Olimpia, arriva anche il nono KO consecutivo: passa il Maccabi

Questa squadra ha paura. Ennesima sconfitta di una squadra che si scioglie ogni volta in cui va in vantaggio, rivivendo i consueti fantasmi di questo pessimo inizio di stagione. Emblematico è l’errore nel finale di Hines, che regala due punti a Sorkin dopo una partita da vero veterano. La nona sconfitta consecutiva arriva al termine di una partita che, per almeno metà match, sembrava poter permettere all’Olimpia di ritrovare il successo in Eurolega, competizione in cui continua ad essere sempre più ultima in classifica. I limiti di questa squadra sono evidenti, ma è francamente sorprendente che sia ultima in classifica, anche al netto di tutti gli infortuni. Inutile guardare però la classifica ad oggi, ma bisogna pensare partita per partita.

Olimpia Milano-Maccabi | La partita

Lorenzo Brown inizia subito forte con una tripla ed un assist, ma l’Olimpia risponde con Davies e Luwawu-Cabarrot per il 4-5 iniziale. Il Maccabi con Brown e Nebo allunga sul +6 a metà primo quarto. L’Olimpia torna a -2 con Hall ed Hines e difensivamente sembra tenere bene gli avversari, trovando poi dall’altra parte il sorpasso con TLC. Devon Hall trova un gioco da tre punti dopo una brutta palla persa, firmando il 19-16. Il primo quarto termina sul 21-21. Il secondo quarto si apre con un canestro di Hines da rimbalzo in attacco, a cui segue un canestro dalla media di Baron. Il Maccabi risponde con un parziale di 5-0 e trova il +1, ma Mitrou-Long segna da cinque punti in fila dando il nuovo vantaggio milanese. A metà secondo quarto Melli segna da tre punti per il +7 milanese, ma gli ospiti segnano due canestri in fila per il -3, costringendo Messina al timeout. Luwawu-Cabarrot segna un canestro importante da tre punti contro la zona israeliana, con successivo assist per l’appoggio di Hines per il +6 milanese. Il primo tempo si conclude sul 40-32 per l’Olimpia Milano.

Il terzo quarto si apre con un monologo Maccabi, che firma un parziale di 7-1 e costringe coach Messina a chiamare timeout. Dopo che gli israeliani toccano la parità, è Tonut a riportare avanti l’EA7 Emporio Armani Milano sul 43-41, a cui segue una tripla di Melli. Brown segna dalla media, ma Baron gli risponde da tre punti per il +6 Olimpia. Un’ottima palla rubata di Hines lancia il contropiede milanese, che si conclude con la schiacciata di Nik Melli, costringendo al timeout coach Kattash. Billy Baron segna 6 punti consecutivi a metà terzo quarto, dando il nuovo +10 all’Olimpia. Dibartolomeo e Colson riportano il Maccabi in parità con un parziale di 10-0. Il terzo quarto si chiude sul 59-59. Nel quarto periodo è ancora Dibartolomeo a far male alla difesa milanese, segnando la tripla del +3. L’Olimpia inizia a non far più canestro e ad avvertire la pressione, ma sembra reggere quantomeno in difesa. Colson segna da tre punti ed il Maccabi allunga sul 62-69, con l’EA7 che non costruisce più nulla in attacco. Billy Baron segna da tre punti per il -4, a cui seguono due tiri liberi per il -2. Sorkin segna due canestri consecutivi che regalano il +5 al Maccabi a 55 secondi. Lorenzo Brown la chiude: il Maccabi vince 71-77.

Olimpia Milano vs Maccabi (21-21, 40-32, 59-59, 71-77)

Clicca qui per il tabellino del match.

Olimpia Milano calendario | I prossimi appuntamenti

L’Olimpia Milano tornerà in campo giovedì 15 dicembre alle ore 19.00 sfidando a domicilio la Stella Rossa di Belgrado. Successivamente i campioni d’Italia in carica sfideranno l’Aquila Trento alla BLM Group Arena domenica 18 alle ore 17.00. In Eurolega si tornerà sul parquet venerdì 23 dicembre al Mediolanum Forum per sfidare il Monaco, con palla a due fissata alle ore 20.30.

9 thoughts on “Olimpia, arriva anche il nono KO consecutivo: passa il Maccabi

  1. Indecenti. Vergognosi. Tutti. Dal primo, all’ultimo. Non voglio parlare di Messina, di tizio, di caio. Non voglio parlare di nessuno, perché non meritate neanche di essere citati. Nessuno. Toglietevi quella maglia: la disonorate. Non state neanche lottando, siete molli. Siete dei pagliacci. Fuori dalle p***e. Ciao.

  2. che pena e che tristezza vedere Hall NML e Baron dover portare palla e Hines combattere contro ragazzini più alti e atletici di lui.
    I problemi non sono fisici e caratteriali ma TECNICI
    Fino a che non li risolveranno non vinceremo in EL a meno che non ce la regalino.

  3. Squadra inesistente dal punto di vista mentale. Questo è un fatto. Troppi i “terzi quarti” disastrosi.
    Mancano le cose elementari: dei blocchi, dei tagli. Ci ostiniamo a giocare in p&r ma senza un piccolo che sappia prendersi vantaggio o dare una buona palla al rollante, anche quando a farlo è Hines. Basta un po’ di pressione sulla nostra rimessa e ci imballiamo. E tiriamo tanto da tre, spesso forzando. Abbiamo anche sofferto a rimbalzo.
    Capiamoci: la vittoria non avrebbe cambiato la classifica ma la testa si. Troppi liberi lasciati li. Molte le perse banali.
    I singoli? NML è inadeguato a questo livello. Voigtmann è un’ombra. Hall, fuori ruolo, non produce in attacco.
    Ricci stavolta non utile. Melli super, Hines e Baron da salvare. Davies pasticcione. Tonut buon impatto sino al fallo sul tiro da tre.
    Ora spero che nella prossima giochino Baldasso (che è un play, fino a prova contraria) e Tonut, così domenica i big saranno più pronti.
    Forza Olimpia.

    Ps speriamo che Melli non si sia fatto male con quella scavigliata

  4. Ma quando diavolo avrà un centro spazza tabelloni questa squadra? Davies è un buon ballerina poco fisicamente, hines è un campione, grazie per sempre, ma a quell’età e con quei centimetri soccombera’ sempre in euroleague…

  5. tutti mediocri giocatori.Campagna acquisti a questo punto fallimentare e ora vado a disdire l’abbonamento a Now perché non sopporto più di guardare sempre lo stesso film.Non mi interessa neanche il campionato che non meritiamo neanche di vincere.

    1. ANCHE PERCHÉ DUE PARTITE INIZIALI CE LE HANNO REGALATE GLI ARBITRI IN UN MODO VERGOGNOSO SE NO…

  6. ……e perchè mai non dovrebbe finire sempre cosi? Non c’è un motivo valido perchè succeda, gli infortunati sono sempre, da quel di, quelli; perdere aiuta a perdere; i muri psicologici si alzano partita dopo partita; l’incubo senza fine che stiamo vivendo noi tifosi lo stanno vivendo anche i giocatori …….e forse il coach……che tristezza

    1. Non c è nessuno che fa canestro nei momenti caldi…..Shevon docet….hanno tutti paura di tirare.

Comments are closed.

Next Post

Olimpia Milano-Maccabi: il tabellino della nona sconfitta in fila

EA7 EMPORIO ARMANI MILANO – MACCABI PLAYTIKA TEL AVIV 71-77 (21-21, 19-11, 19-27, 12-18), (21-21, 40-32, 59-59, 71-77). Olimpia Milano: Davies 5, Luwawu-Cabarrot 14, Mitrou-Long 7, Tonut 2, Melli 12, Baron 18, Ricci, Biligha n.e, Hall 7, Baldasso n.e, Hines 6, Voigtmann. Coach Messina. Maccabi: Adams 2, Brown 20 (8 […]

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: