Annunci

Le pagelle di ROM – Il disastro con il Bayern nelle bocciature di Tarczewski, Brooks e Pianigiani

Read Time:2 Minute, 9 Second

Della Valle sv – 5’ in cui la squadra non gira a vuoto (+5 di plus/minus). Dove sta andando su questa terra?

James 6 – 17 punti e 8 assist in 34’, con la volontà sempre troppo ostentata di «spaccare il mondo». Gli eroi solitari, da sempre, non sono nel cuore del Forum, però i lottatori sì. E oltre a 6 rimbalzi, pochi millimetri ne avrebbero fatto nuovamente il salvatore della patria sulla sirena.

Micov 6.5 – 34’ con l’intensità di inizio stagione: 16 punti sì, 5 rimbalzi certo, ma anche 8 falli subiti e 24 di valutazione.

Gudaitis 6.5 – Un Tarczewski disastroso lo costringe agli straordinari, e come suo solito scala con calma la montagna portandosi a casa la pagnotta: 13 punti e 8 rimbalzi, oltre a +6 di plus/minus.

Bertans sv – 7’ in cui recapita una tripla e la squadra non soffre. E proprio quando poteva dar vita ad una proficua staffetta con Nedovic.

Tarczewski 4 – 14’ di imbarazzo totale. Parte molle in appoggio al ferro e poi perde la testa senza più ritrovare la via. Nervoso e confuso.

Nedovic 6.5 – Al rientro in EuroLeague garantisce 24’ di qualità, con i picchi della difesa in avvio su Dedovic e della tripla del +4 con un minuto da giocare.

Kuzminskas 6 – 12’ in cui soffre sì Derrick Williams, ma con armi ben superiori a Brooks per mandarlo in difficoltà offensivamente. Sempre troppo timido, ma con questi minutaggi diventa dura dargli una botta di vita.

Cinciarini sv – La rumba dura 3’. Non sarebbe servita, oggi più che mai?

Brooks 4.5 – Assenza totale su entrambi i lati del campo, molle in attacco e dominato in difesa da Derrick Williams. 2 punti con 1/4 al tiro: doveva dare durezza contro un avversario storicamente debole psicologicamente, ma dallo psicologo ci finisce lui.

Jerrells 5 – Tre triple in momenti chiave, ma anche una gestione del pallone che non ha alcuna connessione con i compagni.

Coach Pianigiani 4 – Gestione piatta che diventa monotonia, quindi terreno di conquista per gli staff avversari in fase di scouting. L’esempio? I 14’ di un Kaleb Tarczewski disastroso mantengono comunque a 0 quelli di Christian Burns, il tutto senza ricorrere ad alcuna atipicità neanche contro un avversario che per lunghi minuti gioca senza “5”. Soluzione ad ogni difficoltà è sempre il talento individuale fine a sè stesso. La verità è che il Bayern tesse e disfa la matassa in assoluta autonomia al Forum d’Assago: in caso di sconfitta, i tecnici a Koponen e Lucic avrebbero gridato vendetta per le casse di classifica bavaresi.

About Post Author

Alessandro Maggi

alekmaggi@gmail.com Giornalista Professionista, direttore responsabile presso Be.Pi Sport, collaboratore presso Sportando, cronista per Il Giorno
Annunci

5
Lascia una recensione

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notificami
Alessandro
Ospite
Alessandro

Collegandomi all`articolo di un paio di giorni fa…a livello di Budget…come siamo messi rispetto al Bayern…?

Flavio Ranica
Ospite
Flavio Ranica

Più che budget, la differenza la fa l’allenatore:
https://www.easycredit-bbl.de/de/easycredit-bbl/historie/teams/t/2018-2019/486-fcb/
Williams gioca 20 minuti in campionato partendo sempre dalla panca, se gioca. Noi spremiamo i nostri alla morte, ieri James era già cotto nel 3° quarto, basta vedere il suo body language.

Quanti panda devo avere/schierare in Bundesliga?

U.FO.
Ospite
U.FO.

Sconfitta secondo me pesante, che ci riporta nei ranghi. Per un po’ abbiamo sognato (se non ricordo male qualcuno qui accennava addirittura alle final four) ma la verità è un’altra: un posto nei play off ce lo dovremo sudare, eccome. Niente drammi: era in preventivo sin dall’inizio della stagione. Quello che mi dispiace, però, è che alcune gare le abbiamo vinte con scarti minimissimi e con Gran Canaria e Bayer – che sono della nostra fascia – abbiamo perso in casa. Diciamo che queste due circostanze potrebbero (ma spero di no) essere determinanti quando a fine torneo si dovranno fare… Leggi il resto »

Doc63
Ospite
Doc63

La squadra è fragile. Quando deve vincere (è può vincere) perde mentre quando gioca con una big gioca bene perché Sto arrivando! Che la sconfitta ci sta e …perde. Ricordo che con Baskonia e Khimki la potevamo perdere ed ora saremmo già fuori dai giochiamo. Poi c’ Sindrome Forum. Non sono tranquilli e fuori casa giocano meglio. Così non si arriva ai play/off. Per me nulla di nuovo allenare non adeguato per raggiungere play off e manca un top player. Giochiamo in 3 e ovviamente, visto il livello vello, James si sente titolato a chiuderla da solo sbagliando clamorosamente.

U. Fo
Ospite
U. Fo

James secondo me e’ top player. Micov (che non dimostra l’eta’ che ha) e’ top player. Nedovic e’ molto vicino ad esserlo, cosi’ come Gudaitis.
Sulla gestione della squadra (coach) concordo.

Next Post

All'Oaka l'AX Armani Exchange Milano cerca segnali nella crisi: spazio alla lettura di Fabrizio Lorenzi

Cinque sconfitte in fila per AX Armani Exchange Milano, che nel pieno della crisi europea si presenta all’Oaka. La squadra ha raggiunto Atene nella serata di ieri, e questa mattina sosterrà alle ore 12.30 il suo allenamento definitivo. Ma la successione ravvicinata di gare ci costringe ad analisi e presentazioni. […]

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: