Troy Daniels in versione “El segna semper lu”: l’Olimpia vince con Reggio pensando ad Ataman

Con il corpo a Bologna, ma con la mente a Istanbul, Milano esce a cena con Reggio Emilia pensando all’amato (mica tanto) Efes, ma lasciando il conto da pagare alla squadra di Attilio Caja

Con il corpo a Bologna, ma con la mente a Istanbul, Milano esce a cena con Reggio Emilia pensando all’amato (mica tanto) Efes, ma lasciando il conto da pagare alla squadra di Attilio Caja.

63-67 il finale di una gara dove l’Olimpia si rivela commensale brillante a tratti, lasciando spesso il tavolo per il bagno come neanche Robin Williams in Mrs. Doubtfire.

Metafore cinematografiche che rivelano in poche parole un sali scendi naturale, che impone minuti a Shields e rimanda ogni valutazione su Gigi Datome. Al cospetto di un Andrea Cinciarini che avrebbe fatto bene ancora in biancorosso (anche in EuroLeague, visto Delaney…), si passa dal +10 d’avvio al pareggio di metà terzo quarto, sino all’allungo decisivo nel finale favorito dal lungo litigio dall’arco di una Reggiana troppo orfana di Olisevicius.

Successo sia, con Brescia preventivamente tenuta a distanza. Ora, corpo a Istanbul. Perchè la testa, come detto, è già a Malpensa. O Orio al Serio.

La partita

Ettore Messina rinuncia a Kyle Hines, ma porta nei 12 Shavon Shields, che lascia a guardare per tutto il primo quarto. In campo è 10-0 di parziale per iniziare con massimo vantaggio sul 7-17, Reggio d’altronde è lanciata verso i playoff ma con qualche problema di roster, con Olisevicius fuori a tempo indeterminato e Justin Johnson recuperato all’ultimo minuto.

E senza il suo re-marcatore la squadra di Caja arriva allo 0/10 da 3 di fine primo tempo. Le colpe della squadra di Ettore Messina sono fondamentalmente due: non fuggire, nonostante un Troy Daniels da 8 punti nel primo quarto e il 5/9 dei primi 15′ da 3, e 6 perse che permettono ai reggiani di tornare sino al -6 (29-35 a 4.23), prima del 29-39 dell’intervallo lungo.

Non un battesimo di partita facile per Tommaso Baldasso, pressato “alla morte” da un Cinciarini voglioso di dimostrare (in doppia cifra di assist già dopo 25′), e non a caso è sua la palla persa che apre al pareggio di Larson a 4.37.

Un parziale di 9-0 che evidenzia la “svagatezza” di chi con la testa è già a Istanbul, e che si ribadisce negli sviluppi: se l’Olimpia dice 10-0 (Ricci da 3, recupero di Grant per schiacciata Tarczewski, tripla di Daniels che arriva a 3/3 da fuori), in pochi attimi arriva il tecnico a Messina e quattro liberi in fila reggiani dopo una persa su rimessa per il 46-51 a 1.34.

Volata? Sì, ma di quelle lunghe, alla Pozzato nella Sanremo 2006. Rispetto al passista di Sadrigo, tuttavia, i biancorossi non danno tutto, pedalando a lungo con il cambio rotto, mentre Reggio è il gruppo che non trova la quadratura.

7-4 il parziale dei primi 7’ di gioco (0/2 pesantissimo di Grant a 3.30, 54-61), Larson risponde con un tiro da 3 che va più corto di uno starnuto contro-vento, e allora Daniels alza le braccia a 200 metri dal traguardo con la bomba del 56-64 a 2.22 (4/4 per lui da fuori).

Nel ciclismo, sempre un errore. Hall perde palla su doppia pressione dopo la rimessa (c’è di mezzo anche il Cincia…), Strautins segna il -3 a 50’’, Baldasso manca la tripla (impossibile a dire il vero), Reggio ha anche il tiro del pareggio con la stessa ala a 8’’ (fuori equilibrio), ma è game over.

One thought on “Troy Daniels in versione “El segna semper lu”: l’Olimpia vince con Reggio pensando ad Ataman

  1. Mamma mia, come giochiamo male! – lo devo dire mi dispiace.
    Del resto che ci sia un problema strutturale del nostro attacco, lo diciamo tutti da tempo. Quando poi mancano i protagonisti, come stasera, il disordine, la confusione, la mancanza di idee, l’inefficienza e i lunghi periodi di siccità si rivelano ancora di più.

    Contro un avversario molto determinato e voglioso, ma francamente tecnicamente piuttosto povero, era la serata per Alviti, Baldasso e Ricci non dico di brillare, non dico di incantare, ma almeno di mostrare personalità.
    Invece purtroppo niente.
    Leggo adesso che Messina è contento di Biligha, a me pare che sia stato svagato e impreciso, sia in attacco, dove nel primo tempo non riusciva a raccattare un passaggio di quelli indirizzati a lui, sia in difesa dove abbiamo subito troppi back door. Ha fatto una bella stoppata, e segnato 6 liberi su 6, vero, ma forse non basta. A me no, a Messina sì, buon per lui.
    Ha sicuramente più ragione di me.

    Io vedo Strautins che ha riaperto la partita con una sequenza che definirei impressionante – se la parola non sia stata ormai inflazionata e svilita dal pessimo commentatore Sconochini, che la usa come i cartelli sulle strade italiane, in eccesso – vedo Strautins fare mostra di personalità e mi dispiaccio che gli italiani anche di livello, come sarebbero Alviti, Baldasso e Ricci, non riescono a mostrare quella stessa personalità.
    Non vanno in campo con l’idea “questa è la mia partita” e se la giocano davvero: stanno in campo attenti a non fare cazzate, subiscono troppo l’allenatore e le sue possibili ire, o probabili nel caso di Messina. Però vai, vai lo stesso!

    Non so perché succeda.
    La mia sensazione è che gli italiani più forti, siano talmente più forti degli altri, quando sono juniores, che li tengono come sono e non gli insegnano niente. Un po’ di tecnica, certo, ma non quella cosa ineffabile che chiamiamo personalità, che ti porta a fare tutto quello che serve, tutto quello che è giusto, perché in campo “lo vedi”.
    Vabbeh, discorso lungo e forse fuori luogo in una serata in cui comunque abbiamo vinto, anche segnando poco e lasciando rientrare una squadra che insomma.

    (sul Cincia non sono d’accordo, Alessandro, ma adesso davvero sarebbe troppo lungo scrivere il perché anche per me che breve non sono).

Comments are closed.

Next Post

Reggio Emilia vs Olimpia Milano | Il tabellino di una vittoria da 2° posto

Il tabellino di un successo firmato Daniels, che blinda matematicamente almeno il secondo posto in LBA

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: