Mirotic è ancora un flop, lo Zenit firma l’impresa: si torna al Palau

Uno Zenit clamoroso, e un Pangos immarcabile, trascinano il Barcellona a gara-5. Xavi Pascual serve l’ennesimo colpo con i blaugrana

Uno Zenit clamoroso, e un Pangos immarcabile, trascinano il Barcellona a gara-5. Xavi Pascual serve l’ennesimo colpo gobbo alla piazza che lo ha reso, e che ha reso, grande. 74-61 il finale.

Una gara che i russi approcciano benissimo dall’avvio, 25-13 a fine primo quarto, e che il Barcellona prova a tenere in piedi con la difesa nel 36-26 di fine primo tempo. Per la squadra di Pascual partenza a mille di Poythress, 9 punti con 4/5 da 2, Barcellona che è 2/9 dall’arco e 7 di Calathes.

Ma i russi, privi di Gudaitis e Ponitka, decidono di dettare comunque il ritmo con un passo assolutamente insostenibile per la squadra di Jasikevicius. A inizio quarto quarto arriva anche il +22 sul 62-40, Kevin Pangos è l’orchestratore del tutto, e se Mirotic manca ancora l’appuntamento, il Barca evita il tracollo solo con Nick Calathes.

Per lo Zenit 22 di Kevin Pangos con 8 assist, 12 di Alex Poythress con 5 rimbalzi, 11 di Balck e Hollins.

Nel Barcellona, 4/19 da 3 e 19/40 da 2, 19 di Calathese 13 di Higgins, per Mirotic sono 7 con 2/11 dal campo.

Next Post

Ettore Messina: Teniamo la prua nella giusta direzione

Olimpia Milano che chiude avanti il primo tempo 40-50 all’Audi Dome, 31-17 il parziale del secondo quarto
Ettore Messina

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: