Daniel Hackett: L’infortunio di AleGent contro il Maccabi cambiò tutto

Daniel Hackett è stato ospite di Simone Mazzola a Backdoor Podcast. Questi due passaggi legati a Siena e Milano

Daniel Hackett è stato ospite di Simone Mazzola a Backdoor Podcast. Questi due passaggi legati a Siena e Milano.

SULL’ADDIO A SIENA

«Il Sig.Minucci venne in spogliatoio e mi disse che ero sul mercato, perché altrimenti Siena non avrebbe terminato la stagione. Ho fatto un accordo con lui che se fossimo andati alle top 16 sarei rimasto, altrimenti sarei andato. Nell’ultima partita, il giorno del mio compleanno, Jayson Granger mise un floater sulla sirena e ci eliminò. Andai sul mercato e accettai l’offerta di Milano, ma il mio legame con Siena è rimasto grandissimo».

SULL’ARRIVO A MILANO

«Anche se arrivavo come il “nemico” che aveva rifiutato l’Olimpia in passato, devo dire che ho trovato tanta comprensione in moltissimi tifosi biancorossi. Ho cercato di dare il massimo e credo che questo si sia visto. Eravamo una squadra che ha collezionato vittorie prestigiose in Eurolega e che schiacciava tutti in campionato, poi l’infortunio di Ale Gentile nella serie contro il Maccabi ha cambiato tutto. E’ stata una grossa delusione, ma poi abbiamo riportato lo scudetto a Milano».

10 thoughts on “Daniel Hackett: L’infortunio di AleGent contro il Maccabi cambiò tutto

  1. Gli faccio moltissimi complimenti perché è diventato un signor giocatore. Ma , e glielo dissi di persona ovviamente educatamente, che lui a Milano sarebbe sempre stato poco amato

  2. Un grande giocatore che ho avuto la fortuna di ammirare con la nostra maglia seppur per poco tempo. È stato uno degli artefici del primo scudetto dell’era Armani e della bellissima cavalcata in Eurolega. Una testa pazza proprio come piace a me perché sono quelli che riescono a regalare emozioni a prescindere dalle vittorie se poi è un vincente come lui meglio ancora 💖💖💖

  3. Daniele, ti devo bloccare 😝
    Come si fa????

    Mi hai difeso prima Hackett e poi Proli, vuoi litigare?? 😉

    1. @LoSgradito tu sei un amico e ci sta che qualche volta la pensiamo diversamente.😃😃

    2. Una cosa è certa : se lo scorso anno avessimo avuto Hackett al posto di cinciarini (attenzione, non sto denigrando il cincia, che io avrei fatto giocare sempre titolare in lba) sicuramente avremmo vinto l’eurolaegue.

      1. Concordo al 100%, ma mi permetto di completare il tuo pensiero: AVREMMO SICURAMENTE VINTO L’EUROLAEGUE NONOSTANTE MESSINA!

  4. Se ci fosse stato Hackett l’anno scorso, Messina non avrebbe fatto arrivare Delenay, perché avrebbe giudicato tre play di livello uno spreco, per cui le prestazioni sarebbero dipese dallo spread Delaney vs Hackett con Cinciarini sempre a guardare dalla panca. In chiave Eurolega, per vincerla avrebbe fatto molta più differenza avere un centro dominante al posto di Tarcisio, in modo da alzare la competitività Olimpia quando Hines non stava in campo e in modo da dare tregua a Kyle che alla sua età ha dovuto sobbarcarsi la maggior parte del lavoro, cosa che capiterà anche quest’anno (sta già capitando a giudicare dai 6 minuti di utilizzo di Tarcisio contro CSKA).

    1. Oddio tarcisio in campionato ha giocato e hines no. Contro il cska hines non ha fatto gli straordinari avendo giocato solo 20 min. Meglio dell’anno scorso per ora no?

      1. Hai detto bene,per ora…infatti siamo alla prima di euroleague e alla seconda di lba…
        ma col passare del tempo Messina tenderà inevitabilmente a utilizzare i soliti noti, dimenticandosi completamente in panca una buona metà della squadra ( grant,moraschini, alviti, Biligha, ricci Tarcisio ecc.ecc.).
        Con una tale gestione del roster in lba non abbiamo nessuna possibilità…

Comments are closed.

Next Post

Salvatore Trainotti per ROM: Vi racconto Shavon Shields

ROM intervista Salvatore Trainotti: Cosa ha visto Messina in Shavon Shields? Le qualità tecniche, ma anche la sua attitudine ad essere parte di un sistema
Shavon Shields

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: