Uragano Olimpia nel quarto periodo: Forum blindato e 3-1 sulla Virtus

Fabio Cavagnera 25

Un parziale di 18-0 nell’ultimo quarto spezza gara 4 e regala il terzo punto ai biancorossi nella serie tricolore

Un quarto periodo da sogno e l’Olimpia Milano è ad un passo dal paradiso. I biancorossi, dopo una partita in equilibrio, piazzano un clamoroso parziale di 18-0, spezzano la resistenza della Virtus e si portano a casa gara 4 (77-62), andando avanti 3-1 nella serie tricolore contro i felsinei. Con la possibilità di chiudere i conti già giovedì a Bologna, ma garantendosi almeno un match point casalingo, davanti ai 12.300 del Forum, in caso di gara 6. È Shavon Shields l’MVP di serata, come urlato dal pubblico, ma ci sono tanti protagonisti di un’altra notte magica per la squadra biancorossa.

Olimpia Milano vs Virtus #4 | La partita

Dopo un avvio equilibrato, gli ospiti prendono il comando delle operazioni: Shengelia e Teodosic lanciano il parziale bianconero, con una Virtus più fluida in attacco e con un’energia superiore. Il canestro di Weems sulla sirena del primo quarto vale il +8 esterno, però l’AX rientra subito in campo con una faccia più cattiva e dura in difesa, concedendo solamente 2 punti in 5’. Shields e Melli firmano il sorpasso, con anche alcune giocate nuovamente di Grant, mentre si riequilibra la lotta a rimbalzo, dopo il vantaggio bolognese del primo periodo.

Cinque punti consecutivi di Grant lanciano l’Olimpia al +11 (45-34 al 21’) in avvio di ripresa, però è immediata la reazione virtussina, guidata dalla coppia Shengelia-Jaiteh. Si torna così subito in equilibrio e la partita diventa una vera battaglia, con qualche errore di troppo ai liberi dell’AX ed anche la temperatura a salire sul campo. Il georgiano segna il +2 esterno ad inizio ultimo quarto, poi inizia la marea biancorosso. La Virtus non fa un punto per oltre sei minuti, Shields si esalta ed arriva l’incredibile 18-0, con cui Milano spacca la partita, fa 3-1 ed ora avrà tre match point.

Olimpia Milano vs Virtus #4 | Il tabellino

AX ARMANI EXCHANGE MILANO-SEGAFREDO BOLOGNA 77-62 (16-24, 40-34, 55-55)

Clicca qui per il tabellino del match

Olimpia Milano calendario | I prossimi appuntamenti

Giovedì (ore 20.45) la serie torna a Bologna per la quinta sfida, poi l’eventuale sesta partita si giocherà sabato sera (ora da definire) al Mediolanum Forum.

25 thoughts on “Uragano Olimpia nel quarto periodo: Forum blindato e 3-1 sulla Virtus

  1. Fantastica Olimpia, Con l’arbitro ucraino per i tortellini non c’è verso. E pensare che stanno in gioco solo per il vergognoso mercato di guerra, senza il quale non avrebbero vinto l’Eurocup e la serie sarebbe stata chiusa 4-0 alla faccia di Baraldi e di Petrucci. Olimpia una squadra pazzesca, il pubblico incredibile e senza ultras il risultato non cambia a significare che non c’è bisogno di tifosi organizzati ma di sostenitori entusiasti, di famiglie che vengono a sostenere la squadra senza tifare contro. E a Bologna la Virtus non sarà facile da battere ma tranne Shengelia e lo psicopatico Hackett non saranno abituati a giocare tante partite in pochi giorni abituati all’Eurccup, da mollaccioni quali sono.
    Belinelli non pervenuto, E finalmente hanno dato un antisportivo a Teodosic.

  2. Non mi ricordo chi, ma qualcuno aveva detto che Messina, in questa gara 4, avrebbe accorciato le rotazioni, affidandosi agli uomini che più lo garantiscono…..detto, fatto, e cosi è stato, geniali le rotazioni corte del coach, il più suo dei tre successi

  3. Ultimo quarto impressionante da vivere al Forum. La Virtus nonostante Teodosic, Belinelli e gli innesti di Hackett e Shenghelia fatica a tenere il livello da Eurolega. Continuò a non capire l’atteggiamento di Scariolo e Teodosic, che non abbiamo preso almeno in tecnico è scandaloso. Con questo atteggiamento faranno poca strada in EL
    Comunque pensiamo a noi, concentrati e la chiudiamo a Bologna!
    Forza Olimpia!!

      1. Mi ricordo l’antisportivo ma non per proteste, non il tecnico ma magari nell’euforia me lo sono perso…
        rimane l’atteggiamento vittimistico e poco sportivo dei due

    1. Scarioo ha preso un tecnico e Teodosic un antisportivo per gomitata in faccia a Bentil dopo un fallo. Con l’arbitro ucraino da finale di Eurolega le pagliacciate degli 11 falii contro Hackett di gara 3 non le puoi fare.

  4. Un altro piccolo ma importantissimo passo.. ora mi godo questa vittoria .. dormo beato e domani mattina aprendo gli occhi sarà già una bella giornata. Grande partita difensiva di Grant sembrava un polipo .. hall e shields si sono ripresi l’attacco coadiuvati dal resto della squadra .. stoppata di Hines a Cordigner e palla rubata dal Chacho emblemi della prova difensiva. gigione molto sotto tono si riposa x le prossime due. Anche il Chacho seguita a litigare con il canestro ma 5 assist e un paio di pr. Prima vittoria di una squadra sconfitta ai rimbalzi, ma anche pp pochissime mentre loro una valanga .. go red shoes go

  5. Quarto quarto da sogno. Erano loro ad essere più stanchi. Se punti troppo su un uomo (mostruoso il georgiano) che ogni volta deve lottare come un pazzo contro Melli, alla fine la paghi: lui è stanco e gli altri faticano ad entrare in ritmo. E noi abbiamo potuto preservare il Chacho per la fine. Bologna è riuscita a difendere bene solo a tratti, non è il loro tratto distintivo, faticano ad essere costanti nella disciplina difensiva. E noi limitiamo il loro punto forte non facendoli correre, entrare in ritmo e gasarsi. Oggi grandissimo Shields!!
    Resta una serie pericolosa: per fortuna il coach non li farà stare tranquilli e l’esperienza contribuirà a stare coi piedi per terra.
    GRANDE OLIMPIA!!!! Grazie ragazzi!!

    1. Ma il georgiano mostruoso è mercato di guerra precluso alle squadre di Eurolega. In una stagione normale, senza guerra in Ucraina e tolti alla Virtus Shengelia e Hackett, era già 4-0 easy.

  6. Tutti bravi, nessuno ha svettato secondo me, una vittoria di squadra nel vero senso della parola. Adesso dobbiamo recuperare Datome che stasera ha fatto troppo poco

  7. GARBAGE TIME, nonostante, un monumentale Shengelia. Ma, il Basket, è uno sport di SQUADRA…..Dedicato a tutti quegli illuminati intenditori che, per 8 mesi, ci hanno fatto una ” capa tanta “, definendo la Virtus : ” INGIOCABILE “in Italia. Senza i due ex CSKA, avrebbero preso 4 ” ventelli “. NON è FINITA. Dopodomani, a Bologna, venderanno cara la pelle e, picchieranno come fabbri. Il CHACHO, metterà la sua firma, nella partita DECISIVA.

    1. Please, basta con ‘sta storia della guerra! Daniel e Toko son qui, stop. E tra l’altro danno lustro avquesta finale.

      1. Sono d’accordo così come trovo assurda là regole dei 6 italiani, chi è bravo gioca e stole chi fa investimenti è giusto che possa vederli in campo in tutte le competizioni
        Per favore isolate i Sardara e company e agevolate gli investimenti in una lega che diversamente morirà, anche con 10 italiani in campo, anzi morirà prima perché si abbasseranno appeal e livello degli investimenti

      2. Caro Di.Me, visto che rispondi al sottoscritto, io, ho parlato di 8 MESI, molto prima che arrivassero in Italia, Hackett e Shengelia. È da ottobre, che sento pontificare, lo straordinario mercato della Virtus : Hervey, Cordinier, Jaiteh, Sampson e, il colpo dell’ anno, Mannion. Solo due mesi fa, avevi SCRITTO, che Milano, in Italia, ” non è, superiore a Brescia “…..Stendiamo un velo pietoso.

  8. Questa cosa di “eh ma la guerra” è da tifosi piccolini, dai, basta, così come la cosa degli arbitri. Io ancora non posso credere che possiamo goderci in Italia uno Shengelia, soprattutto se nonostante tutto li si batte lo stesso.

    1. Sono fatti oggettivi. La guerra ha stravolto il mercato producendo favoritismi e ha stravolto le competizioni e i campionati nazionali. La guerra ha prodotto vantaggi e svantaggi. L’Olimpia è stata danneggiata 2 volte. In Eurolega perché senza la fuoriuscita delle russe l’Efes era al pelo dal restare fuori dai play off e anche se ci fosse entrata da ottava l’Olimpia da terza avrebbe incontrato un’altra squadra e magari si potevano raggiungere le FF. In Italia si è trovata contro in finale playoff 2/5 del CSKA Mosca che nella normalità avrebbero completato la stagione in Russia. Quindi la Virtus ha avuto il doppio vantaggio di vincere un’Eurocup altrimenti a rischio, e si è trovata due ottimi giocatori per le finals scudetto in Italia. Per cui Efes e Virtus devono ringraziare la guerra, perché senza di essa la loro stagione avrebbe avuto un’evoluzione peggiore. Poi certo vedere Shengelia in Italia è bello. E quanto agli arbitri, penso che se ne possa parlare, nel momento in cui accordano 11 falli ad Hackett, e un tecnico al Chacho per uno sguardo e due parole, mentre Teodosic prende la gente a gomitate in faccia e quasi la passa liscia. Senza l’arbitro ucraino (che usa il metro d’Eurolega) in gara 1 e 4 il punteggio della serie sarebbe facilmente diverso e non a nostro favore. Certo. Nonostante tutto li si batte lo stesso, ma se il nonostante tutto è irregolare penso che in democrazia e senza eccedere con le parole se ne possa parlare.

  9. Grande partita tra due signore squadre, in una situazione di equità competitiva ( avere cioè la possibilità di preparare un impegno in condizioni simili), esce fuori la nostra maggiore fisicità e l’abitudine a gestire carichi mentali ad alto livello. E mi pare di poterlo dire, MVP neanche tanto occulto Messina, che sta surclassato Scariolo, il quale a fine partita ha tirato fuori pseudo analisi da pugile suonato. Pur con i grandi interpreti in campo, se Bologna vuole presentarsi in EL con questo impianto di squadra e societario, ecco forse qualche ragionamento dovranno farselo tra loro. Che mandino in campo Bonora, noi ci teniamo stretti non solo gli Shields e gli Hines, ma i Grant e tutti quei giocatori che in silenzio, avendo anche poco spazio e ancor meno soddisfazioni personali durante la stagione, poi mettono il loro mattoncino solido al servizio della squadra. Questo significa avere valori, direi lo stiamo dimostrando.

    1. Fino ad ora (con opportuni scongiuri…) Kasparov-Messina 3, Karpov Scariolo 1. Vedremo come andrà a finire (con opportuni scongiuri…), ma anch’io sono convinto che di fronte ad una sconfitta con perdita del titolo (con opportuni scongiuri…) la Virtus qualche ragionamento, in vista della prossima EL, dovrà necessariamente farlo. Anche sulla guida tecnica. Al di là delle chiacchiere di circostanza non credo che la vittoria della coppa del nonno possa appagare una dirigenza che ha dato in mano a Scariolo uno squadrone da F4 di EL (per parte nostra noi smettiamola con questa storia da perdenti della guerra che ha consentito alla Virtus di prendere i due fenomeni. Lo hanno fatto senza contraddire alcuna regola). Incrociamo le dita, ma… le sensazioni sono positive (con opportunissimi scongiuri…).

      1. @dellavedova non credo proprio di aver mai sostenuto che Milano fosse inferiore a Brescia! Sicuramente a Bologna sì, per diverse ragioni, alcune delle quali ritengo oggi ancora valide. In ogni caso il mio intervento era relativo all’arrivo dei due di EL, legittimo ed in linea con i regolamenti. Ciao

  10. Sull’ ingaggio dei due giocatori del CSKA, sono perfettamente d’accordo con te. REGOLARISSIMI e, alla luce di queste 10 partite, di playoff, ha fatto benissimo. Dopo la sconfitta di Milano, a Sassari, in stagione regolare, hai SCRITTO : ” Milano, con il 6 + 6, non è superiore a Brescia “.Saluti e, godiamoci questa finale che, NON è affatto conclusa.

  11. Ieri sera i nostri esterni hanno sostanzialmente stritolato i dirimpettai per energia e fisicità, soprattutto il terzetto Grant/Hall/Shields andava al triplo degli altri.
    Mi sa che gli abbiamo spento la luce, di solito non parlo degli altri ma Scariolo ha perso la bussola, chiedere il replay sulla stoppata di Hines e il terzo time out a 8 minuti dalla fine???
    A me sembra di aver visto anche parecchi scazzi in panchina Virtus tra il manico e qualche big o presunto tale. Comprensibile, quando hai preso troppi galli nel pollaio.

Comments are closed.

Next Post

Olimpia Milano vs Virtus #4 | Il tabellino di una gara che ci resterà dentro

Il tabellino statistico di gara 4 della finale scudetto tra Olimpia Milano e Virtus Bologna. La serie si sposta ora alla Segafredo Arena

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: