Olimpia Milano vs Dinamo Sassari, le pagelle | James tossico nell’onnipotenza

Le pagelle di gara-2 tra Olimpia Milano e Dinamo Sassari. Simone Pianigiani sarto di undici vestiti in cui nessuno pare davvero trovarsi a suo agio

James 5 – 32 punti con -20 di plus/minus in 32’ di gioco. Gioca per sé stesso, non per la squadra, e diventa tossico anche con una prestazione per lunghi tratti a dir poco fantascientifica. La foto della sua gara, e della gestione di Pianigiani, sta tutta a 2.13 dalla fine del quarto quarto. Stoppata su James Nunnally, tiro dall’angolo di Spissu, due rimbalzi offensivi di Thomas. Lui è a centrocampo.

Micov 6.5 – Segna i primi 7 punti di squadra, chiude a 21 portando a lungo «a spasso» i vari Carter e McGee. Nel finale non ne ha più.

Fontecchio sv – 6’ con -10 di plus/minus. Meglio staccare la spina invece che rianimarlo per essere quello che non è, Bruno Cerella.

Tarczewski 6 – Vittima di un primo quarto di direzione arbitrale a dir poco «fantasiosa», prova a fare il suo con 5 punti e 8 rimbalzi. Incomprensibilmente, non può commettere quel che subisce. 

Nedovic 5 – Non può condividere, oggi, minuti in campo con James. Lo ribadiamo. 9 punti in 21’ con -9 di plus/minus.

Kuzminskas 5 – Fa impazzire Pianigiani quando si prende una stoppata di Cooley con tre compagni liberi lungo l’arco. Ricompare in campo nel supplementare con Burns e Tarczewski fuori per falli.

Cinciarini 6 – Rumba? Equilibrio? Non per Pianigiani. 7’ nel primo quarto, 5’ nel terzo. La sua gara finisce qui mentre la squadra naufraga a più riprese senza una guida.

Nunnally 6 – Primo tempo duro da accettare con «schiaffi» costanti da Stefano Gentile e una simulazione su un contatto nel secondo quarto che avrebbe meritato l’antisportivo. Si riprende nella ripresa con orgoglio e talento, venendo meno come tutti nel finale: 17 punti e 3 rimbalzi.

Burns 6 – Combattente ancora senza costrutto, anche lui troppo penalizzato dai falli: 3 punti e 1 rimbalzo in 19’.

Brooks 6 – Avvio osceno, poi nella ripresa getta il cuore oltre l’ostacolo e ritrova voglia di combattere: 8 punti e 8 rimbalzi, ma nessuna tripla tentata.

Coach Pianigiani 4 – Un 50esimo compleanno a dir poco amaro. Milano nel finale l’ha persa con l’attacco? O forse Milano è rimasta a galla solo per l’attacco, e per le 8 triple fantascientifiche, e fuori da ogni schema, di Mike James? Cavalca l’«hero mode» del numero 2 dimenticando la lucidità di Cinciarini, ma soprattutto è sarto di undici vestiti in cui nessuno pare davvero trovarsi a suo agio.

0 0 vote
Article Rating

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

12 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Doc63
Doc63
1 anno fa

. Ieri siamo rimasti in partita solo per le rei ple di James (fini a se stesse) poi e’ andato fuori giri e ci hanno massacrato. Mai visto un 14-0 di parziali in un supplementare. James non deve essere confermato. Mentre lui sta a metacampo l’anno scorso Goudelock recuperava e stoppava Sutton.
Cianciarini panchinato nel quarto q quando si diventa gestire un importante vantaggio è l’antibasket. Ora a Sassari deve rientrare Jerrels (io lascerei fuori alternandoli James e Nedovic).
Fischi del forum troppi pochi
Ps
Commentare Piangina non ha più senso.

Iellini
Iellini
1 anno fa

E’ stata una partita emozionante che abbiamo buttato via. Di solito con quelle percentuali da tre si vince ma se non si difende diventa dura a questi livelli. 20 rimbalzi di differenza hanno permesso a Sassari di rimanere attaccata e quando è finita la benzina (perché gli errori degli ultimi due minuti sono dovuti al fatto che erano stremati) ci hanno massacrato. Milano è questa, grande talento offensivo, un po’ di narcisismo e ci si dimentica di rientrare. Io amo James e le sue giocate ma vederlo a meta campo mentre gli altri corrono mi fa impazzire. Questo produce un… Leggi il resto »

Matteo Vitali
Matteo Vitali
1 anno fa

Entriamo nell’ultimo quarto con un +10 e finiamo il supplementare con un -11 (subendo 112 punti in casa): parziale di 21 punti in 15 minuti. Una prestazione indegna per la storia dell’Olimpia. Vergognosa la gestione della squadra. Sia ben chiaro, i giocatori ci mettono del loro, ma se a Nedovic non si potrà chiedere di salvare il mondo, magari a James, conoscendolo, si può chiedere di gestire meglio i tiri… lanciare un airball da 9 metri quando sei a +3 e devi semplicemente segnare 2 punti mi sembra davvero l’emblema di una squadra senza guida tecnica (sembra più un gruppetto… Leggi il resto »

mtan94
mtan94
1 anno fa

Qual è l’ipotesi più probabile secondo te?
Ho sentito da alcuni giornalisti anche dell’arrivo di Gherardini ma ci credo poco

maurozz
1 anno fa

Il tifoso medio, e di media competenza, cioe’ io, potrebbe anche cominciare a pensare che la stessa identica squadra, proprio tutta, Omic incluso, possa giocare molto meglio con uno staff tecnico diverso. Non e’ certo un vero sciopero ma si fanno quasi tutti quasi sempre i kazzi loro in campo, e non puo’ essere un caso.
Siamo decisamente oltre al basket (o ben prima del), qui manca un minimo di competenza di (parolone) people management.

U. Fo.
U. Fo.
1 anno fa

Onore a Sassari, squadra solida anche mentalmente e ben allenata. Su Milano diciamo le stesse cose da dicembre: attacco che dipende solo dal tiro da tre, difesa cosi’ cosi’, poco senso di squadra. In piu’, dopo ieri sera, aggiungerei anche un po’ di “pollaggine”. Possibile che sul piu’ tre con una manciata di secondi alla fine a nessuno (coach compreso) sia venuto in mente di fare un fallo ed evitare una tripla? James e’ uno di quei giocatori che ti esaltano e l’ho difeso sino a ieri. Vederlo a centrocampo mentre gli altri lottano in difesa e’ segnale inequivocabile: non… Leggi il resto »

Anonymous
Anonymous
1 anno fa

Sento tanti criticare James perché era fermo a centrocampo mentre la squadra difendeva. Ma è possibile che semplicemente era fermo perché non aveva più la forza? Basta vedere gli ultimi tiri dall’arco corti di 1 metro. Non dimentico che rientrava da un infortunio.

Next Post

Olimpia Milano vs Dinamo Sassari | Due immagini, una sola colpa: questa squadra non ha condivisione

Coinvolgimento. Che in questa Olimpia Milano non c’è. Per il resto, parlano le immagini. E’ una questione di scelte e del mancato lavoro di «condivisione»

Subscribe US Now

12
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: