Lo Zalgiris spaventa con i “piccoli” Pangos e Micic. Pianigiani dovrebbe lanciare Pascolo, fermo Cinciarini

Ore 20.45, Mediolanum Forum d’Assago. Palla a due con lo Zalgiris Kaunas nel sesto round di EuroLeague per l’Olimpia Milano, che anche con i lituani ha ben poco da ridere. 2-4 il record complessivo dal 2000, 1-2 in casa. Unico successo, l’82-75 del 24 ottobre 2013, quando con Luca Banchi in panchina arrivò la prima W della stagione europea dei sogni, con 20 punti e 9 rimbalzi di Nicolò Melli. Furono 14 con 6 assist per Curtis Jerrells, che verrà presentato in sala stampa alle 19.30, e non potrà scendere in campo.

Simone Pianigiani riflette sulla difesa dura dei lituani, e su accoppiamenti complicati per i biancorossi. In divenire i dodici. Andrew Goudelock, Vladimir Micov, Mantas Kalnietis, Kaleb Tarczewski, Marco Cusin, Amath M’Baye, Jordan Theodore, Cory Jefferson, Dairis Bertans e Arturas Guidaitis saranno della partita. Quasi certa l’assenza di Andrea Cinciarini: il capitano non ha smaltito un problema al piede sinistro rimediato nella gara con Sassari. Credibile l’esordio nella competizione di Davide Pascolo dopo i 27’ contro Bologna di domenica, per l’ultimo posto disponibile Awudu Abass in vantaggio su Simone Fontecchio.

Zalgiris Kaunas, primo in patria con record 9-1, deciso e largo successo sul Neptunas per 99-62 nel fine settimana. Partita per Milano mercoledì mattina, la squadra di Sarunas Jasikevicius è finalmente al completo, visto l’esordio del play ex Monaco Dee Bost proprio con la squadra di Klaipeda. Per lui, 17 minuti, con 5 punti e 4 assist, oltre a 3 palle perse. 2-3 il record in competizione, con due sconfitte in fila con le corazzate Real Madrid e Cska (ma grande prestazione a Mosca) dopo l’impresa del Palau Blaugrana con il Barcellona.

Schermata 2017-11-08 alle 21.51.09

Saranno 40’ di sofferenza insomma, anche perchè lo Zalgiris ha prodotto molto con i portatori di palla Kevin Pangos e Visilije Micic, due clienti molto complicati in uno contro uno per Jordan Theodore e Andrew Goudelock. Eccellente l’atleta Axel Toupane, poderoso il reparto lunghi dei vari Jankunas, Davies e Kavialauskas, senza dimenticare la pericolosità al tiro di Ulanovas e Milaknis.

Alessandro Luigi Maggi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...