Buongiorno Olimpia | Caro Danilo, forse è il caso che torni tra tre anni al massimo

Buongiorno Olimpia, la rubrica quotidiana di cui non si sentiva il bisogno che ci accompagnerà ogni mattina al risveglio in questa fase pre-estiva

Buongiorno Olimpia, la rubrica quotidiana di cui non si sentiva il bisogno che ci accompagnerà ogni mattina al risveglio in questa fase pre-estiva.

Mio papà ha vinto una Coppa Campioni, bisognerebbe almeno pareggiarlo (ride, ndr). Tornare e vincerne una sarebbe un bellissimo modo di ritirarsi. Mi immagino di tornare tra 5 anni e mi auguro che l’Olimpia, tra 5 anni, voglia ancora lottare per i massimi livelli europei, a me piacerebbe tantissimo

Danilo Gallinari

Tutto giusto Danilo. Ma hai 32 anni, tra cinque ne avrai 37. Facciamo che torni tra due, tre anni al massimo ok? A quel punto sarai ancora il più forte giocatore di EuroLeague. E pareggiare papà Vittoria sarà un po’ più semplice…

12 thoughts on “Buongiorno Olimpia | Caro Danilo, forse è il caso che torni tra tre anni al massimo

  1. Già, anche se a 37 anni un atleta moderno non è finito, (Scola insegna) oggi ci sono le altre condizioni necessarie per raggiungere un grande risultato. Un allenatore al top, una squadra di giocatori allenabili e un munifico proprietario, Danilo sarebbe l’architrave su cui poggiare la conquista.

  2. Orlando, mi interessa questo argomento.
    A me Gallinari piace tantissimo dal punto di vista delle qualità come singolo. La combinazione fisico tecnica è fantastica e ci sono pochi giocatori bianchi che possono vantarne una uguale. E a ma la guardia forte piace un casino.

    Però non sono altrettanto certo che il Gallo porti valore alla squadra in modo proporzionale al suo infinito bagaglio tecnico.
    Non seguo la NBA quindi potrei sbagliarmi, però ho questo dubbio.

    Tu o qualcun altro ha una opinione piu’ precisa, magari con qualche statistica di supporto?

  3. “Mi auguro che l’Olimpia, tra 5 anni, voglia ancora lottare per i massimi livelli europei, a me piacerebbe tantissimo”

    Ci auguriamo che Gallinari, tra 5 anni, sia ancora in grado di giocare ai massimi livelli europei, a noi piacerebbe tantissimo.

  4. Mha…. Gallo mi sta simpatico e certamente e’ giocatore con fisico, talento e buona visione di gioco. Concordo con l’analiai di Tom. Pero’ gli manca qualcosa, secondo me. E’ vero che in nba giocano in tanti e vincono in pochissimi ma il fatto che lui non abbia mai fatto parte di un progetto “vincente” secondo me qualcosa vuole dire. E’ stato a Denver e quando se ne e’ andato la squadra e’ salita di livello. A L A lato Clippers non e’ rientrato nel progetto di rilancio verso il titolo. Non voglio dire che e’ colpa sua ma se molti coach non lo hanno confermato quando dovevano costruire progetti vincenti mi fa pensare un po’.
    Poi, parere assolutamente personale, venire qui a 37 anni non credo che sia per fare la differenza. E’ abbastanza integro fisicamente ma ha avuto lunghi infortuni e le nuove generazioni crescono nel fisico in maniera incredibile: rischierebbe di subire troppo. Diventerebbe uno tipo Scola, anche se Luis e’ dieci spanne sopra il Gallo.

  5. Gallinari è attualmente il giocatore italiano più forte e anche se in NBA non ha mai fatto parte di un team che punta al titolo non significa che non sia forte e se guardiamo i suoi numeri in America non sono male anzi..senza contare che non è facile per un italiano andare a giocare in NBA infatti non sono molti i giocatori italiani sbarcati oltreoceano..e cmq i campioni non sono solo quelli che hanno la fortuna di vincere sarebbe troppo riduttivo..scritto ciò nonostante tutta la stima e il rispetto che ho per il Gallo per coerenza condivido il pensiero di Alessandro Maggi quando scrive “hai 32 anni, tra cinque ne avrai 37. Facciamo che torni tra due, tre anni al massimo ok? A quel punto sarai ancora il più forte giocatore di EuroLeague”. .

  6. #GAE Io non parlo di fortuna! Ho solo citato il fatto che nessuna squadra, coach o societa’ lo ha considerato nel costrire un progetto di vertice. E’ questo che mi fa pensare del Gallo. Poi i suoi numeri sono ottimi, per carita’!
    Comunque a 37 non lo vorrei se non come complemento, non certo come top player

  7. Grazie UFO, sono i miei stessi dubbi, dopo di che tutti saremo felici di averlo in squadra.
    A livello di ingaggio direi che è assolutamente un sogno per noi o un incubo per lui, per questo lui parla di 5 anni. Credo che attualmente il suo stipendio sia superiore a quello de nostro quintetto…

  8. @U.Fo il termine “fortuna” non era riferito al tuo commento..mi dispiace se hai frainteso e se ti ho dato questa impressione ti chiedo scusa ma non era assolutamente rivolto al tuo commento..

  9. Quando è venuto da noi durante il lockdown NBA, ed erano 8 anni fa, quindi fisicamente molto più fresco, su un fisico come il suo strutturalmente difficile da mantenere in forma – infatti ha subito molti infortuni, soprattutto nei primi anni NBA, quando lo pomparono come un Michelin (confronta le foto) e le ginocchia cedettero presto – penso che il suo entusiasmo fosse pari a quello di noi del pubblico, che deliravamo per la sua presenza.

    Purtroppo tanto entusiasmo s’è riversato molto di più sul suo atteggiamento in campo, che sul suo rendimento in campo: venne a fare il fenomeno, l’alieno che partecipa al campetto, e non se lo poteva permettere.
    Vedere tanta presunzione fu un gran dolore, almeno per me.

    I numeri confermano: nelle 15 partite che ha giocato, tra LBA e EL, ha tirato da 3, la sua specialità, con .26 in EL e .22 in LBA, cioè male.
    .529 e .500 da 2, cioè male – ricordo quei tentativi arroganti di andare al ferro che finivano con esiti incerti.
    Venne a fare il fenomeno, non a giocare, non poteva che finire così, evvabeh.
    Vederlo è stato bello lo stesso.

    Certo non aveva la testa, era giovane, e il delirio di tutto l’ambiente intorno a lui non l’ha aiutato di certo.
    Negli anni seguenti tanti episodi hanno lasciato molti dubbi sulla sua testa.
    Adesso che sicuramente è maturato, e ha molta più esperienza, ma purtroppo non di gare importanti, come sono tutte quelle di EL, è possibile che possa essere più utile di allora, ma temo molto che per il suo fisico anche tre anni in più possano essere fatali.

    (Il paragone con Scola non regge, essendo Scola un tipo brevilineo, pur molto alto – brevilineo, longilineo indicano il rapporto tronco/gambe, non l’altezza totale – mentre Gallinari è un longilineo, con tutte le fragilità che ciò comporta.
    Scola è ben piantato sulle gambe – maestro, infatti del piede perno -, Danilo no).

    Sarebbe un gran colpo di mercato per il botteghino, ma non credo per la competitività di una squadra che tra tre anni possiamo aspettarci molto competitiva, se continua così.

    (Statistiche complete di Gallinari a Milano durante il lockdown NBA qui: https://www.basketball-reference.com/international/players/danilo-gallinari-1.html)

  10. Grazie Palmasco, hai dato sostanza e numeri a quello che ricordavo come impressione.
    Non escludo che grazie alla maturazione ora potrebbe fare molto meglio, però oggi, non tra 3 o peggio 5 anni.
    E che succeda oggi mi sembra francamente fuori da ogni logica e possibilità.

  11. Palmasco for ever. Grazie anche da parte mia, ero accecato dai dolci ricordi e dall’entusiasmo che allora suscitò in noi tutti ( o quasi) la presenza del gallo in squadra. Ma hai sicuramente letto meglio la situazione tu, le statistiche nel bene o nel male non mentono ( quasi) mai. Resta un ottimo giocatore maturato nel frattempo ma fragilità e mancanza di umiltà sono certamente dei limiti. Ricordo anche l: episodio che lo ha coinvolto in nazionale partita amichevole contro l’Olanda in preparazione al torneo di qualificazione all’Europeo. Espulsione dalla partita e dalla squadra per non aver saputo controllare la propria ira. Già sarebbe utile forse ora ma non verrà ad un decimo dello stipendio attuale a giocare con umiltà e sopportare le difese dure che si giocano in EL

  12. #Palmasco I l paragone con Scola non era per la fisicità ma per il fatto che arriverebbe qui a fine carriera, con mobilità limitata (rispetto alla media, ben inteso – non rispetto a me!). Qualcuno aveva citato Meneghin, con la differenza che allora tra giovani e vecchietti non vi era un divario fisico e soprattutto atletico così accentuato.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Olimpia Milano mercato | Malcom Delaney rescinde con il Barcellona

Il giocatore americano ha chiuso ufficialmente la sua avventura in terra catalana ed ora è libero sul mercato
Olimpia

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Drew Crawford
Olimpia, cosa resta della stagione 2019/20: Drew Crawford

Proseguiamo il nostro viaggio nella squadra biancorossa: oggi tocca all'ultimo arrivato, alla fine dello scorso mese di gennaio

Chiudi