One thought on “Milano ancora KO: vincere o perdere è questione di abitudine

  1. Quanto scritto mi trova concorde su tutto. Qualcosa e’ mancato: la squadra. Il senso di gruppo, la sicurezza di sapere cosa fare. Repesa non era eiuscito, in questo. Pianigiani (secondo me) ancora meno. Tutti gli anni e’ la stessa cosa e a febbraio gia’ si pensa (e spera) alla prossima stagione. E’ evidente che mancano mentalita’ giusta e management sapiente. Non converrebbe partecipare a qualche coppa meno “competitiva” per essere piu’ pronti per la lba (e evitare anche continue figuracce)? Se budget e management non cambiano non vedo un futuro roseo. Ciao

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Essere Mindaugas Kuzminskas, e chiedersi: ma sono un'ala grande?

Essere Mindaugas Kuzminskas, di questi tempi, non è troppo semplice. Perché la scelta stessa, non è stata semplice. Il classe 1989 di Vilnius, solo un anno fa, credeva di aver gettato basi più che solide in Nba, raggiungendo 15’ di media in 68 gare disputate con i New York Knicks. […]

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
La (dubbia) legge del mismatch, l’arrogante lettura di Jasikevicius, il silenzio stampa dei giocatori. Insomma, Kaunas

Olimpia Milano che cade a Kaunas, giocando 28’ di ottima intensità, e venendo meno in maniera abbastanza netta negli ultimi...

Chiudi