Mercato definito, ecco i profili degli ultimi due tesseramenti di casa Olimpia Milano

Le sconfitte, la sofferenza, il timore di dover gettare il terzo progetto «vincente» nel cestino. Sono stati i pensieri per due mesi e mezzo della dirigenza di Milano, che rimarranno tali anche dopo il successo sul Galatasaray che, per la sua singolarità, non può considerarsi risolutivo. Ma il primo pensiero di Livio Proli è stata «difesa della continuità». Nessun ragionamento di pancia, non dopo la cacciata di Alessandro Gentile, e anzi rilancio di alcune questioni in essere. «Conservazione» e non «rinnovamento», visto che di fatto anche in sede di mercato invernale non sono state percorse le strade che portavano a Maik Zirbes del Maccabi (ipotesi arrivata da Israele, niente di più) o Nicolas Laprovittola (uscito dagli Spurs e infine finito al Baskonia). Possibilità, non trattative, quanto poteva diventare JaJuan Johnson, blindato da Cantù con richiesta di buyout.

E in questo senso giungono chiarificatrici le parole del Gm Flavio Portaluppi al sito basketissimo:

Abbiamo iniziato la stagione con 14 tesseramenti e ne abbiamo a disposizione ancora solo due, non vogliamo certo salvarli fino a fine stagione, però bisogna anche spenderli con oculatezza.

Il tutto con precisazione di necessità:

Io sono convinto a noi manchi, vicino a canestro, presenza, verticalità, capacità di rimbalzo e intimidazione. Abbinare questo profilo con un giocatore preciso, magari di passaporto europeo, non è però proprio semplicissimo

Tocca poi a noi fare un passo in più e sottolineare la strategia da qui sino a fine stagione. Quindicesimo tesseramento da spendere per un lungo con la caratteristiche indicate, appena possibile. Sedicesimo che toccherebbe per un play-guardia da mettere in roster come assicurazione sulla vita prima del via dei playoff nazionali (come fu, ad esempio, con Wilie Deane nel 2014 o Jonathan Tabu nel 2015). In questo senso, non sarebbero quindi a rischio i profili di Ricky Hickman e Miroslav Raduljica, almeno sino a fine stagione.

Giusto comunque anche parlare di futuro, con tre trattative di rinnovo in ballo: Mantas Kalnietis, Rakim Sanders e Andrea Cinciarini. Nei primi due casi biennale in gioco, ma soprattutto nel caso dell’americano l’accordo non sarebbe di semplice conclusione. Il classe 1989 vorrà d’altronde valutare opzioni estere, mentre Mantas Kalnietis (rappresentato ora dall’agenzia di Vittorio Gallinari, che lo ha preso in consegna poco prima del passaggio a Milano) potrebbe riporre definitivamente il sogno Nba e garantire continuità alla sua esperienza milanese. Quel che succederà certamente ad Andrea Cinciarini: al capitano è stata di fatto cancellata l’opzione di uscita dal contrato il 30 giugno 2017, con prolungamento dal 2018 al 2019. Manca solo l’ufficialità, ma le parti sarebbero in questo caso in sintonia (agenzia Sbezzi) dopo i naturali screzi del «caso Gentile».

E gli altri? In scadenza 30 giugno 2017 sarebbero Jamel McLean e Milan Macvan (rinnovato in extremis nell’estate scorsa). Sino al 2018, al netto di opzioni di uscita, Ricky Hickman (uscita valida per Milano), Miroslav Radujica (solo escape Nba nel 2017), Zoran Dragic, Krunoslav Simon (che ha rinnovato nell’estate 2016), Davide Pascolo (opzione di rinnovo per la società sino al 2019) e lo stesso coach Jasmin Repesa. Sino al 2019 dureranno gli accordi con Awudu Abass e Simone Fontecchio. Poi Bruno Cerella, certamente sotto contratto anche per la prossima stagione. A prescindere dai risultati, Milano ha imboccato una strada e non vuole abbandonarla.

Alessandro Luigi Maggi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...