Christos Stavropoulos: Le condizioni per alzare il 35% in sicurezza ci sono

Alessandro Maggi 38

Il GM Christos Stavropoulos ha ribadito la posizione di Olimpia Milano su La Gazzetta dello Sport dopo l’Assemblea di LBA

Il GM Christos Stavropoulos ha ribadito la posizione di Olimpia Milano su La Gazzetta dello Sport dopo l’Assemblea di LBA tenutasi ieri pomeriggio.

«Fermo restando che la salute rappresenta la priorità assoluta, siamo convinti che ci siano le condizioni per andare ben oltre la capienza del 35% in totale sicurezza e lo abbiamo dimostrato».

38 thoughts on “Christos Stavropoulos: Le condizioni per alzare il 35% in sicurezza ci sono

    1. Identico….

      Chissà se riusciremo mai in Italia ad avere meccanismi virtuosi che consentono di “rimuovere” dalla classe dirigente (privata, pubblica politica) personaggi simili.

  1. Immagino che il Dott. Stavropoulos, primario di malattie infettive all’ospedale “Galis&Yannakis” di Salonicco, nel corso dell’intervista abbia presentato gli esempi, gli studi quantitativi con effect- size, nonché la peer review evidence- based di quanto afferma. Già il comunicato Lba mi aveva fatto rizzare i capelli in testa, ma ora è chiara la natura degli accordi presi: Baraldi s’accontenta del 35% ora, poi tutti si porta avanti la battaglia della Virtus con toni e contenuti annessi. Perché se leggi quel comunicato, è chiaro che l’ha scritto Baraldi, ci sono certi sfondoni che sono da sempre farina del suo sacco. Che noi ci si adegui a quello stile ( che poi quale percentuale si chiede? Se hai dimostrato scientificamente le tue proposte, allora vedi di formularle presentando un protocollo con tutti gli indicatori quantitativi e qualitativi) è per me fonte di profonda delusione.

  2. Non sono d’accordo. Non mi sembra che abbia detto che al 35% non si svende in campo

  3. Non si vuole più del 35% di people nei palazzetti? Allora che il governo approvi la deducibilità fiscale del 50% delle sponsorizzazioni, richiesta dalle società e bocciata nel 2020, perché l’assenza di pubblico ha fatto calare le sponsorizzazioni di 1/3.

    A chi come Marco De Mattia invoca la scientificità, rispondo che poiché l’afflusso e il deflusso da stadi (calcio) e palazzetti (basket, pallavolo etc) avviene sempre per la maggior parte tramite mezzi al chiuso che siano bus o la metro, come si può giustificare l’afflusso-deflusso da San Siro di 30k people e poi negare la possibilità di 5k people (ovvero il 50% dell’accesso al Forum di Assago) invece delle 3.5k attuali.

    La realtà è che all’estero, coi dati positivi dei vaccini (comprovati in Italia dal MdS) aprono al 100%. In Italia ci sono misure restrittive da lockdown pure col GP garantito dal vaccino e tutelato da mascherina.

    Pertanto un’accesso al 50% per il basket sarebbe il minimo.

    1. Caro Lupo lo puoi scrivere in tutte le lingue che vuoi mq tanto ognuno rimarrà fermo sulla sua posizione perché in fondo noi tifosi di Milano e quelli di Bologna siamo privilegiati ed egoisti perché tanto abbiamo gli Armani e i Zanetti e quindi chi se ne frega se a parte 4 squadre le altre rischieranno di sparire senza nessun aiuto statale e senza incassi del botteghino…

      1. Parla per te, non sragionare interpretando male il pensiero altrui.
        Per me e la stragrande maggioranza dei tifosi Olimpia e Virtus è fondamentale che il basket sopravviva soprattutto nelle piccole realtà in cui siamo cresciuti, imparato a giocare ed amare questo sport nelle quali ci siamo spesi come dirigenti, allenatori accompagnatori poi per i nostri figli. Tutte cose che forse ti sono aliene.
        Solo per.me la strada non è quella dei cancelli aperti a tutti i costi
        Bisogna valutare i rischi e ci sono per fortuna politici che ascoltano gli specialisti in immunologia. Per cui invochiamo una soluzione ma aspettiamo fiduciosi che ci venga data, consapevoli che sarà una cosa a lungo periodo nel quale ci dovremo spendere di piu per mantenere il funzionamento anche autotassandoci e rinunciando a vedere i nostri stessi figli in partita.

      2. A quanto pare hai la coda di paglia visto che ti sei sentito chiamato in causa…cmq con me evita di spacciarti per quello che non sei perché con me non attacca o veramente credi che io sia un idiota da credere alle stronzate che dici?? Svegliati che hai una certa età. Se saresti quello che scrivi di essere non saresti su questo Blog e sopratutto non insulteresti nessuno. Quindi smettila si scrivere cazzate e di spacciarti per quello che non sei..

      3. Ecco un altro saputello che quando non sa dove attaccarsi si aggrappa agli errori ortografici 😂😂😂 un altro che crede che basti chiamarsi The Coach per essere chi sa chi 😂😂😂

      4. Non che Marcolimpia mi stia particolarmente simpatico come del resto non credo di esserlo io per lui ma almeno lui interagisce nel blog a differenza di te che non scrivi quasi mai e quelle poche volte che lo fai sei banale a dir poco. Anche se io sono convinto che tu scriva con un altro nickname e usi questo per attaccarmi 😂😂😂

      5. La sostanza non cambia perché io non correggo gli errori degli altri ma evidentemente anche tu rientri nella categoria dei professorini che pur di attaccarmi si aggrappano a tutto..

  4. Caro Lupo, sono anche io per il 50%. Contesto in maniera ferma sia la metodologia, sia la cultura organizzativa sottesa. Discorsi del tipo: “abbiamo a cuore la salute pubblica, ma…” non li posso più sentire. Il mio concetto di serietà potrebbe essere una cosa del tipo: “Abbiamo a cuore la salute pubblica ed il futuro di un basket che si muova su prospettive solide e non avventuristiche, QUINDI ci impegniamo a far partire la stagione al 35%, proponendo da subito un protocollo per cui oltre al green pass e al distanziamento, forniamo mascherine ffp2 nuove ad ogni possessore di biglietto da far indossare all’ingresso, movimentazione limitata all’interno del palazzetto con bar chiusi, ingressi scaglionati in entrata ed uscita con divieto di permanenza nelle adiacenze degli impianti sportivi. Proponiamo anche che LBA promuova un audit a campione sull’efficienza del protocollo (l’efficacia non si può dimostrare), e richiediamo per il 15 ottobre (dopo che per un mese abbiamo dati sull’effettiva attuazione del protocollo, nonché dati sul contesto nazionale dopo un mese di apertura delle scuole) un incontro di verifica con il Ministero in cui portiamo i dati dell’audit e quelli sul ticketing, dimostrando che esiste una richiesta superiore al 35% e che possiamo farvi fronte con strumenti che abbiamo testato e monitorato con modalità evidence-based”. Poi sulla deducibilità mi trovi d’accordo, ma non mi pare ci fosse un capitolo ad essa dedicato quando ho fatto l’ esame di Igiene Pubblica all’Università. Sull’ estero non mi pronuncio, mi sembra facciamo fatica a metterci d’accordo sulle reali dimensioni del contesto nostrano e non mi pare che vada tutto bene, e su San Siro che ti devo dire, essendo all’aperto propongono numeri diversi, poi il problema dei movimenti all’esterno esiste, ma io non mi batterei per il diritto di contagiarmi come gli altri. Intanto negli ospedali riaprono i reparti covid con discreti numeri di non vaccinati, la variante delta è comunque molto aggressiva e può essere trasmessa anche dai vaccinati ( che però hanno vantaggi stratosferici e dimostrati rispetto a sintomatologie medio-gravi, ricoveri e decessi). Stiamo parlando di contesti complessi, in cui sappiamo ancora non a sufficienza di tutte le caratteristiche della malattia, la variante delta morde forte, e la nostra soglia di attenzione personale si è chiaramente ed umanamente abbassata, mentre si sono alzate di molto le occasioni di socializzazione, ed i nostri comportamenti, consci ed inconsci, sono molto meno “sicuri” non dico di marzo 2020, ma di maggio 2021. Capisco sia l’imprenditore che ha da fatturare per sé e per i propri dipendenti, capisco il tifoso che dopo 18 mesi sotto lo schiaffo non ne può più e vorrebbe vedere un pò di basket dal vivo ( pensa, anche io mi sto riducendo a vedere quello spettacolo indegno della Supercoppa su Eurosport, capisci come sto messo), ma frasi come “siamo convinti che ci siano le condizioni per andare ben oltre la capienza del 35% in totale sicurezza e lo abbiamo dimostrato” (Stavropoulos) , oppure “Il perdurare di queste limitazioni, associato al progressivo aumento delle vaccinazioni e dell’estensione dell’obbligo del Green Pass a un numero sempre maggiore di settori della vita del paese, continuerebbe a veicolare un messaggio sbagliato sulla efficacia di questi strumenti per il definitivo superamento della emergenza sanitaria.” (Baraldi feat. LBA) proprio non si possono leggere, ma fan venire la nausea ad ogni livello. Poi a chiudere il discorso, io non invoco la scientificità, la propongo avendone studiata la letteratura di riferimento, e contesto Stavropoulos sulla base di metodologie che ho studiato, non sul benaltrismo tipo “e allora il calcio?”. Senza polemica, credimi sono sincero, ma anche senza far passare messaggi che forse non sono chiari.

