Ettore Messina: Nedovic? Temo sia una cosa piuttosto seria

La preoccupazione del coach biancorosso per il terzo ko di fila in Eurolega e, soprattutto, per l’infortunio al serbo

Un Ettore Messina ovviamente preoccupato, quello che si presenta in sala stampa, dopo la sconfitta contro la Stella Rossa: “Congratulazioni alla Stella Rossa, ha giocato con grande pazienza è stata fisica e solida in difesa, orchestrata in attacco da Lorenzo Brown“.

L’infortunio di Nedovic? “Temo sia una cosa muscolare piuttosto seria“.

Micov e Gudaitis? “Non so se rientreranno per il doppio turno con Real e Valencia. È ovvio che spero, ma non so“.

La partita di stasera: “Un po’ per le assenze, un po’ perché ogni tanto qualcuno incappa in una giornata negativa abbiamo avuto poche alternative al pick&roll. E non si può giocare solo il pick&roll per 40 minuti a questo livello, c’è bisogno di andare in post basso, attaccare un cambio difensivo. Non abbiamo avuto molto dentro l’area e diventi sterile in attacco“. 

Si interviene sul mercato? “In questo momento non ci stiamo pensando, finché non sapremo l’entità dell’infortunio di Nedovic“.

Tre sconfitte contro squadre collassate in area? “Una preoccupazione più che condivisibile. L’alternativa è giocare meno pick&roll ed avere più presenza sotto canestro, che sia con Brooks, Scola o sperando quando rientra Gudaitis. Con lui abbiamo un record di 7-1, senza mi pare 5-5, senza avere più l’opzione del doppio lungo. Non è la ragione, ma è una importante“. 

Come evitare la depressione? “Una cosa su cui dobbiamo confrontarci. Se queste tre partite ti fanno pensare di buttare nel cesso una stagione… Non è certo la soluzione, vorrei continuare a lavorare bene in palestra con un po’ più di sana incazzatura, più salute ed un po’ di pazienza, da parte mia soprattutto“.

Sulle difficoltà di alcuni giocatori: “In questa partita serviva che qualcuno facesse un passo avanti, con due assenze pesanti. Non è accaduto. La buona volontà c’è, nessuno lo fa apposta e poi tireremo le somme e vedremo un po’. È chiaro che Mack deve giocare meglio. Se è questo non va bene, per fare un esempio. Però non sono solo i nuovi… Ora la cosa importante è vincere domenica, senza guardare troppo avanti“. Almeno per proseguire la risalita in campionato.

0 0 vote
Article Rating

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

14 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Doc63
Doc63
7 mesi fa

Se si vuole competere in EL urgono 2 innesti di livello. Considerando che in media abbiamo 2 infortunati a gara. Speriamo in un rientro veloce di Guda (a proposito se escano 4 settimane la prossima ci dovrebbe essere).
Poi dobbiamo far riposare Scola e El Chaco. Domenica possono devono andare per forza a Pesaro, ma visto che giochiamo con una squadra di A2 devono stare in panchina.

palmasco
7 mesi fa

Non c’è dubbio che questo sia un momento di crisi per la squadra. La sconfitta con Olympiacos e quella di stasera con la Stella Rossa, hanno molto in comune, secondo me: che nel secondo tempo ci siamo spenti, non riuscendo più a eseguire il nostro gioco, e segnando molto poco e sempre con grande difficoltà, quindi con dispendio di energie che sono mancate nel finale. È come se le avversarie ci abbiano ormai “sgamato”: riescono ad adeguare le difese al nostro gioco e soffocarlo. Anche stasera la chiave è stata questa: abbiamo cominciato bene, 40 punti nel primo tempo, con… Leggi il resto »

Daniele
Daniele
7 mesi fa
Reply to  palmasco

Guarda che è la terza miglior difesa di Eurolega, non la prima

Daniele
Daniele
7 mesi fa
Reply to  palmasco

È la terza miglior difesa di Eurolega non la prima

palmasco
7 mesi fa
Reply to  Daniele

Terza, grazie.

U. Fo.
U. Fo.
7 mesi fa

Brutta sconfitta, nella forma e nella sostanza perche’ perdere in casa con una squadra sulla carta inferiore non e’ bello. Ci tocchera’ andare a vincere a Mosca o a Istambul 🙂 Il tema infortuni. Tutte le squadre ce li hanno pero’ il fatto che a Milano ce ne siano tanti di tipo muscolare forse non e’ un caso. E, secondo me, il fatto di far giocare sempre gli stessi incide un po’. Certo e’  che in una ventina di giorni siamo passati dall’apoteosi al rischio serio di sprecare anticipatamente la stagione europea. Vero che la competizione e’ ancora lunga ma… Leggi il resto »

Marco
Marco
7 mesi fa

la cosa preoccupante, oltre all’infotunio di nedo, è che in difesa non abbiamo un’identità, che sembrava in fase di costruzione. In attacco ci possono stare le difficoltà soprattutto se non entrano tiri ben costruiti come ieri, ma l’applicazione difensiva di khimki, oly, stella rossa noi non l’abbiamo (più). Mack è l’emblema….superdifensore chi? sempre battuto con un palleggio. imbarazzante. Altri non sono superdifensori per natura o età, ma a me sembra manchi un sistema. ieri trovavano triple aperte dopo 1 passaggio 1… Capitolo singoli: Scola deve essere la ciliegina, non possiamo pretendere sia la torta. Chacho non ha alternative, soffocano lui… Leggi il resto »

