Delaney spegna i sogni dell’Olimpia: il Barcellona vince in volata

I biancorossi lottano praticamente alla pari con i catalani, ma nel finale è l’americano a decidere la sfida

Ad un passo dall’impresa, ma Malcom Delaney dice no ed è il Barcellona a portare a casa i due punti (84-80), in questo venerdì sera di Eurolega. L’Olimpia Milano gioca alla pari contro la formazione catalana, seppur sono spesso i padroni di casa ad essere davanti, però non riesce ad avere lo spunto per completare la serata e conquistare un successo che sarebbe stato di platino per la classifica e non solo. E l’americano trova le giocate da campione per decidere il match.

IL COMMENTO DI ETTORE MESSINA IN SALA STAMPA

Non bastano alla squadra di Messina cinque uomini in doppia cifra e dei momenti importanti a livello difensivo, però alcune palle perse e gli errori dalla lunetta (8/14) sono pesantissime, per provare il colpo su un campo molto difficile come questo. Un peccato, perché i biancorossi erano riusciti ad arrivare a +1 ad un paio di minuti dalla fine, respingendo vari tentativi di allungo dei catalani e superando un terzo quarto molto difficile, dopo essere anche saliti a +12

Barcellona vs Olimpia Milano | La partita

L’avvio è tutto di marca catalana, con la coppia Delaney-Mirotic a dominare in attacco e la difesa a mettere in grande difficoltà i biancorossi: subito 13-5, poi doppia cifra di vantaggio interna con Davies (19-8 al 7’). Nedovic e Roll ‘svegliano’ la squadra di Messina, si infortuna alla caviglia Heurtel e l’AX prende in mano la partita con un clamoroso secondo quarto. La tripla di Rodriguez pareggia i conti al 14’, Micov sorpassa e poi arriva un parziale di 13-0, con le perle del Chacho e una grande difesa milanese, per ribaltare tutto e dare a Milano addirittura 12 punti di vantaggio (31-43 al 19’). 

Il Barcellona rientra in campo concentrato e ‘cattivo’, mette pressione e costringe alcune palle perse ai biancorossi: il parziale di 8-2 rimette subito il match in equilibrio, poi Delaney segna la tripla del pareggio (50-50) a metà terzo periodo. Non entrano più le triple e ci sono troppi errori ai liberi, mentre l’ex Kuban prosegue il suo show dall’arco, facendo scappare nuovamente la squadra catalana. L’AX non molla, si riporta sotto, con un buon momento firmato Scola, ed è ancora a -1 (72-71) a 4’ dalla fine, per un arrivo in volata. Tarczewski in contropiede firma il sorpasso, Delaney colpisce ancora dall’arco, Micov sbaglia la risposta e Davies dice +4 interno. A chiudere i conti ci pensa ancora una volta l’uomo partita, con l’assist vincente per Kuric. Ed all’Olimpia restano solo tanti rimpianti. Peccato.  

Barcellona vs Olimpia Milano | Il tabellino

BARCELLONA-AX ARMANI EXCHANGE MILANO 84-80 (23-17, 36-45, 63-59)

Clicca qui per il tabellino del match

Olimpia Milano calendario | I prossimi appuntamenti

I biancorossi giocheranno al Forum domenica pomeriggio (ore 17) contro la Vanoli Cremona, nel match che poi verrà replicato giovedì prossimo (ore 18) nei quarti di finale di Coppa Italia, in programma a Pesaro. Eventuali semifinale e finale, sabato (ore 17.45) e domenica (ore 18).

10 thoughts on “Delaney spegna i sogni dell’Olimpia: il Barcellona vince in volata

  1. Ennesima figura… i liberi sbagliati, lenti sulle palle vaganti e senza circolazione di palla. Usciamo da sta Eurolega, le altre 3 coppe sono più facili.

  2. ONORE ai nostri giocatori ed al coach che hanno messo tutto quello che avevano per cercare di vincere questa partita.
    FORZA OLIMPIA

  3. Bella partita, specialmente il 4 quarto, il più equilibrato.
    A mio parere abbiamo giocato meglio del Barca, con più gioco corale. Loro hanno vinto con alcune individualità fantastiche.
    E poi come sempre contano gli episodi, se entrava la tripla di Micov, la partita sarebbe finita diversamente.
    La potevamo vincere ed è la terza dopo Maccabi e Fener.
    Io sono contento, anche se avrei potuto esserlo molto di più.
    Unico vero rammarico: i tiri liberi sbagliati.

    Ah, giurin giuretti: non replico più ai commenti ad catsum.

  4. ONORE alla squadra ed al coach,hanno dato tutto quello che avevano per cercare di vincere questa partita.
    FORZA OLIMPIA

  5. Caro Max non è colpa dell’Eurolega se facciamo queste figure ma dell’allenatore/presidente visto che è stato lui a scegliere questi giocatori..e il bello è che li ha scelti in base alle qualità difensive..e poi vengono a scrivere su questo blog che solo James non sapeva difendere 😂😂😂😂

  6. Bene visto che è l’Eurolega, e non il torneo arci-uisp a cui alcuni vorrebbero iscrivere la squadra perché a loro piace vincere facile, sono soddisfatto e orgoglioso per come si è comportata l’Olimpia questa sera, finalmente una difesa degna di questo nome per 35 minuti almeno e un gioco corale che spero essere l’inizio di quel che Messina sta predicando da agosto scorso. La pessima figura la fanno alcuni commentatori che con le loro asserzioni dimostrano che capiscono poco o nulla di questo gioco. Certo ci sono lacune da colmare e tutto si può migliorare ma siamo davvero e spero definitivamente sulla buona strada. Forza Olimpia

  7. Anche secondo me la cifra più importante è il ritorno del gioco corale.
    La seconda è il ritorno di Brooks, vero regista della nostra difesa.
    La terza la dico piano per non portare sfiga è il progressivo inesorabile ritorno di Nedovic.

    Dopo stasera sono più ottimista e soprattutto di nuovo fiero della squadra.

    Del resto, caro Orlando, non ti curare, guarda avanti e passa.

  8. Max71, questo sito si chiama RealOlimpiaMilano, penso tu abbia sbagliato sito dove commentare e penso anche che tu la partita non l’abbia nemmeno vista

  9. Quindi diciamo che è ufficiale: è una questione di testa. Nelle partite da vincere a tutti i costi la palla pesa e ne prendiamo 100+ in casa; in quelle in cui sai già che vai a perdere (CSKA, Barcellona) te la giochi fino alla fine. Partita divertente, decisamente meglio di quella col Bayern, peccato per il risultato ovviamente.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Ettore Messina: Orgoglioso dello sforzo. La differenza? Delaney

Le parole del coach biancorosso in sala stampa, dopo la sconfitta in volata sul campo del Barcellona

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: