Olimpia Milano vs Trieste | Le pagelle di RealOlimpiaMilano

Giornata sottotono per quasi tutta la squadra biancorossa, non bastano Datome e Hines

Moretti 5 – Titubante, rifiuta un tiro e perde il pallone. Messina lo toglie dal campo e lo rimette solo negli ultimi minuti, a partita ormai andata.

Micov sv – Si infortuna alla caviglia destra nel secondo quarto, ricadendo sul piede dell’avversario. Ghiaccio e stampelle per il serbo, aspettando gli accertamenti dei prossimi giorni

Gravaghi sv – Pochi secondi nel finale

Moraschini 5 – Alcune disattenzioni su Henry in avvio ed alcune perse, qualche buona azione offensiva. Non una serata brillante.

Roll 5 – Un paio di canestri nel finale di terzo periodo ed un po’ di difficoltà. Deve ritrovare il ritmo.

Rodriguez 5 – Più perse che assist, fa alcuni canestri, ma chiude con 4/11 dal campo. Gioca per parte del match con una fasciatura al pollice. 

Tarczewski 5.5 – Inizia bene in attacco, fa fatica dietro contro i lunghi triestini.

Cinciarini 5.5 – Lotta e recupera qualche pallone, ma non riesce ad incidere nel complesso nel match.

Shields 5 – In evidente ritardo di condizione, dopo l’infortunio. Non gli riescono le classiche giocate, pur chiudendo in doppia cifra.

Hines 6 – Massimo in carriera in campionato (15 punti), pur soffrendo comunque dietro contro i lunghi della squadra ospite, in particolare in avvio di secondo tempo.

Datome 6 – Buon break nel secondo periodo. Uno dei pochi a trovare il canestro con discreta continuità.

Coach Messina 5 – Decide di far riposare tre giocatori chiave, dopo le fatiche europee. Perde anche Micov durante la partita e non riesce a trovare soluzioni per contrastare l’attacco triestino. Ma, obiettivamente, poteva essere anche prevedibile, dopo due mesi di fuoco e senza sosta. 

19 thoughts on “Olimpia Milano vs Trieste | Le pagelle di RealOlimpiaMilano

  1. Voto 5 ai tifosi, anche loro distratti, a giudicare dai commenti.
    Se siamo stanchi noi figurati i giocatori…
    Oggi davvero squadra poco concentrata, un po’ troppo, non so quanto gliela farà pagare Messina.
    Su Moretti è arrivato il momento di farsi delle domande? Forse un prestito sarebbe già una buona idea….

  2. Serata che ci puo’ stare. Forse i quintetti non erano proprio bilanciatissimi.
    Moretti e’ il sesto italiano, scarsino (ad oggi), ma e’ meglio di uno juniores. In prestito magari la prossima stagione, non ora. Anche perche’ continuare ad allenarsi con questi compagni puo’ fargli bene, anche se gioca poco.
    Giusto fare un po’ di tournover. Peccato per Vlado: stava tornando il Professore che tutti conosciamo. Sara’ la nostra arma in piu’ per il rush finale per i playoff di EL, da marzo.

  3. secondo me crollo fisiologico, partita da 6 politico a tutti. A tutti tranne Moretti e Cinciarini, che giocano male e non dimostrano di poter aiutare chi è giustamente provato da molte battaglie o chi sta rientrando. Moretti dovrebbe essere spedito altrove, ci fosse un giovane del vivaio con un minimo di prospettiva e di voglia. Per esser meglio di moretti oggi basta pochissimo. A oggi quello che doveva essere il futuro olimpia è purtroppo un fiasco eclatante, un mix di incapacità, mollezza, atteggiamento sbagliato sul campo, dove uno come lui dovrebbe morire su ogni pallone, tirare ogni tiro aperto, difendere come un pazzo. invece sembra in gita premio.

  4. Sarei pronto a scommettere forte, se ci fossero i dati precisi, che questa partita è stata il record di Messina in panchina seduto!
    L’ho visto lì praticamente a ogni inquadratura.
    E mi va benissimo, ci mancherebbe.
    Ma ogni scelta fatta porta delle conseguenze, e quelle di oggi le abbiamo viste tutti.

    Cerchiamo però di andare oltre la banale quotidianità, anche perché appunto questa partita tale era per noi, banale quotidianità di nessun significato.
    A una squadra che gioca allo spasimo da due mesi come la nostra, in grande inferiorità numerica del proprio roster, non potevi chiedere di metterci l’anima anche stasera, soprattutto perché davanti avevano una squadra organizzatissima, infoiatissima, che ha tirato da 3 daddio, e se non tirava da 3 pescava l’uomo solo sotto canestro. Bravissimi.

    Andiamo oltre la quotidianità banale dunque, e rendiamoci conto che nel basket lo stress mentale e quindi la stanchezza, è molto, molto più pesante e delicata di quella fisica.
    Una partita di basket dura meno di due ore, intervalli compresi, mentre non credo che ci siano allenamenti che stiano sotto le due ore…
    Dunque non è l’impegno fisico di una ventina di minuti che può prostrare atleti di questo livello.
    Ma il mentale: ah, il mentale, quello sì.

    “Stare in partita” a questi livelli, significa non soltanto giocare al proprio meglio per creare vantaggi a sé e ai compagni, e difendere anticipando le mosse di avversari esperti ed atletici, significa anche processare in nanosecondi decine di scelte possibili, alternative, tra quella che farai davvero e quella che potresti fare, e quelle che farà davvero il tuo avversario tra quelle che potrebbe fare.
    È questo continuo computare geometrie, possibilità e probabilità che rende faticosissimo il mentale del basket, perfino a livello amatoriale delle palestrine da oratorio, come sa chiunque abbia giocato contro gli amici la sera, ma col desiderio fiero e fortissimo di vincere, di prevalere!
    A fine serata sei mentalmente sfinito, solo la birra può rimetterti in palla – vabbeh alla nostra età e al nostro livello di pcisti sei sfinito anche fisicamente, ma questa è un’altra storia, una storia di ex atleti 😅

    La prova ne è, io credo, che Messina è stato seduto in panchina per un tempo record, o giù di lì, dopo due mesi giocati allo spasimo in grand inferiorità numerica del proprio roster, e su una partita che per noi questo pomeriggio non contava niente – proprio niente, niente, niente.
    Ovvero Messina non aveva la voglia e le risorse mentali di fare l’allenatore che è.
    Si è incazzato, certo, l’abbiamo visto in certe riprese, ma quel genere di rabbia non è energia mentale positiva, come quando si mette lì a bordo campo a dare tutto quello che ha a tutti e cinque i suoi giocatori, spronandoli e guidandoli anche se loro non possono vederlo o sentirlo, quella rabbia è soltanto una reazione di frustrazione per le cose che stanno andando male, ma è energia rivolta al passato, all’azione appena trascorsa, energia non utilizzabile dai giocatori.
    Dunque è stato a cominciare dalla testa che sono mancate le energie mentali e quindi ci siamo lasciati sopraffare, da una squadra che ha giocato una gran partita, da una squadra che se giocasse così sempre, batterebbe anche il Barcellona…
    Nel senso: i nostri, a cominciare da Messina, è come se avessero detto: io gioco fin qui, se va bene, bene, se no pazienza.
    Ed è stato pazienza, ma senza rabbia, senza dispiacere, senza eccessi di fatica.
    È stato leggero e indolore come un Messina che sta seduto per 32 minuti durante una partita dei suoi 😀

    E ci abbiamo rimesso pure un Micov, che sfiga quest’anno, il professore.
    Per il resto niente. Se ci avessero lasciato vincere giocando al piccolo trotto, l’avremmo vinta volentieri, ma se ci costringono a tirare su le maniche e andare allo spasimo dopo due mesi allo spasimo, in una partita che per noi non conta nulla, beh, allora no grazie.

    1. Disamina eccellente e condivisibile in toto aggiungerei solo che giocare senza ala forte complica assai le cose. Zac zainetto fuori per scelta Brooks rotto, Micov fuori per infortunio anzitempo, Paolino idem, Datome fa quel che può, abbiamo giocato persino qualche minuto con Tarczewski da centro e sua maestà in posto 4 ma secondo me ce ne serve uno tosto in più come polizza assicurativa un Melli ad esempio che colleziona DNP in NBA. Non sarebbe facile inserirlo ora ma credo sarebbe una magnifica garanzia.

      1. Sai per caso qual è l’entità del contratto NBA del buon Melli? Perchè “pagare moneta e vedere cammello” potrebbe non essere cosi easy to get

      2. Troppo elevata per noi ma spero in futuro intervengano altri fattori, per ora è solo un sogno usato ad esempio, credo però non sono uno scout, che siano disponibili altri giocatori di qualità. Al momento è solo questione di amalgama con l’esistente ma è ovvio che l’anno prossimo dovremo mettere mano al roster in quel ruolo

  5. Credo anche che dopo l’infortunio di Micov abbiamo deciso che non era il caso.
    Aggiungo che Moretti non lo capisco e non capisco il motivo per cui e’ qui…magari mi sbaglio ma oggi e’ stato impalpabile uso un eufemismo

  6. Mese di Gennaio durissimo e d’accordo sul fatto che oggi si sia arrivati stanchissimi mentalmente e fisicamente ma qualcuno più fresco dovrebbe dare una mano in LBA. Poi c’è qualcuno che inneggia ai 30′ agli italiani. Un coach penso si incazzi di più per una scelta sbagliata che per un tiro. Oggi Moretti ha rifiutato una tripla apertissima per poi perder palla ed è normale che poi lo si panchina. Anche Moraschini in Italia dovrebbe prendersi più responsabilità in attacco invece il ferro lo guarda proprio se si è alla canna del gas. E l’ultima settimana di eurolega non ha giocato tanto (con lo Zenit solo 4 minuti…). Spiace per il Prof che non è proprio il suo anno e spiace per noi tifosi non averlo potuto godere per il suo possibile ultimo anno.

      1. Gae guarda che il plagio è reato, se copi da uno che ha il tesserino ti può denunciare. È solo un avviso, niente di personale

      2. Per una volta complimenti: ricerca da “quinta colonna” della polizia postale, davvero divertente, per me è sempre lui, altrimenti sarebbe davvero squallido

      3. @fab non è il suo stile e sono opinioni molto diverse da quelle che esprime di solito, brevi e negative oppure che incensano ma senza un vero contenuto.
        È già da un po’ che sospettavo, stavolta sono andato a controllare, credo di averlo beccato, gli ho chiesto due volte di confermare o smentire, per due volte lui non risponde, come si vede.

        Mi sembra difficile che sia sempre lui, come suggerisci tu, intanto per lo stile, come ho detto, anche grammaticale, “Armando” non ha quella proprietà di linguaggio e quei contenuti, e poi troverei molto strano che scrivesse su Sportando con due pseudonimi diversi, entrambi peraltro nello stesso thread, e piuttosto diversi tra loro per stile e contenuto.

        Non so chi sia, non mi pronuncio su chi sia stato, ma se fossi Maggi farei un controllino.
        Lo scherzo non è divertente.

      4. Beh, non prendere tutto cosi seriamente, divertente è certamente la tua indagine-inchiesta sul presunto doppiogiochismo o meno di un nostro blogger, è comunque un fatto curioso qualsiasi significato abbia, speriamo si diverta anche lui adesso che è stato scoperto con le dita nella marmellata

  7. In una giornataccia generale non starei tanto ad accusare Moretti che è il dodicesimo o giù di lì. Piuttosto si valuti seriamente un prestito ed integrazione del roster con un italiano più pronto almeno per LBA e tutto sommato ne vediamo qualcuno.

  8. Direi che la scelta di preservare i 3 americani cardine sia abbastanza indicativa del fatto che Messina avesse già messo in conto la possibilità di una sconfitta.
    Zach venerdì sarà determinante poichè l’Asvel è molto fisico e lui è l’unico 4 di peso, data l’assenza di Brooks.
    Delaney e Punter credo siano stati risparmiati anche in ottica coppa Italia dove dovranno dare qualcosa in più poichè i vecchietti con 3 partite in 4 giorni verranno ruotati più di loro.
    Poi perdere di 20 non piace, ma ci sta anche vista la prestazione ospite davvero incredibile.
    Micov sfiga mortale ma se riesce a entrare in forma per tempo, potrebbe essere l’acquisto per lo sprint finale.
    Moretti conferma solo quello che si è già visto, ma anche che è in grosso debito di fiducia.

  9. Comunque vedere Tarcisio e Hines in difficoltà contro i lunghi triestini … ok … siamo stanchi … specie di testa … ma non è un gran segnale … ed è una costante che contro lunghi con il tiro dalla media lunga distanza andiamo in difficoltà …

Comments are closed.

Next Post

Serie A2: Verona bombarda Urania, vince la Tezenis 93-80

Trasferta amara per i Wildcats che cadono nettamente a Verona contro una Tezenis micidiale da dietro l’arco. Verona si conferma bestia nera dell’Urania Milano, questa volta nessun finale in volata con i ragazzi di coach Diana vincenti per 93-80. I Wildcats partono bene, comandano nel primo tempo (30-36) ma negli […]

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Ettore Messina: La perdita di Micov è la degna conclusione di una serata storta

Ettore Messina commenta così il ko in Olimpia Milano vs Trieste: Tutto questo non deve togliere nulla ai meriti di...

Chiudi