    1. Marco a quanto pare stanno studiando di mettere l’obbligo della vaccinazione come legge e io spero che la facciano al più presto così quando finalmente saremo tutti ma proprio tutti vaccinati sono proprio curioso di vedere che scuse troveranno per non aumentare in modo sensibile la quota di affluenza al palazzetto..

      1. A scanso di equivoci è stato il Premier Draghi a parlare di obbligo vaccinale non giornalisti o pseudonimi…

      2. Se pensi che tutti gli italiani vaccinati sia una condizione di sinecura sei in errore. L’esempio è Israele che attualmente pur essendo tutti vaccinati sta avendo problemi enormi
        Per quanto riguarda me non ho bisogno di spacciarmi per nessuno non sono uso a questi mezzucci che forse ti sono familiari . Non hai colto il senso del discorso ed il suo significato, forse a causa di limitazione intellettiva o più facilmente per disonestà intellettuale. Capisci solo ciò che ti conviene. Detto questo non perdo più tempo con te, sperando che il senso di questi miei due ultimi post venga colto dagli altri. Perché impegnarsi tutti insieme è importante.

      3. Ah allora vedi che il vaccino poi non è così sicuro come dicono? Hanno sempre detto che per chi si vaccina i rischi sono talmente lievi che non corrono pericoli e ora tiri fuori la storia di Israele che viene usata ad uso e consumo a convenienza. Detto ciò ti ripeto se tu fossi quello che sostieni di essere non saresti qui con noi comuni mortali e specialmente non insulteresti nessuno invece tu non sei nulla più che un tifoso smemorato vista la tua età e l’unica cosa che trasmetti quando commenti è il tuo ottimismo imbarazzante fuori da ogni contesto reale e veritiero. Quante volte mi hai già scritto che non perdi più tempo con me e invece sono due anni che puntualmente mi vieni dietro. Quindi come al solito predichi bene ma razzoli male perché sei ipocrita e incoerente con te stesso..

    2. Il tuo ragionamento non fa una piega, occhio però a trarre troppe conlusioni da due righe due scritte sulla Gazzetta.
      Non sappiamo se e cosa la LBA ha proposto al Governo per ottenere un aumento di capienza, che studi vi siano dietro determinate richieste (“l’abbiamo dimostrato” afferma il nostro GM…), che misure le società abbiano concordato di mettere in pratica per gestire l’affluenza di pubblico etc.
      Può benissimo essere come dici tu, ma potrebbe anche benissimo essere che non vadano in giro a dire nulla ai giornali di quelle che sono le trattative in corso.

  5. Marco, a scanso di equivoci, il mio intervento era ironico e sono totalmente d’accordo con te.
    Lavoro nel campo e ritengo di saperne un po’ di più della media, eppure sempre pochissimo, perché il problema è complesso.
    I ragionamenti bianco/nero fatti da emeriti ignoranti mi fanno venire il prurito.
    Chi pensa di avere la verità in tasca (sopra puoi leggere alcuni brillanti esempi) è semplicemente un cretino o in mala fede o ambedue.
    Ma se lo fanno i capi di partito perché meravigliarci che lo faccia qualcuno qua…

    Grazie per i tuoi post, belli e onesti.

    1. I capi di partito ( di destra) cercano solo di raccogliere le pecorelle smarrite per speculazioni elettorali di basso profilo, non perché hanno a cuore la libertà del popolo sovrano. Tutto ciò si può definire in un solo modo: meschino

      1. Non è che i capì di partito di sinistra siano migliori. Anzi su un aspetto si sono migliori: riescono sempre a perdere le elezioni ma poi chissà come mai so ritrovano sempre al Governo 😂😂😂

      2. L’esempio da te citato non ha alcuna attinenza con la considerazione da me formulata, se ti esimi dal replicare, ringrazio sentitamente, ma dubito tu segua il mio buon consiglio visto che confondi capre con cavoli

      3. In questo caso chi confonde capre con cavoli sei tu perché l’esempio da me citato non era attinente con la tua considerazione ma era un’aggiunta alla mia risposta “Non è che i capì di partito di sinistra siano migliori” che è pertinente al tuo commento..

      4. Bene, come volevasi dimostrare, anche stavolta non ce l’hai fatta a tacere, è bello come, nonostante tu sei un po deboluccio nel capire quello che scrivo, riesci sempre a darti ragione, cosi vinci facile……

      5. No no non sono io che sono deboluccio nel capire quello che scrivi ma piuttosto sei tu che esprimi concetti ambigui tenendo fede al tuo personaggio 😏😏

    2. La differenza tra te e Marco o Cap è che loro discutono senza mai offendere a differenza tua che in ogni intervento non manca mai l’insulto a chi non la pensa come te.

      1. Daniele ti ringrazio per le parole di stima, ti chiederei cortesemente di non tirarmi per la giacchetta, magari è solo una mia fissa, ma ci tengo, grazie.

      2. Marco non era mia intenzione tirarti per la giacchetta ma ho solo fatto capire la differenza che c’è tra chi discute senza offendere anche se con vedute diverse e chi non perde occasione per insultare. E cmq è la verità che con te si può discutere civilmente ed educatamente questo non significa tirarti per la giacchetta perché io non mi aspetto proprio nulla da te.

  6. D’accordo con Stavropoulos partiamo da 35% ma comunicando e negoziando con calma un aumento visto che ci sono le condizioni logistiche.
    (credo che il Governo voglia vedere il trend con l’apertura delle scuole)

    Propongo a Maggi lo stesso approccio sul blog: massimo 15% di commenti di una stessa persona sullo stesso articolo per rendere la comunicazione più leggibile. Una regola che potremmo darci tutti autonomamente e che farebbe bene a tutti

    1. @Daniele, hai voglia a replicare sempre e comunque a tutto e a tutti, quando mancano solide basi su cui appoggiarsi, detto in soldoni: studia, impara qualcosa, poi, forse, potrai permetterti quella condotta; nell’attesa che tutto ciò avvenga un po di umiltà, meno parole, meno interventi inutili e non all’altezza delle tue aspettative, insomma, LESS IS MORE @DANIELE…..altro che mio personaggio

      1. In primo luogo se mi devi dire qualcosa inizia a imparare a rispondermi ai miei commenti e non ad altri. Le tue considerazioni su di me non mi toccano minimamente perché io non ti conosco come tu non mi conosci e io a differenza di te non giudico gli altri. Evidentemente a forza di comunicare con il tuo amico Orlando sei diventato come lui pronto a giudicare persone che non conosci personalmente pretendendo di sapere pregi e difetti dell’altra persona. Ormai dovresti aver capito da intelligentone quale sei che io non prendo lezioni di vita da sconosciuti. Io almeno sono chiaro a differenza della tua ambiguità che stai un po’ qua e un po’ la 😏😏

    2. Non ti stanchi di ripetere a giorni alternati sempre la stessa zolfa? È tipico di persone di una certa età. Vuoi vedere che @Julius ci aveva visto giusto?

      1. Non offenderti caro, io ti giudico per quello che e per quanto scrivi, io giudico l’avatar che sei nel blog ( laddove esprimi tutto il vorrei ma non posso che nella vita reale non ti riesce) e bene fai a metterti con quell’altro……e adesso basta: buoni sproloqui futuri!!

      2. Figurati se mi posso offendere per un giudizio di chi non conosco. Pensa che io non giudico neanche l’avatar e cmq anche qua sei ambiguo perché nel momento in cui mi scrivi che io esprimo tutto il vorrei ma non posso che nella vita reale non mi riesce questo significa giudicare nel privato una persona che non conosci per nulla stesso difetto di altri che hanno la presunzione di conoscere e sapere tutto dell’altro solo basandosi su quanto scritto qua. Ho dovuto combattere con essere peggiori figurati se mi posso offendere per te. Quello che tu definisci “quell’altro” è sicuramente più chiaro di te che fai dell’ambiguità il tuo cavallo di battaglia. A me piacciono le persone chiare che tengono fede alle proprie idee senza stare un po’ qua e un po’ la come fai tu caro Fab. In fondo anche qualcun altro mi pare che ti abbia scritto che tu fai parte del personaggio che ti sei costruito. Non c’è nulla di male eh sei liberissimo di farlo perché ognuno può agire come meglio crede na semplicemente a me non piacciono per il mio modo di essere. Buona vita!

      3. Meno male che tu non offendi.

        Credo che un autocontrollo sullo scrivere troppo possa far bene a tutti.
        Non mi sembra un concetto offensivo, ma visto che sei in guerra non si può dire più niente.

      4. E quale sarebbe l’offesa? Aver scritto che ha una certa età o che Julius ci aveva visto giusto? Autocontrollati tu sullo scrivere perché non è un obbligo e cmq non puoi impedire agli altri di scrivere di meno solo per un tuo piacere personale.

Comments are closed.

Next Post

Dove vedere l'Olimpia Milano in TV: tutte le domande, tutte le risposte

Dove vedere Olimpia Milano in TV. Proviamo a fare chiarezza sulla trasmissione delle gare di Olimpia Milano nella stagione sportiva 2021-2022
Dove vedere Olimpia Milano in TV

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: