Essere Darussafaka: parole, infermeria ed analisi alla vigilia della sfida della Volkswagen Arena

Tempo di Darussafaka, giovedì sera, ore 20.45, alla Volkswagen Arena di Istanbul. Una gara, un successo per entrambe le sfidanti, con gli uomini di David Blatt capaci di firmare una delle tre “W” esterne della giornata inaugurale, unitamente a Cska e Barcellona.

Tanto da comprendere per questo sodalizio turco, al terzo anno nella massima serie nazionale e in cerca di un posto al sole dopo l’ottima gestione di Oktay Mahmuti. Tocca ora a David Blatt dare slancio ad una rivoluzione solamente tecnica, dove tanto del passato è stato confermato. Il nuovo Darussafaka, unica wild card della competizione, si è così affidato in regia a Bradley Wanamaker, richiamando in Europa il realizzatore ex Zalgiris James Anderson, dando una nuova chance al «4 non solo perimetrale» Adrien Moermann, e chiudendo il tutto con una certezza realizzativa come l’ex Bilbao Dairis Bertans e un’atleta da transizione come l’ala Will Clyburn. Il resto sono certezze, con una «front line» di massimo peso con Oguz Savas, Semih Erden e Marcus Slaughter.

5461924f7f8ef

Nella gara di esordio europea contro la Stella Rossa Belgrado, senza Semih Erden (in dubbio contro Milano per un acciacco che lo tiene lontano dai campi da inizio ottobre), il Darussafaka ha sofferto la fisicità di Kuzmic toccando a lungo la doppia cifra di svantaggio, affidando poi la rimonta alla fisicità di Brad Wanaker (7 falli subiti, una muscolarità ed un peso difficilmente contenibili per Cinciarini, Hickman e Kalnietis) e alla produttività di Will Clyburn (19 punti).

1-1 invece il record in Turchia, con il 93-88 incassato al supplementare sul campo del Banvit. Una gara dove, assenti Erden, Anderson e Slaughter (questi ultimi due, per turnover), i padroni di casa hanno dominato a rimbalzo (35-28) ma concedendo agli uomini di Blatt la giocata della vittoria nel finale dei tempi regolamentari, con l’isolamento e p&r di Wanamaker che ha chiuso la sua corsa sul primo ferro (qui sotto le immagini).

Dati che chiamano non poco in causa il settore lunghi di Jasmin Repesa, con Miroslav Raduljica responsabilizzato in fase offensiva, e il trio McLean, Pascolo e Macvan focalizzato a rimbalzo, su entrambi i lati del campo. Senza dimenticare Rakim Sanders, la cui atipicità contro Moermann ha prodotto, un anno fa, 15.5 punti e 5 rimbalzi nei due confronti diretti di Eurocup tra l’Olimpia Milano e il Banvit (squadra di appartenenza dell’ala francese).

Dal canto suo, David Blatt chiama a raccolta i tifosi:

Stiamo costruendo un’identità di squadra e il sostegno dei tifosi sarà fondamentale. Il livello dell’avversario è molto alto, e Jasmin Repesa è un tecnico brillante. Una sfida appassionante che non vediamo l’ora di affrontare.

Comprensibilmente, Jasmin Repesa chiede perfezione:

Ci aspetta una partita simile a quella che abbiamo giocato con il Maccabi. E’ una squadra che ha caratteristiche filosofiche simili e come il Maccabi cambia spesso assetto e chimica. Per noi è importante fermare la loro transizione, non farli correre perché sanno farlo molto bene, e rispondere quando cambieranno volto giocando magari anche con cinque esterni. Servirà una partita intelligente in attacco, limitare gli errori, come abbiamo fatto la settimana scorsa quando sono rimasto soddisfatto non tanto dai 99 punti quanto dai 29 assist. In difesa dobbiamo essere preparati contro le caratteristiche individuali dei loro giocatori ed essere sempre posizionati bene perché loro sono una squadra che si muove tanto e bene. A questi livelli per vincere bisogna esprimersi a livelli vicini alla perfezione

Alessandro Luigi Maggi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...