Iellini
Iellini
7 mesi fa

Non è vero che giocano sempre gli stessi , ieri addirittura nei primi due quarti hanno giocato le seconde linee. Basterebbe guardare le statistiche per vedere che mai nessuno è sopra i 30 minuti e solitamente ruotano 9/10 giocatori su una media di 15-25 minuti. Se andate a vedere le altre squadre giocano in 8/9 con tempi simili a quelli dell’Olimpia. Non credo sia questo il problema. Ad oggi abbiamo un solo play. L’equivoco Mack va in qualche maniera risolto, perché ieri senza Micov, quando non era il campo il Chaco nessuno sapeva cosa fare. Se il tiro da tre… Leggi il resto »

GAE
GAE
7 mesi fa

Tutte queste considerazioni tecniche tattiche lasciano il tempo che trovano perché la realtà dei fatti è che il nostro roster non è stato assemblato bene perché l’unico nostri vero leader è Rodriguez ma non ha alternative di livello..gli italiani a parte Brooks non sono di livello in Italia figuriamoci in Eurolega altrimenti non si spiegano le sconfitte in Italia..Scola e Micov non possono giocare 2 partire consecutive e ravvicinate e infatti Micov è infortunato..Nedovic come al solito è nuovamente fermo per chissà quanto tempo..Mack e White sono 2 corpi estranei e specialmente il primo che doveva avere nella difesa un… Leggi il resto »

U. Fo.
U. Fo.
7 mesi fa

Quando scrivo che giocano sempre gli stessi mi riferisco al doppio impegno lba-eurolega… Sul nostro roster non sono d’accordissimo. Roll e’ certamente pari a Bertans,  con qualche spunto difensivo in piu’, probabilmente. Guda e Nedo erano dati per recuperati e quest’ultimo e’ tanto leader quanto Rodriguez. E Micov. Scola e’ stato l’acquisto  in piu’. Mack? Messina sembrava sicuro di aver preso un uomo d’ordine e un buon difensore. Non so come mai la cosa abbia preso questa piega. White? Non e’ un brocco ma non si e’ inserito nel nostro gioco, un po’ lontano forse dal suo modo di stare… Leggi il resto »

Iellini
Iellini
7 mesi fa

Anch’io penso che il roster aveva dietro un pensiero coerente e razionale: gli italiani sono i migliori che c’erano sul mercato (quelli buoni buoni sono all’estero e non erano disponibili) e sulla carta con i nuovi entrati eravamo coperti in ogni ruolo. Il problema nasce quando ci sono infortuni importanti e la coperta diventa improvvisamente corta e questo comporta che tutti devono fare cose che non sono nelle loro corde, fanno una fatica enorme e il sistema collassa. Mack e’ quasi sempre stato inserito con Nedovic e questo permetteva un certo tipo di gioco, ma senza Nedovic ed anche Micov,… Leggi il resto »

Stefano Sindaco Le Mans
Stefano Sindaco Le Mans
7 mesi fa
Reply to  Iellini

Il problema vero sono tutti questi infortuni. Parlo da ortopedico ed ex giocatore ed allenatore. Gli infortuni muscolari, tendinei ed alla colonna sono figli di una preparazione atletica che privilegia la pliometria (pesi) piuttosto che l’aerobiosi (il fiato). Da quando il senese è il trainer di Milano, abbiamo assistito ad una ecatombe di infortuni muscolare, cominciando da Langford e Gentile, finendo con la mattanza degli ultimi due anni. Tra l’altro, detto per inciso, i nostri giocatori negli ultimi due quarti non corrono più, non ne hanno più. E non credo che le altre squadre di eurolega giochino meno partite. E… Leggi il resto »

U. Fo.
U. Fo.
7 mesi fa

Grazie per i preziosi dettagli tecnici. Si impara sempre qualcosa 🙂

orlandoilrosso
orlandoilrosso
7 mesi fa

Condivido l’analisi del sindaco e penso che anche nel programma di preparazione atletica occorre mettere mano, è già tardi ma forse è ancora possibile correggere la rotta. Sulla qualità del mix di esperienza e qualità di squadra ha chiaramente inciso la indisponibilità di alcuni giocatori. Melli, Datome e altri che non sappiamo. scelte forzate anche dalla mancanza di tempo. qualcuno ha scritto che anche Bologna ha cambiato molto, vero ma Dordevic era già in carica lo scorso anno e ha potuto programmare per tempo gli innesti se ricordate, pur con qualche buon risultato “coppa” al primo anno la Virtus non… Leggi il resto »

Next Post

Olimpia Milano vs Stella Rossa | La rassegna stampa di un ko

Olimpia Milano vs Stella Rossa è una notte da dimenticare, o forse ricordare. Intanto, leggiamo le prime pagine dei giornali in edicola

Subscribe US Now

14
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: