Nemanja Nedovic: Anche un anno fa partimmo 6-2, restiamo umili

Luca Chiabotti, firma di Repubblica-Milano, ha incontrato Nemanja Nedovic: Gli infortuni, per ora gioco più perimetrale e meno in penetrazione… per ora

Luca Chiabotti, firma di Repubblica-Milano, ha incontrato Nemanja Nedovic. Il serbo, a lungo atteso, è tornato a pieno regime agli ordini di Ettore Messina.

Io sono forte di testa. Ho sempre pensato positivo anche durante l’infortunio e l’operazione. Ma anche se non si è trattato di cose gravi, ho bisogno ancora di un po’ di tempo per tornare al 100%. Quel che conta è che, quando ci sono state quattro gare in una settimana, mi sentivo meglio all’ultima che alla prima

Il giocatore si sta modulando. Nemanja Nedovic da “penetratore”, da Derrick Rose europeo, si è trasformato in un tiratore.

Devo essere sincero, i problemi avuti mi hanno penalizzato particolarmente e mi rendo conto che vorrei fare cose che ancora non mi riescono con la necessaria sicurezza. Per questo gioco meno in penetrazione e più oltre la linea dei tre punti. Per il momento

Tra passato e presente, un pensiero ai nuovi compagni di squadra.

Con Sergio Rodriguez l’intesa cresce, ero infortunato quando questo gruppo ha iniziato a formarsi, ma con campioni come lui, Scola e Micov è tutto più facile

E ora, testa bassa e lavorare. Sempre.

Dobbiamo restare umili, la scorsa stagione siamo partiti 6-2 in EuroLeague e poi non abbiamo conquistato i playoff. Quest’anno possiamo fare molto bene, mi piace la positività che si respira al Forum. Dobbiamo recuperare un po’ in campionato, ma non mi preoccupa

Next Post

Sandro Gamba: Al PalaDozza potevo giocare anche io

Sandro Gamba, con la consueta ironia, analizza il momento di Olimpia Milano per La Repubblica-Milano nella rubrica «Tiro Libero»
Sandro Gamba

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: