Olimpia Milano vs Cremona | ROM dice out Gudaitis e Roll

Rapidissima analisi della sfida Olimpia Milano vs Cremona: inutile chiedere 40′ di continuità, impossibile, solo testa. D’accordo con le nostre scelte?

Ci siamo, si comincia. Domani pomeriggio, alle ore 18:00, Olimpia Milano vs Cremona per i quarti di finale di Coppa Italia, Final Eight a Pesaro. Tre rapidi punti di analisi? No, un’idea unica e chiara.

Inutile parlare di continuità sui 40’, di difesa che nulla deve concedere. Non chiediamo l’impossibile, quel che in tutta la stagione sino ad oggi non si è mai visto. Soprattutto, non in una competizione che potrebbe, potrebbe, avere tre gare in quattro giorni.

L’Olimpia Milano non ha la fisicità, e oggi neanche la condizione, per tenere alta l’attenzione, la pressione, per tutta una gara.

Chiediamo dunque non continuità, ma intelligenza e talento. E’ quel che l’Olimpia Milano ha, soprattutto in più di Cremona. Controllare la palle perse, selezionare i tiri.

I biancorossi difendono meglio a metacampo, il gioco di Sacchetti è fatto di transizione. Semplice e banale. Correndo, la Vanoli è passata in un attimo dal -13 al -5 domenica.

Controllare i rimbalzi dunque, comprendere come Akele e Stojanovic possano fare male in campo aperto, raddoppiare Ethan Happ come visto a tratti al Forum.

Le scelte di turnover? Ovviamente fondamentale il recupero di Sergio Rodriguez. La Vanoli pressa alta, può fare male in attacco con Michele Ruzzier, ma ha grossi problemi di adeguamento difensivo, con un regista tutto sarebbe più facile.

Tre i giocatori da lasciare fuori, due oltre a Drew Crawford, ex non utilizzabile in Italia. Per noi, si può rinunciare a Arturas Gudaitis e Michael Roll.

Con Sykes per gestire i minuti del Chacho e alternarsi anche in guardia, con Scola per avere leadership in un primo confronto delicato, con gli intoccabili ad oggi Nedovic, Micov e Tarczewski.

One thought on “Olimpia Milano vs Cremona | ROM dice out Gudaitis e Roll

  1. Qualcuno ha una pozione per far risvegliare AdV? Come mi piacerebbe vederlo spaccare le partite come sa fare (e puo’ fare a questo livello) lui!
    Comunque questa manifestazione mi affascina perche’ nella prima giornata si ha un piano partita e si cerca di rispettarlo. Semifinale e finale sono invece gare di generosita’, con i giocatori strenuamente attaccati alle residue energie. Vincera’ cho oltre al fisico ed all’intelligenza cestistica mettera” anche il cuore. Ecco perche’ vedo piu’ favorita una squadra come Sassari piuttosto che Milano

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Olimpia Milano | L'omaggio a Kobe Bryant per la Coppa Italia 2020

I biancorossi indosseranno delle maglie speciali per onorare il 'Black Mamba' nella manifestazione di Pesaro

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: