Dino Meneghin: Nicolò Melli è il giocatore che ogni coach vorrebbe avere

Intervistato dal QS, Dino Meneghin ha parlato anche di Nicolò Melli e di Olimpia Milano con il sottoscritto

Intervistato dal QS, Dino Meneghin ha parlato anche di Nicolò Melli e di Olimpia Milano.

SU NICOLO’ MELLI

«E’ il giocatore che ogni allenatore vorrebbe avere. All’estero è maturato tantissimo, anche perché ha lavoro con due eccellenze come Obradovic e Trinchieri. È maturato tantissimo dal punto di vista tecnico, e anche a livello fisico è superiore. A 30 anni torna un giocatore completo, che può marcare sia i lunghi che i piccoli, e in attacco colpire da fuori, o leggere le situazioni. Con Ricci l’Olimpia ha composto una bella coppia di atipici, poco da dire».

SUGLI ITALIANI ALL’ESTERO

«In primo luogo, se sono andati all’estero è perchè sono stati scelti, perchè hanno dimostrato in Italia di essere bravi, di avere un potenziale. Altrimenti, non sarebbero stati scelti in Spagna, Turchia, Germania… Poi, l’esperienza all’estero può essere migliore e maggiormente formativa: deve aumentare concentrazione e impegno, altrimenti ti rispediscono a casa».

SUI SUOI ANNI

«Se ho mai pensato di andare all’estero? No, Varese prima, e Milano poi, erano protagoniste in Italia e in Europa, quindi non avevo interesse a muovermi. E poi c’era la questione cartellino: per avermi, un club avrebbe prima dovuto pagare la mia società, poi il mio stipendio. Conveniva di più puntare su un americano, che magari era anche più forte. Diciamo che oggi i giocatori hanno più libertà di scelta rispetto ai tempi miei».

4 thoughts on “Dino Meneghin: Nicolò Melli è il giocatore che ogni coach vorrebbe avere

  1. Speriamo che faccia i punti di Leday xchè se gioca solo in difesa sarà anche un Panda ma non si vince.

    1. Noooooo, come puoi pensare ciò?, IO sono l’unico deputato ad avere un atteggiamento di perplessità, di dubbio, se non critico verso il grande Nick!

    2. A parte che Melli prende il posto di Brooks e non di Leday il quale è stato sostituito da Mitoglou, è difficile che Melli possa fare peggio di Brooks. La coppia Mitoglou-Melli è nettamente più forte della coppia Leday-Brooks visto che il povero Leday per l’incostistenza di Brooks faceva reparto da solo.

Comments are closed.

Next Post

Nicolò Melli: Lo Scouting Report di Fabrizio Lorenzi sul Grande Ritorno

Torna per ROM Fabrizio Lorenzi che ci regala il suo Scouting Report su Nicolò Melli, capitano di Italbasket tornato in Olimpia Milano
Nicolò Melli Scouting Report

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: