Olimpia Milano, si presenta Riccardo Moraschini: Qui per sentire la pressione dei grandi club

E’ il giorno, in casa Olimpia Milano, della presentazione di Riccardo Moraschini. “Morasca” è stato il miglior giocatore italiano dell’anno, seguilo LIVE con noi

E’ il giorno, in casa Olimpia Milano, della presentazione di Riccardo Moraschini. “Morasca” è stato il miglior giocatore italiano dell’anno dell’ultimo campionato, volto più rappresentativo della Happy Casa Brindisi finalista di Coppa Italia e qualificata alla post season.

Ecco i punti salienti del suo intervento nella secondaria del Forum d’Assago.

L’introduzione di Christos Stavropoulos

«Riccardo Moraschini ci ha convinto per entusiasmo e voglia di aiutare la squadra con cui è venuto a Milano. E’ un giocatore in crescita, si è subito messo a disposizione di Ettore Messina».

Le prime parole di Riccardo Moraschini

«Sono molto felice di essere qui. Avere un gruppo così pronto, preparato, e con un coach di questo calibro è un obiettivo che speravo di raggiungere».

Sul ruolo di Riccardo Moraschini

«L’anno scorso ho speso gran parte della stagione da play, anche se ero arrivato come cambio del 2 e del 3. La pressione che sento è positiva, è quello che voglio sentire. Col coach non ho parlato di ruoli, sono a piena disposizione per quel che serve in campo».

Su Ettore Messina

«E’ un coach che cura i dettagli, si vede che ha lavorato ad altissimi livelli e vinto tanto. Difficilmente si trovano allenatori che chiedano tale concentrazione e cura dei dettagli. Vederlo con me, oggi, dopo averlo ammirato da piccolo durante i derby di Bologna, è molto bello».

Stavropoulos sul gruppo italiano

«Ho ricordato ad Ettore Messina che all’epoca dell’Olympiacos i grandi successi sono arrivati con una base di giocatori greci. Per una squadra importante e storica come Milano, la base deve essere la stessa».

Sulla Virtus Bologna

«Ho deciso di venire a Milano perchè è il top in Italia. C’è la possibilità di vincere qualcosa di importante, di giocare in EuroLeague, di crescere, alzare il proprio livello. L’ambizione è questa, una scelta facile per me, senza esitazione alcuna».

Sul rapporto con i giocatori italiani

«Prima di firmare non avevo parlato con alcun compagno, se non Ettore Messina. Importante è innanzitutto parlare con il coach. Poi, dopo la firma, mi sono confrontato con Cinciarini, Della Valle e Brooks. Ed erano tutti ovviamente contenti per me. Per questa squadra è l’anno zero, per tutti è un nuovo inizio, anche per chi era già qui».

Su Frank Vitucci

«Mi ha scritto dopo i primi contatti reali, aveva parlato con coach Ettore Messina che si era informato su di me. E’ stato molto contento, sa cosa sia Ettore Messina e cosa voglia».

Sulla passata stagione

«La parola chiave si chiama fiducia. Ho avute tante chance, ma nessuna reale per giocatore con continuità e tanti minuti. L’infortunio di Clark mi ha permesso di avere ancora più fiducia e chiaramente ho potuto esprimermi a mente libera. Probabilmente a 28 anni ero più pronto, maturo».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Next Post

Nicolò Melli: Anche l'Olimpia Milano mi ha fatto un'offerta

Nicolò Melli, nuovo lungo dei New Orleans Pelicans, ha raccontato la sua estate a Il Resto del Carlino. “Finisco il campionato turco il 21 e vado due giorni a Mykonos, con Katharina, ora mia moglie: gli unici due giorni di vacanza fatti questa estate. Torno in Italia, appoggio le valigie […]

Subscribe US Now

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: