Serie A2: Verona bombarda Urania, vince la Tezenis 93-80

F.M.B

Trasferta amara per i Wildcats che cadono nettamente a Verona contro una Tezenis micidiale da dietro l’arco.

Verona si conferma bestia nera dell’Urania Milano, questa volta nessun finale in volata con i ragazzi di coach Diana vincenti per 93-80.

I Wildcats partono bene, comandano nel primo tempo (30-36) ma negli ultimi 3′ i padroni di casa piazzano un significati parziale di 14-3 andando al riposo sul 44-39. L’inerzia di quel parziale viene confermata anche nel secondo tempo, le triple di Tommasini e del solito Candussi scavano un importante solco fino al +13 (66-53) dopo un bel canestro di Greene a 2′ dalla fine della terza frazione. La Scaligera si aggiudica per il 3° periodo 26-22 entrano negli ultimi 10′ avanti 70-61, un quarto dove Urania ha faticato molto a trovare la via del canestro se non dalla lunetta ma, soprattutto, messa sotto a livello d’intensità.

Nell’ultima frazione Verona comincia con un 4-0 per tornare in doppia-cifra e non si girerà più, micidiale Tomassini con la tripla a 4’29” per il nuovo +13 (81-68). Tiro da 3 che si conferma arma micidiale dei gialloblù con 13/29 (8/17 nel 2° tempo). Per Verona inoltre ben 5 giocatori in doppia-cifra a referto con il capitano Luca Tommassini da ben 17 punti (22 di valutazione) tutti realizzati nel secondo tempo.
Per i Wildcats Nik Raivio è il top-scorer con e migliore per valutazione (25).

Urania (6-7) tornerà in campo sabato alle 18:00 contro Casale Monferrato.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

LBA Round#18 | Secondo ko con Milano, dietro risalgono Virtus e Venezia

Si è chiuso il diciottesimo round di LBA. Olimpia Milano al secondo ko stagionale, Sassari riposa e resta a quattro vittorie di distanza
Sasha Djordjevic

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Olimpia Milano vs Trieste | Le pagelle di RealOlimpiaMilano

Giornata sottotono per quasi tutta la squadra biancorossa, non bastano Datome e Hines

Chiudi