Simone Pianigiani, coach di Olimpia Milano, commenta così il ko con Anadolu Efes: «Abbiamo sofferto le qualità di Anadolu Efes, il loro p&r, la loro abilità palla in mano. Con i nostri lunghi non siamo stati abili nelle letture del p&r. Il terzo quarto ci ha ucciso, e nei momenti cruciali abbiamo sbagliato dei tiri aperti che potevano fare male. Il punteggio è stato alto, ma i dettagli, e alcuni tiri aperti nei momenti cruciali, hanno premiato i nostri avversari».

Ammissioni, che non sono accuse alla squadra: «Ci abbiamo provato, giocando un ottimo primo tempo».

Poi, alle domande su Mike James, e su problemi nello spogliatoio riportati da stampa non italiana, Simone Pianigiani si infuria: «Sono stronzate. Devo commentare voci di giornali stranieri sul nostro spogliatoio? Ho avuto sei giocatori in doppia cifra, ci siamo giocati i playoff per tutta la stagione. I nostri problemi non sono nello spogliatoio, ma si riferiscono all’infortunio di Arturas Gudaitis, ai tre mesi di stop di Nemanja Nedovic». E riferendosi ancora al giornalista che ha posto la domanda: «Ti consiglio di guardare il campo, non di ascoltare il gossip e queste stronzate».

1 Comment »

  1. Non vorrei buttare la croce addosso al Coach piu di quanto gia si faccia. Noto pero che la frase ricorrente dei post partita quest anno sono gli infortuni. Lo scorso anno erano le partite perse di pochi punti. Curioso che quet anno non faccia mai notare che, consideranto le partite chiuse con meno di 5 punti di scarto, Milano ne ha vinte 7 su 9. Mah…

Rispondi