Stefano Tonut-Olimpia Milano, il giocatore resta alla Reyer Venezia?

Alessandro Maggi

Aggiornamento di mercato su due giocatori accostati nelle scorse settimane ad Olimpia Milano: Stefano Tonut e Achille Polonara

Aggiornamento di mercato su due giocatori accostati nelle scorse settimane ad Olimpia Milano. 

In primo luogo, Stefano Tonut. Il giocatore ha ancora due anni di contratto con la Reyer Venezia, con escape EuroLeague solo nell’estate 2022.

Si era parlato di un “un milione di euro messi sul piatto da Olimpia Milano”, ma la cifra pare eccessiva per un buyout come per un nuovo contratto.

La società biancorossa è certamente interessata al giocatore, ma al momento non risultano trattative aperte con il club veneto, che rinuncerebbe a Tonut solo dietro massimizzazione dell’uscita contrattuale a livello economico.

Oggi il Corriere Veneto lega il futuro di Stefano Tonut a quello di Walter De Raffaele. Entrambi parrebbero destinati a restare in oro-granata.

Secondo La Gazzetta dello Sport nel fine settimana l’agente di Stefano Tonut si incontrerà con la dirigenza della Reyer Venezia, in primo luogo con il presidente Casarin.

Sul giocatore si registra l’interesse delle società italiane, oltre a Unics Kazan e non meglio precisate società turche.

Quindi Achille Polonara. Il giocatore ha risposto su un possibile accordo con il Fenerbahce, che pare vicinissimo: «Il Fenerbahce è una delle squadre che mi sta seguendo, ma non ho firmato alcun contratto. Vedremo come andranno le cose nelle prossime settimane».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Sandro Gamba: Non è il momento decisivo. Di più. Tirar fuori quello che c'è. Adesso

Sandro Gamba firma su Repubblica-Milano il suo editoriale «Tiro Libero» nel momento più drammatico della stagione
Sandro Gamba

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Renato Villalta Milano
Renato Villalta: Bologna superiore sugli italiani. Tarczewski sarebbe servito

Renato Villalta, certamente il giocatore italiano più rappresentativo della storia della Virtus Bologna, analizza questa finale

Chiudi