#EUROBASKET2017 – SEMIFINALI La Serbia di Djordjevic con attributi d’acciaio: è la grande scuola slava

L’ho già scritto, almeno due volte, forse perfino di più, ma quel diavolo di un Sasha Djodjevic ha deciso di ricordarmelo giorno dopo giorno, durante tutto questo europeo:

«You know me, gold is the target».

Queste parole, pronunciate pochi giorni prima del 31 di agosto, suonavano un poco sfacciate ed assai propagandistiche: sembrava un tentativo di tenere alta l’asticella per i suoi, quasi fingendo di credere a qualcosa che la logica delle assenze di Jokic, Bjelica, Teodosic, Kalinic e Markovic diceva essere impossibile.

Eppure Sasha lo conosciamo tutti, qualcuno mi raccontò il privilegio di vederlo, a metà di una partita abbondantemente persa,  assicurare ai suoi compagni un ventello nel secondo tempo e la vittoria, con tanto di posta in palio. Non sto a dirvi come finì… Nella sua avventura milanese, alle prime armi come coach, subì la pressione di un ambiente che in seguito fece vittime anche più illustri, ma…

View original post 902 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...