Annunci

Le pagelle di ROM – Eroico Jeff Brooks, evidente la crescita di Curtis Jerrells

Read Time:2 Minute, 20 Second

Mike James 7.5 

Aggredisce il terzo quarto con violenza inaudita, segnando 10 punti in un schiocco di dita. La solita sfuriata che indirizza una partita, dando ai compagni la sensazione di avere sempre un porto sicuro in cui attraccare. Alla fine 20 punti e 8 assist. Secondo marcatore della competizione.

Vladimir Micov 7

22 punti e 3 assist per il terzo posto nella classifica marcatori. Vlado viaggia a passo veloce, bollando la partita con 13 punti e 6/7 al tiro nel primo quarto. Mezzo punto in meno per la rimessa a meno di un 1’’ dalla sirena: poteva buttare la palla sull’avversario. Invece la getta fuori.… Anche i professori sbagliano lezione, a volte.

Arturas Gudaitis 6 

6 punti e 5 rimbalzi e scarsa difesa del ferro. Si riprende nel finale con un paio di presenze decisive. 

Dairis Bertans 5.5

Il Jaycee Carroll di Milano ha le polveri bagnate, e per una volta la rotazione di palla di squadra non lo premia. Prova a dannarsi l’anima in difesa. 

Kaleb Tarczewski 6.5

17’ superiori a quelli del compagno di reparto, e non solo per gli 8 punti e 7 rimbalzi. Prova a farsi valere con i gomiti, ma anche lui non riesce a chiudere il ferro soffrendo molto i rollanti del Baskonia.

Mindaugas Kuzminskas 6

Sempre troppo timido, ha qualche segnale di presenza nei pochi minuti in cui gioca da “3” nel secondo quarto. Ma se l’Olimpia non corre, lui non può essere fattore. Bene i cinque punti del terzo quarto e il +6 di plus/minus.

Andrea Cinciarini 5.5

Un paio di giocate preziose in attacco nel quarto quarto, ma non può essere spettatore passivo in difesa come Mike James. La mancanza di fiato non può essere un suo problema, a differenza della stella di Portland.

Christian Burns sv 

2’, troppo pochi.

Jeff Brooks 8

Malessere nella notte, fisico a pezzi in mattinata, poi si presenta in campo e piazza 12 punti con 7 rimbalzi e un +9 di plus/minus. Ancora più efficace del solito. E cosa vogliamo dire della stoppata su Shengelia a 10’’? Eroico.

Curtis Jerrells 7

Crescita evidente. 13 punti con 4 rimbalzi e 5 falli subiti, e fattore cruciale nel finale, come spesso gli è accaduto nella sua storia milanese. Deve ancora crescere difensivamente, dove la carenza è totale ed evidente.

Coach Simone Pianigiani 6.5

Record 6-2, e chi vince ha sempre ragione, anche perchè la sua Milano sa sempre cosa fare nei momenti cruciali. Ma nel suo piano partita, quanto hanno pesato lo 0/6 ai liberi di Shengelia, e le due triple mancate da Janning e Hilliard a 88’’? Benissimo le rotazioni, con James e Micov sotto i 30’. A Barcellona, così, si può!

About Post Author

Alessandro Maggi

alekmaggi@gmail.com Giornalista Professionista, direttore responsabile presso Be.Pi Sport, collaboratore presso Sportando, cronista per Il Giorno
Annunci

3
Lascia una recensione

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami
U. Fo
Ospite
U. Fo

Vittoria meritata per una squadra che non molla mai. Vittoria che per me ha un nome e un cognome: Jeff Brooks. Al di la delle precarie condizioni fisiche, difende, raddoppia, sporca le linee di passaggio, prende rimbalzi, segna che e’ un piacere ed e’ lucidissimo nei secondi finali. E’ lui il vero collante della squadra. Jerrels e’ ritornato, finalmente in forma. Guarda caso proprio quando e’ quasi sicuro di avere spazio; in ogni caso in eurolega puo’ dare il suo importante contributo. Da rivedere l’impatto difensivo. James e’ immenso, a volte anche troppo, quando perde palla palleggiandosi sul piede o… Leggi il resto »

Alessandro Maggi
Ospite

Concordo

trackback

[…] successiva di cinque successi in sei gare. Il tutto, senza l’eroe del Pireo: Nemanja Nedovic.  Dopo le pagelle di ieri, ecco una nuova lettura […]

Next Post

Il successo sul Baskonia è figlio delle certezze. Ma questo sistema non può prescindere dalla difesa

Realolimpiamilano.com a cavallo tra il Baskonia e Barcellona, per una Milano arrivata al sesto successo in otto gare (6 su 8, sì, è tutto vero). Un’impresa? Probabilmente no, perché prima di ogni partita era noto cosa si potesse fare (cioè dove si potesse vincere), e cosa no (ovvero dove tutto […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: