Dritti alla Spa dopo Cremona per parlare di gestione, Fontecchio e infortuni

Chi scrive non era al Teatro dalla Luna, ma in viale Certosa. E anche da lì, una cosa l’aveva ben chiara: «Non stavano in piedi». Detto questo, rapida analisi del successo con Cremona con un piccolo assunto: il fallo in attacco di Cinciarini lascia qualche dubbio, ma Mangok Mathiang a 7’’ meritava canestro e fallo.

La gestione

L’ultimo minuto, o poco più, di Mike James è emblematico. L’Olimpia Milano supera la Vanoli Cremona producendo il minimo sforzo per energie limitate, e il play prima fa infrazione nel superare la metà campo come al torneo «scapoli-ammogliati», poi compreso l’errore difende alla morte e si procura i liberi della vittoria. Forse, nella notte della massima sofferenza, l’Olimpia ha dato la reale dimensione della sua superiorità in LBA.

Simone Fontecchio

11’ contro la sua ex squadra, 0/1 a l tiro con 2 palle perse (e un recupero), -3 di valutazione e -11 di plus/minus. Forse Simone Pianigiani fatica a cavalcare, ma il cavallo ha la grinta di un ronzino che con sguardo spento osserva un mondo che ritiene nemico. Arrivato alla soglia dei 23 anni (li farà il 9 dicembre), questo atleta che Jasmin Repesa guardava con ammirazione ha la possibilità di ritagliarsi minuti a piacimento in una squadra che è destinata a dominare in LBA. E’ un punto di arrivo per qualsiasi suo collega italico, non un limite alla necessità di giocare. I limiti, siamo prima di tutto noi stessi.

Gli infortunati

Come vi avevamo anticipato i tempi di recupero di Amedeo Della Valle sono ben superiori a Kaunas. Il numero 0 spera di ritornare a trattare il pallone in settimana, lavorando magari in vista della trasferta a Sassari del 16 dicembre. Per Nemanja Nedovic la buona notizia parte dalle parole di Pianigiani: immaginare un rodaggio tra il 23 dicembre con Varese, e il 26 con Brescia, è l’obiettivo dichiarato.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

12 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
U. Fo
U. Fo
1 anno fa

Pianigiani lamenta che siamo senza energie ma poi Burns sta in campo meno di venti minuti. Secondo me puo’ giocare tranquillamente da cinque in lba e lasciare il giusto riposo a Brooks che e’ fondamentale. E non dimentichiamo che convocare in solo centro di ruolo sara’ quasi scelta obbligata quando rientrera’ Nedovic. Il rischio e’ che Crustian “marcisca” in panca e non sia poi pronto per le fare che conteranno (ai play off). Non dimentichiamo la stupenda stagione fatta lo scorso anno! Fontecchio? Non e’ un fenomeno, su questo concordiamo tutti, credo. Credo sia difficile farsi trovare pronto quando serve… Leggi il resto »

Alessandro Maggi
Alessandro Maggi
1 anno fa
Reply to  U. Fo

Credo che sia lo stesso James a mal digerire il turno di riposo

palmasco
palmasco
1 anno fa

Ieri pomeriggio ho visto Tarczewski in giornata di grazia, attivo ed efficace, miglior realizzatore di Milano, addirittura ha fatto 2 punti con un bel spalle a canestro, con un buon movimento. Avrà imparato da Tomic 🙂 … (Quando ha preso il pallone, s’è visto molto chiaramente sulla sua faccia, come fosse un labiale, passare un pensiero: se non lo provo qui oggi, mai più! Così s’è messo a lavorare di palleggio con calma, s’è avvicinato a canestro, e poi s’è girato e ha chiuso con un bel gancetto sinistro. Bravo! Finalmente!) Non erano certo un vero banco di prova, i… Leggi il resto »

U. Fo
U. Fo
1 anno fa

Certamente c’e’ tanto il sentirsi squadra, merito sicuramente anche del coach. E’ chiaro che Pianigiani abbia il polsa della squadra. E’ lui che vede i giocatori, che li vede allenarsi, li vede “vivere” la squadra e le trasferte. E sente dunque gli umori di ognuno. Quindi le sue scelte sono certamente frutto di riflessioni e valutazioni. Per questo mi limito a dare il mio parere, senza comunque contestarle. Del resto io sono solo un tifoso… Penso anche a Della Valle: se non trova il suo spazio, certamente si brucia. E in lba (che e’ comunque il nostro obiettuvo minimo) questo… Leggi il resto »

Raoul Duke
Raoul Duke
1 anno fa

Sarà che forse non riesco a liberarmi di una certa allergia di fondo per il personaggio, ma questo continuo mettere le mani avanti, questa lagnanza sul numero di partite (che si sanno benissimo fin dall’inizio peraltro) mi stufa davvero. Per il resto a Kaunas sarà durissima, speriamo che il maniavantismo e gli alibi siano solo cibo per la sala stampa e che non serva questi piatti nello spogliatoio

Alessandro Maggi
Alessandro Maggi
1 anno fa
Reply to  Raoul Duke

Ma infatti lui si lamenta da inizio stagione

claudiomignatti
claudiomignatti
1 anno fa

Ma ha senso farlo?Secondo me non tanto.Lo dici una volta due poi stop.Se hai rimostranze vai a bussare da Proli.Sicuro che allenando una Reggio Emilia o una Cremona non avrebbe di questi problemi ma per usare un eufemismo non mi sembrano piazze adatte alle sue ambizioni e al suo lignaggio

U. Fo
U. Fo
1 anno fa

Comunque, solo per mettere un po’ di pepe nella duscussione…. Tarcewski ha dominato, ieri. Ma chi erano gli avversari?
Bello il “gancetto” sinistro, belle le schiacciate e i tagliafuori, ma non aveva certo di fronte Fesenko o nemmeno Watt.
In ogni caso la pausa campionato puo’ agevolare il recupero di energie. 🙂

palmasco
palmasco
1 anno fa

Ma no, infatti, io approfitto di questo sito intelligente e accogliente, che offre sempre spunti interessanti, per raccontare la storia della partita che ho visto.
Magari ci sono delle opinioni, ma non ho alcun interesse a difenderle.
Mi basta che siano considerate, come hai fatto te in questo caso, U.fo

miked8
miked8
1 anno fa

Con qualche giorno di ritardo volevo esprimere un paio di considerazioni. Le partite in LBA sono al momento l’esatto specchio di quanta energia residua hanno i giocatori di Milano e di quanta effettiva voglia hanno i giocatori di spendere quella energia. Allo stato attuale (facendo i debiti scongiuri) Milano è superiore alla concorrenza italica ed una eventuale sconfitta sarebbe figlia di errori propri. Inutile dirlo ma ai play-off la musica cambia perché lo stato di forma mentale e fisico del momento condizionerà il risultato finale. In Eurolega la sconfitta con il Barcellona non è sicuramente un dramma ma due sono… Leggi il resto »

U. Fo
U. Fo
1 anno fa

Analisi interessante. Anche secondo me in 11 non ci arriveremo mai. La mia soeranza pero’ e’ che Burns e Della Valle possano dare minuti di cambio ai nostri 4 e 2 titolari. Per altro Kuzminskas potrebbe davvero essere speso come 3, cambio vero per Micov. Sempre che si svegli un po’….

U. Fo
U. Fo
1 anno fa

Giusto per…. Pianigiani oggi ha gia’ messo avanti le mani….
Parla di scarse energie, infortuni e scarse rotazioni ma poi quando ha tutti gli uomini non ne fa uso (intendo le rotazioni).

Next Post

L'assalto dei media lituani all'arrivo a Kaunas: il momento di Kuzminskas, i propositi di lotta di Gudaitis

L’Olimpia Milano si avvicina al match di domani sera allo Zalgirio Arena, e i media lituani come al solito «impazziscono» per il ritorno in patria di Mindaugas Kuzminskas e Arturas Gudaitis. Il sito 24sek ha quindi analizzato la situazione di Kumzinskas parlando con il fratello del giocatore, Saulius, classe 1982 che […]

Subscribe US Now

12
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: