quarto che io me lo ricordo a memoria (la mia memoria della mia testa, non quella degli altri, eh ;-))

leopard
Ospite
leopard

il vecchio allenatore si chiama pianigiani, pianigiani, pianigiani.

zakki
Ospite
zakki

Vincere sarebbe importante visto che loro sono in un buon momento. Darebbe una scossa all’ambiente. Certo sara’ dura limitare Mitoglu & company. Calathes bisogna solo sperare che non sia in giornata, e asfissiarlo su ogni linea di passaggio. Spegnere la luce..Ovvio poi serve avere almeno una % decente da 3 e … mai mollare !

Marco
Ospite
Marco

SPETTACOLO!

Next Post

9 gennaio 1936-9 gennaio 2020: tanti auguri Olimpia Milano

La ricorrenza dal sito di Olimpia Milano: La data di nascita ufficiale è 9 gennaio 1936. Quindi oggi la Pallacanestro Olimpia Milano compie 84 anni
Olimpia Milano

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: