Tutti gli infortuni, e gli acciacchi, di Olimpia Milano. La natura e i tempi di recupero

Alessandro Maggi 12

Momento delicato per Olimpia Milano, senza alcun riferimento al ko della gara di ieri, senza valenze, soprattutto in questa fase della stagione

Momento delicato per Olimpia Milano, senza alcun riferimento al ko della gara di ieri, priva di valenze, soprattutto in questa fase della stagione. Andiamo a vedere l’attuale infermeria biancorossa, per capire anche i tempi di recupero.

GiocatoreStatusInfortunioQuandoTempi di recuperoNote
Trey KellRientratoGamba destra5 marzoIl giocatore ha visto riacutizzarsi
il problema fisico emerso alla firma
con Varese. Si era anche fermato a gennaio contro la Fortitudo.
Nicolò MelliInjury
List
Lesione del gemello mediale della gamba destra20 aprileRivalutazione in quattro settimaneLa rivalutazione arriverà tra un paio di settimane. Obiettivo è ritrovarlo in un’ipotetica semifinale
scudetto
Sergio
Rodriguez
AcciaccatoDistorsione alla caviglia sinistra22 aprileHa forzato per il playoff con l’Efes giocando entrambe le gare di Istanbul, ora lavora per la post-season scudetto
Paul BilighaAcciaccatoProblema ad una gamba4 maggioEttore Messina ha parlato di semplice “pestone”
Malcolm DelaneyInjury
List
Lesione muscolare alla parete addominale22 aprileRivalutazione in due settimaneLa rivalutazione arriverà in queste ore, se non è già arrivata. Sino a settimana scorsa il giocatore aveva dolore, e non aveva ancora preso il pallone in mano
Dinos
Mitoglou
SospesoPositivo ad un controllo anti-doping4 marzoIn questi giorni si attende la sentenza, quindi l’eventuale rescissione con Olimpia Milano
Troy DanielsInjury ListDistorsione alla caviglia?4 maggioOggi le valutazioni del caso
Shavon ShieldsAcciaccatoInfammazione al tendine d’achillePre serie con l’EfesHa giocato sul dolore la serie con l’Efes. Ora viene gestito in vista dei playoff
Gigi DatomeRientratoIntervento in artroscopia al ginocchio sinistro5 aprileSta cercando il ritmo partita, con alcune buone prestazioni, dopo una stagione a dir poco difficile

Il lavoro si basa sui comunicati ufficiali del club. Come si può notare, dei nove casi almeno quattro sono di natura traumatica, uno è stato ereditato da inizio stagione (Kell), e uno è stato sospeso per positività ad un controllo anti-doping. Solo Melli e Shields, insomma, potrebbero essere stati “vittime” di una stagione massacrante, ricordando come in fondo il problema di Delaney sia figlio di un’azione di gioco.

A tutti questi si aggiunge una decima assenza, quella di Riccardo Moraschini, che sarebbe stato il terzo italiano del roster di Ettore Messina come utilizzato nei playoff LBA.

12 thoughts on “Tutti gli infortuni, e gli acciacchi, di Olimpia Milano. La natura e i tempi di recupero

  1. Tutta colpa del coach a cui addebiterei anche il Covid essendo lui con DNA Cinese (come Hitler era ebreo lo sanno tutti) e in parte anche la guerra in Ucraina conoscendo le sue simpatie per la Nato (perchè è chiaro che la colpa e’ tutta degli americani), non a caso è stato scelto da Popovich in quanto raccomandato ed è stato mandato via dal CSKA in quanto filo americano.
    Insomma eliminiamo Messina, cosi magari ci liberiamo anche dei suoi detrattori, e prendiamo Obradovic che ha fatto una grandissima stagione con il Partizan e con Le-day e Punter MVP in Eurocup

  2. La nostra situazione si potrebbe concentrare cosi

    L’umanità si trova oggi ad un bivio: una via conduce alla disperazione, l’altra all’estinzione totale. Speriamo di avere la saggezza di scegliere bene.

    😁

  3. Diciamo che se arriviamo ad un‘ipotetica semifinale scudetto ( e se non ci arrivassimo sarebbe cosa poco simpatica nell’insieme) dovremmo avere recuperato tutti … diciamo pure che queste due settimane post eliminazione in EL alla fine potrebbero essere utili alla causa … anche se al momento vedo la Virtus avanti …

    1. Caro holden64, ci vedi male, la virtus non è avanti, è MOOOOLTO AVANTI…

  4. Shields in realtà è stato out 3 mesi per infortunio al polso, quindi all fine nemmeno il suo problema attuale al tendine d’achille può essere collegato alla “stagione massacrante” avendone appunto saltata in gran parte.

    1. Negli anni passati i geni del minutaggio sventolavano il logorio anche per ossa rotte e scavigliate, quindi diciamo che quella narrativa lascia il tempo che trova…

  5. La Virtus è avanti perché ha 16 partite nelle gambe in meno e perché ha potuto accedere al mercato Eurolega precluso all’Olimpia per causa di forza maggiore. A parità di scelta, come dovrebbe essere legalmente, se Hackett e Schengelia fossero arrivati all’Olimpia, Hackett al posto di Delaney sulla via dell’addio e Shengelia al posto di Mitoglou dopato, cosa sarebbe successo? Che la Virtus l’Eurolega se la scordava e l’Olimpia si giocherebbe lo scudetto con vantaggio.

    1. “Come dovrebbe essere legalmente”?
      Da quando sono state introdotte le licenze per le coppe…sto discorso è andato a zoccole, dai

  6. A me non interessa se la Virtus è moooolto avanti, io sostengo la mia squadra, i suoi tecnici e la sua proprietà e finché tutti quanti faranno parte dell’Olimpia sarò sempre loro molto grato per quello che fanno e che hanno fatto ricordando che è troppo facile criticare il lavoro degli altri.

  7. La Virtus è molto forte, con i due “nuovi” acquisti ancora più completa, avremo bisogno della miglior Milano per provare a batterla, parlo di quella insuperabile in difesa vista per lunghi tratti in Eurolega. Per questo è ovviamente necessario recuperare il miglior Melli ma più in generale i 5 ieri assenti con l’aggiunta di Hall, Datome, Ricci, Bentil siano presenti con la testa (vero Delaney?) e con il fisico. Ma prima arriviamoci in finale.
    Comunque io Grant e Daniels non li terrei. Per inciso di quelli visti ieri con passaporto americano non terrei nessuno se non forse Bentil e ovviamente Hall sperando non chieda la luna. Gli italiani li terrei più per passaporto che per convinzione. A me Baldasso, Alviti e Biligha non piacciono ma capisco bene che trovare un certo numero di italiani di livello maggiore dei su citati senza svenarsi non sia facilissimo e allora me li faccio andar bene. Ma non ne vado pazzo. Per Grant e Daniels invece mi auguro che nel panorama Mondiale si possa pescare qualcosa di più stuizzicante

  8. Grant rimarrà come quarto play solo perché ha un contratto biennale. Non hanno tagliato Tarcisio per lo stesso motivo.

Comments are closed.

Next Post

Next Gen Cup 2022: l’Olimpia scappa nel secondo tempo e batte Sassari

I giovani biancorossi piazzano un doppio parziale nel secondo tempo e vincono nettamente la gara d'esordio contro i sardi

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: