Olimpia Milano vs Reggio #1 | Le pagelle di RealOlimpiaMilano

Le pagelle di gara 1 dei quarti: Bentil e Shields sono gli MVP, ma è una vittoria di squadra nel complesso per l’AX

Rodriguez 6.5 – Il Chacho regala alcune perle, sia a livello individuale che servendo assist di pregio ai compagni. Un buon ‘riscaldamento’ per entrare in clima playoff.

Erba ne

Ricci 5.5 – Qualche tiro sbagliato e qualche buona giocata. Può fare sicuramente di più.

Biligha 6.5 – Entra bene in partita e si fa notare con giocate difensive e qualche anche bel canestro. Merita i minuti concessi a lui da Messina.

Hall 7 – Assist per i compagni e lavoro in difesa. Pur senza fare cose sensazionali in attacco, continua ad essere sempre molto utile. Prima di diventare decisivo nel quarto periodo, quando Reggio si riavvicina pericolosamente.

Baldasso 5 – Non riesce ad incidere nei minuti in cui è in campo.

Daniels 4.5 – Si perde due volte Thompson appena entrato e Messina si arrabbia, non riesce mai a trovare il feeling con la partita. Potrebbe non avere così tante occasioni durante i playoff.

Shields 7.5 – Prima lavora soprattutto in difesa, in marcatura su Cincia, poi spacca la partita ad inizio ripresa con una serie di grandi giocate in attacco. E si fa nuovamente sentire nel finale, dopo qualche minuto anche per lui non sul pezzo.

Alviti ne

Hines 7 – La clamorosa stoppata su Strautins in avvio di ripresa vale da sola il prezzo del biglietto, assieme al solito lavoro molto utile sui due lati del campo.

Bentil 7 – Precisissimo in attacco, è lui a permettere all’Olimpia di prendere subito il comando della partita. Poi continua ad essere efficace, prima di perdersi nel quarto periodo.

Datome 6.5 – Sbaglia un paio di suoi tiri nel primo tempo, poi si ritrova nella ripresa, mettendo la tripla della staffa ad un minuto dalla fine.

Coach Messina 6 – Inizio di playoff comandando la partita dall’inizio alla fine e riuscendo a trovare risposte da buona parte della squadra. Ma quel parziale di 0-18, riaprendo una gara già ampiamente chiusa, deve fare riflettere per il futuro e per sfide con rivali più accreditate.

16 thoughts on “Olimpia Milano vs Reggio #1 | Le pagelle di RealOlimpiaMilano

  1. Rodriguez 11 punti e 6 assist, una rubata spettacolare, più alcune perle, che sottolinei anche tu, che per me da sole valgono il biglietto, e poi prende 6 in pagella?
    Merita meno di Biligha?
    Insomma, dai!

    1. Chacho 6.5 comunque non 6. Gli avevo dato 7, poi ho abbassato i voti quasi a tutti per quel quarto periodo molto negativo della squadra

  2. Pagelle che lasciano il tempo che trovano … se speriamo di arrivare alle finali giocando in 7/8 … sarà durissima …

    1. Beh, col rientro di Mello giocheremo in 8/9, che è normale neo playoff

  3. Stasera a Messina darei 5 perché la partita la riaperta lui.
    E mi collego a quanto detto da Palmasco .
    Ero al forum e ho avuto esattamente lo stesso pensiero.

    Se il Chacho se ne va cambio squadra

  4. D’accordo con Palmasco, mistertate e Tom la tensione è troppa e il coach avanti di 26 avrebbe potuto agire diversamente, che so chiamare Baldasso in panchina, spiegare e subito dopo rimetterlo in campo e provare per almeno 5 minuti Davide Alviti che minuti in difesa può darli. Poi… beh si è vinto ma credo anch’io che con un po’ più di serenità la squadra giocherebbe meglio

  5. Il comportamento in campo di Messina è il solito di sempre, intransigente su questioni che non richiedono abilità tecniche, ma concentrazione, testa e coraggio. In alcuni frangenti sembra insopportabile, ma dev’essere un accordo chiaro preso coi giocatori uno per uno; lo sanno e in qualche modo lo accettano; e dev’esserci in allenamento un dialogo e un rapporto duro coi giocatori, ma che testimonia anche rispetto. Chiede tanto, il massimo, ma ci dev’essere anche qualcosa che va aldilà del giocatore e che entra in una sfera più umana. E’ come se sapessero che lo sguardo o la sfuriata non vanno ad intaccare il rispetto che nutre per loro, anzi in qualche modo li cazzia proprio perché sa che possono dare di più. Altrimenti non mi spiego come nessuno lo mandi a cagare, anche solo con un gesto di stizza. Dubito che sia per la sua stazza fisica…
    Pensate anche a come il Poz parla di Messina. Noi vediamo solo il campo, ci manca un pezzo, io credo che sia così.
    Detto ciò, non è detto che il suo metodo sia necessariamente il più produttivo, quantomeno non con tutti i giocatori. Oggi secondo me ha esagerato due volte: col gesto indirizzato verso Baldasso e anche in conferenza stampa dove si poteva risparmiare di citare per due volte “il secondo quintetto”. Ma penso che sarà il primo a mettersi in discussione.

    1. Cazziare il secondo quintetto è il minimo, che sul +26 hanno smesso di giocare. Credo poi si riferisse soprattutto a Baldasso, che ai playoff non può permettersi di essere così “leggero”, e a Daniels, che credo(e spero) non lo rivedremo più in campo

      1. In buona parte del terzo quarto però, almeno dal + 16 al + 24 in campo c’erano Baldasso, Ricci, Daniels (concordo, oggi inguardabile), Biligha e Hall. Quindi non è il quintetto base ad aver dato la spallata, tant’è che in un time out chiamato da Caja, Messina è entrato in campo a dare il cinque a tutti i giocatori (del secondo quintetto). Dire poi che il quintetto base non era pronto è quantomeno discutibile. Secondo me avrebbe fatto bene a parlare di squadra punto e stop.

  6. La squadra ha vinto,stop,Milano- Reggio 1-0.Prestazione più che discreta per quasi tre quarti, poi rottura totale,ma anche quando Reggio si e’ riavvicinata pericolosamente non ho avuto la sensazione che avremmo potuto perderla.
    Ottimo Shavon,più che buono Big Ben,alla fine non ci farà sicuramente rimpiangere quel cazzone di Dinos.Alla luce di quanto visto oggi credo non potremo fare a meno di mettere in campo Jerian e Trey .
    Messi a punto alcuni dettagli non sarà facile per nessuno metterci sotto.

  7. Importante partire bene … e la squadra ha girato a lungo.
    Certo all’inizio dell’ultimo quarto nel giro di 10 secondi 2 cambi punitivi. Forse un po’ eccessivo. Non so se sia il momento per queste cose.
    Buoni momenti da parecchi giocatori e la mia riflessione è che non è il caso di rimpiangere Mitoglu se Ben gioca così. Siamo sicuri che il greco potesse aggiungere molto di più? Forse giusto la possibilità di qualche tiro dal post alto che Ben non ha.
    Shields fondamentale, se segna con continuità andiamo avanti … altrimenti la giostra si ferma.
    Serve ritmo e il Chacho lo mette (non aggiungo altre note sul Dalaney … ).
    Aspettiamo Melli per avere ancora più solidità.
    Penso che per Daniels sia stata l’ultima chiamata; alla fine acquisto sbagliato al 100%, inutile girarci intorno.
    Darei una opportunità a Kell perchè ci serve come il pane uno che riesca ad attaccare il ferro.
    Datome … se usato bene può diventare fondamentale … perchè in certe partite servono giocatori che sanno cosa vuol dire giocare momenti importanti.

  8. Sinceramente non capisco tutto questo stupore nei confronti dell’atteggiamento di Messina verso le seconde linee, visto e considerato che è lo stesso che ha sempre tenuto fin dal suo insediamento sulla nostra panchina. Non tollera il minimo errore, pena panchina, e questo, a mio parere, è un suo limite che neanche il Pozz è riuscito a smussare, e ieri ne è la prova evidente. Per me è coerente con il suo modo duro di essere coach. Però allo stesso tempo, non può pretendere che, tutto d’incanto, le seconde linee performino in una serie play-off l, quando durante la stagione in parecchie occasioni sono stati messi in naftalina o hanno giocato solo nel garbage time.
    Purtroppo questo suo atteggiamento lo riversa solo sulle seconde linee e non i sui titolari, perché altrimenti non si contano più quante volte avrebbe dovuto panchinare in LBA Delaney per i suoi atteggiamenti irritanti.

  9. Ci sono errori e errori e, purtroppo per loro, Messina non digerisce i blackout difensivi e ieri Daniels, Ricci e Baldasso molto male da questo punto di vista.

  10. Quando la contesa si fa dura Hall spacca, Bentil evapora…..non una novità; Daniels semplicemente non esiste, è inutile anche continuare a parlarne (e d’ora in poi prenderò alla lettera questa mia considerazione)

Comments are closed.

Next Post

LBA Playoffs | Vincono Venezia e Virtus, ma i bianconeri tremano per Toko Shengelia

Si è chiusa la prima serata degli LBA Playoffs, e dopo l’Olimpia Milano vincono anche la Reyer Venezia e la Virtus Segafredo Bologna
LBA Playoff vincono Venezia Virtus

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: