Giorgio Armani: Mi manca il contatto. Proteggiamo Milano e la Terra

Alessandro Maggi

Il signor Giorgio Armani ospite de «La Verità» in una lunga intervista concessa a Paola Bulbarelli. Ecco quattro dichiarazioni estratte

Il signor Giorgio Armani ospite de «La Verità» in una lunga intervista concessa a Paola Bulbarelli. Ecco quattro dichiarazioni estratte.

SUL PERIODO DIFFICILE

«È stato uno shock perché sono abituato a toccare i tessuti, le modelle sulle quali costruisco gli abiti. Mi è mancato questo contatto». 

«Io ero in campagna ma con l’angoscia di non arrivare a fare le cose che avevo deciso di fare, e invece ci sono riuscito. Ho scelto il recupero di un’eleganza che non c’è più ambientata in una Milano che si è un po’ persa e che mi auguro si possa recuperare». 

«Vedo questi vestiti portati da donne giovani e meno giovani, basta abbiano eleganza nello sguardo e nel portamento. Perché non è detto che una donna debba essere per forza bella, tanto è vero che si vedono modelle non belle come erano le star degli anni Settanta e Ottanta ma che hanno qualcosa». 

«Abbiamo recuperato anche la capacità di esprimere noi stessi, le donne usano la moda secondo la propria personalità».

SULL’ALTA MODA

«Anch’io, a volte, mi sono fatto prendere la mano. Riconosco d’aver sbagliato. C’è il bisogno di stare al pari dell’evoluzione ma qualche volta l’evoluzione si confonde con l’involuzione. Finché ho dato ragione a me stesso l’ho sempre imbroccata, quando ho sbagliato è perché ho seguito il gregge».

SU MILANO

«Milano nel mio immaginario è una città meravigliosa con vie stupende, palazzi discreti, giardini nascosti. Purtroppo da quando hanno cominciato a fare i graffiti è cambiato un po’ tutto». 

«Hanno stravolto Milano. Sono molto dispiaciuto che nessuna istituzione abbia messo un freno. A Londra non ci sono e a Parigi neanche. Ma questa città mi ha dato la possibilità di far conoscere il mio pensiero. Non mi ha mai tradito. Quello che ho fatto l’ha apprezzato. Sono milanese d’adozione, Milano è arrivata per caso. Quando mi ci sono trovato in mezzo ho capito che era la città giusta».

SULLA MODA

«La moda può aiutare a sognare, a staccare l’attenzione dalle cose orrende che ci succedono attorno. Pensiamo alla bellezza di essere sulla Terra. E la Terra è qualcosa che ci appartiene. Non dobbiamo dimenticarlo». 

«Si può essere stramiliardari ma se la Terra ci tradisce siamo tutti nella stessa barca. Non sono promotore di una campagna per la salvezza della Terra, però bisogna tenerne conto. Facciamo attenzione a come calpestiamo un prato, a come roviniamo un muro con i graffiti, pensiamo a tenere pulita la Terra. In questo mi sento molto battagliero. Godiamo della vista della campagna, prediligiamo la semplicità. C’è bisogno di pulizia in ogni ambito».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Verona vs. Urania Wildcats | in campo alle 18 all'AGSM Forum

Dopo la bruciante sconfitta al Lido i Wildcats cercano la rivincita stasera a Verona in un match importante per la classifica. Seconda trasferta consecutiva per l’Urania (6-6) che stasera a Verona affronta la Scaligera due settimane dopo la prima sfida persa al Lido 72-75 dai ragazzi di Villa. Un match, […]

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Blocco in Israele: anche Maccabi-Khimki verso il rinvio

Secondo il giornalista israeliano Yakov Meir, verso il rinvio la sfida tra Maccabi e Khimki - in programma per il...

Chiudi