Giorgio Armani: Il Covid una sveglia dura e necessaria, da non dimenticare

Alessandro Maggi

Giorgio Armani su il Fatto: È stata una sveglia: dura, ma necessaria. Mi auguro che ne faremo frutto tutti, senza dimenticare

Giorgio Armani intervistato da Ilaria Mauri su Il Fatto. Ecco alcuni passaggi dell’intervista dopo la sfilata Primavera/Estate che in diretta su La7 ha prodotto 685.000 spettatori.

«Come spesso accade, non è stata un’idea maturata a lungo, quanto piuttosto un’intuizione, una decisione istintiva. Tutto nasce dal mio desiderio di dialogare con il pubblico in maniera aperta, senza troppi filtri. Ne ho avuto una riprova evidente durante il lockdown . Il mio impegno ha avuto una eco del tutto inaspettata. Sono stato letteralmente inondato da messaggi di professionisti e persone comuni. Si è come aperto, subito, un canale diretto e autentico di comunicazione, che ho voluto mantenere»

«Non so dirle se questa mia scelta sarà seguita da altri e se la moda intera entrerà in un’era di democrazia totale. Io ho scelto la televisione per raggiungere un pubblico vasto e vero».

(La pandemia) «È stata, ed è, uno choc che ha costretto tutti a ripensare strumenti e dinamiche, a riscoprire una nuova autenticità e un modo più umano di essere connessi. È stata una sveglia: dura, ma necessaria. Mi auguro che ne faremo frutto tutti, senza dimenticare».

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Next Post

Buon compleanno Ettore Messina: Parola d'ordine, il rispetto

Il compleanno di Ettore Messina nel racconto di Vladimir Stankovic: Ha fatto molto per il basket, in Italia e all'estero
Ettore Messina

Subscribe US Now

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: