Annunci

Una sontuosa Olimpia domina al Pireo

Annunci

One thought on “Una sontuosa Olimpia domina al Pireo

  1. Certo Milano ha preparato il doppio impegno meglio dell’Olympiakos, forse anche perché per noi era molto importante, loro forse ci hanno un po’ sottovalutato.
    Spanoulis era piuttosto appannato, la loro percentuale da 3 parla di concentrazione meno che sufficiente, e in generale non hanno fatto grandi cose, mentre noi la partita quasi perfetta.

    È stato abbastanza emozionante vedere Della Valle alla fine della partita andare a cercare Spanoulis per stringergli la mano, con le sopracciglia alzate mentre annuiva in segno di rispetto: lo guardava come i fan guardano le star da dietro la cancellata, anche se in partita gli aveva stoppato un tiro.
    Forse in quel gesto atletico e in quell’ammirazione palpabile, c’è il simbolo di tutta la motivazione extra che ci ha portato a brillare ad Atene.

    Le nostre star giocano parecchio, vero, ma del resto è inutile farsi illusioni: la nostra stagione quest’anno si gioca in EL.
    È lì che ci misuriamo e che verremo misurati.
    Quindi in EL non c’è niente da risparmiare, c’è da dare tutto sempre, usando soltanto il meglio che abbiamo.
    Riposeranno in campionato, le nostre star.

    Due note aggiuntive alla gestione dei minuti: le star NBA giocano 36/38 minuti a partita per 90 partite anno, Lebron per esempio, e volano molto più a lungo, ma non sembrano patire.
    Quindi fiducia nelle nostre star.
    La seconda nota riguarda il campionato: per risparmiarli è chiaro che devono giocare di meno in LBA, e che così facendo qualche partita se ne andrà malamente.
    Pazienza. È ora per i tifosi di cambiare mentalità.
    In stagione regolare qualche partita si può perdere, i giochi veri si fanno ai PO.
    Non sarà bellissimo, ma bisogna essere realisti.

    Per quanto riguarda la panchina Della Valle piace per l’impegno evidente che ci mette, e le sue piccole sfacciataggini, come ancora quella di ieri sera che gli riescono, ma di certo non è ancora giocatore di questi livelli. Ma non dubito che ci arriverà.
    L’anno prossimo, forse.
    Burns sta facendo un bel rodaggio in LBA e speriamo che continui a crescere in questo sistema, ma in EL i centri li abbiamo e ci piacciono parecchio, non serve fare esperimenti in una stagione che per noi è davvero fondamentale.
    Per Kuz sarebbe importante investire in uno psicoanalista, perché se si libera dai fantasmi che evidentemente si porta dietro in campo ogni volta, il talento c’è.
    Jerrels mi pare che abbia già mostrato ieri che in campo ci può e ci sa stare quanto serve.
    Deve solo recuperare smalto.
    Bertans i suoi minuti li occupa più che bene, con la carica giusta sempre, e quando gli entra il tiro resta sempre un gran bell’attaccante.

    Una grande vittoria e una felicità enorme, ma le partite vere, quelle che contano davvero, sono altre.
    Se avremo lì la stessa faccia di ieri sera, allora tanto male non siamo messi.
    Vai Milano!

    (palmasco)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

La quiete dopo la Grande Bellezza. Ma fino ad un certo punto: «Pistoia vale l'Olympiacos»

Palla a due alle ore 17.30 per l’Olimpia Milano, che ospita al Forum Pistoia, ferma a zero in classifica come Trieste e Trento. Ancora negli occhi la straordinaria impresa del Pireo, che lascia segni anche sul fisico dopo il rientro alle 4 di notte di venerdì in Italia, con rapido […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: