La difesa, lo spirito operaio e il ritorno di Datome. I 5 punti di Italia-Israele

L’Italia debutta bene contro Israele con una prova solida e di carattere, il tutto in un contesto non semplice davanti ai numerosi tifosi israeliani indemoniati a Tel Aviv.
Come ha vinto l’Italia? Cosa è cambiato dalle amichevoli? Quali sono le prospettive? Ritornano i nostri consueti 5 punti per analizzare la sfida di ieri sera.

Difesa, parte tutto da qui. Inutile girarci intorno, nel precampionato l’Italia aveva molto deluso dal punto di vista difensivo, perdendo spesso i confronti 1 vs 1 ma anche di squadra. Eppure nella condizione più difficile (debutto contro i padroni di casa) ecco che sale di tono l’aggressività, con Hackett in primis ma va sottolineato l’impegno di Belinelli che in più di una occasione chiude difensivamente. Se il tuo primo terminale offensivo difende come se fosse l’ultimo degli operai allora significa che la mentalità è quella giusta.

Italia operaia, come detto precedentemente si…

View original post 255 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...