Ettore Messina alla DS: Un campionato appassionante, una stagione che merita di arrivare in fondo

Alessandro Maggi

Dopo il successo sulla Virtus Ettore Messina è ospite della DS: Con Belinelli la Virtus ha aggiunto un giocatore che può cambiare una partita

Dopo il successo sulla Virtus Bologna Ettore Messina è stato ospite della DS, Domenica Sportiva, su Rai 2. Ecco le sue parole.

Subito una precisazione. «Ho letto il titolo. Messina: La legge del più forte? Mai detta una cosa simile. Mi ci manca solo quello, che poi quando esco per strada a Bologna mi fanno il mazzo». Solo un titolo precisa la rete, non una dichiarazione.

Sulla partita: «Abbiamo giocato una buona partita, ovviamente siamo contenti».

La DS è dedicata all’anno dello sport italiano, il punto sulla pallacanestro è del coach di Olimpia Milano: «E’ una pallacanestro dove ci sono squadre che hanno dietro proprietà molto importanti, e che dunque hanno potuto affrontare con forze importanti la stagione in corso, e quelle precedenti. Ma ci sono altre che senza gli incassi del pubblico stanno facendo fatica. Questo è un problema, perché va visto ovviamente anche a cascata: scendendo di categoria, il problema è reale».

E il “caso” Virtus Roma è emblematico: «Quella è stata una cosa che ha fatto male perché la Virtus ha iniziato il campionato. Ha fatto male a Roma, ha fatto male alla pallacanestro. Ora speriamo che, pagato questo, non ci siano altri problemi. Le gare rinviate diminuiscono, speriamo che, tra il vaccino in arrivo, e la crescita dei controlli, si riesca a portare a termine una stagione fino ad oggi molto bella».

Un’annata insomma degna di nota: «Non solo perché siamo primi in classifica, che comunque aiuta. Ma perchè ci sono giocatori importanti, o penso a Cremona che questa sera ha giocato una bella partita e ha vinto. Un campionato appassionante, dove non esiste più il fattore campo».

E oggi era il “Beli Day”: «Con Belinelli la Virtus ha aggiunto un giocatore che può cambiare una partita. Se poi spende più tempo per entrare in condizione, tanto meglio» (risata).

Chiusura su Italbasket, e sulla missione “impossibile” di Tokyo 2021: «Varie condizioni per le Olimpiadi. Andiamo a fare il preolimpico sperando di avere in primo luogo i giocatori Nba, oltre chi fa bene in Europa. Poi, visto che si giocherà in Serbia, la speranza è arrivare in Finale, e che le squadre di Jokic e altri in NBA arrivino il più in fondo possibile. Con le porte chiuse, a quel punto, e giocando bene, si potrà sperare nel risultato».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Bye bye Virtus, in campo non va il budget (ma gli Uomini)

Per anni mi sono sentito ripetere: “Con il budget che ha Milano non può non vincere“. Ecco, nel 2020 la Virtus Segafredo Bologna ha un monte ingaggi paragonabile, i due giocatori più pagati del campionato (il “fenomeno” Teodosic e “il miglior colpo degli ultimi 40 anni” Belinelli) e “ha colmato […]
La visione del Guaz

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Serie A2: Urania rimonta ma vince Udine 83-78

Prima sconfitta in trasferta per i Wildcats che dal -16 rimontano nel finale ma non riescono ad espugnare Udine. Dominique...

Chiudi