Riccardo Moraschini: Momento positivo, ma prepariamoci alla battaglia

Riccardo Moraschini presenta così Olimpia Milano vs Zenit di questa sera al Mediolanum Forum d’Assago: Avversario che ha vinto tanto

Riccardo Moraschini presenta così Olimpia Milano vs Zenit di questa sera al Mediolanum Forum d’Assago.

«Affrontiamo una squadra che ha vinto tanto in questa EuroLeague, anche in trasferta, molto dura e con una difesa di alto livello».

«Da parte nostra attraversiamo un buon momento, ma è fondamentale prepararsi ad una battaglia di 40 minuti, molto fisica in cui dovremo giocare con attenzione ai dettagli e grande intensità».

4 thoughts on “Riccardo Moraschini: Momento positivo, ma prepariamoci alla battaglia

  1. Vai Moraschini, fai di questa la tua serata show, e non parlo necessariamente di triple!

    Parlo della lotta nel fango di una squadra come Zenit che concede pochi punti, e li forza col controllo assiduo e costante del ritmo partita, che tiene basso il più possibile – un ritmo, appunto, da lotta e contatti, da forza nel guadagnare vantaggi minimi centimetro per centimetro, lenti persistenti e intensi.
    Il tuo gioco!

    Non sarà facile per Delaney contenere Pangos, ma tu in particolare dovrai aiutarlo a chiudere le linee di passaggio sul tuo uomo, Ponitka o Thomas che sia, lascia che siano gli altri, insieme a Delaney, a occuparsi del loro micidiale p&r – negli spazi lasciati liberi da quella tonnara, tu vai a prendere i rimbalzi difensivi, come hai fatto, come sai fare, sei grande e grosso e rispettabile! ☺️

    Una squadra che concede la minor percentuale di tutti al tiro da 3, ok, ma noi abbiamo anche gente che sa attaccare il ferro: il ricciolo di Punter nei giochi aperti, la sua velocità e follia in quelli rotti, Delaney Rodriguez e l’1/1, il passo felpato e vincente per magia di Vlado Micov, la perla lucente di Hines, che produce già ora un’eccitazione orgasmica nell’immaginarlo attaccare coi suoi piedi fulminei i piedoni costituzionalmente lenti dell’amatissimo Gudaitis, ma che stasera voglio vedere distrutto dai movimenti del nostro sontuoso centrino 😌.

    Ritmi bassi e pochi punti concessi significano soprattutto una cosa, per vincere lo stesso: grande attenzione nel trattamento di palla! Ogni pallone è oro, più del solito, proprio perché sono meno del solito, nessuno di noi li deve sprecare, e in questo siamo secondi credo, o primi davanti a tutti.
    È il nostro pane.

    Poi siccome il basket è irrazionale e sorprendente, mi aspetto che nonostante tutte le circostanze – appena rientrato da infortunio; gioca contro la squadra che concede la peggior percentuale da 3 – mi aspetto, irrazionalmente che Roll faccia una partita tremendamente efficace, con incredibili 5 triple su 6 tentate!
    La vittoria a Milano può venire da ogni soffio di vento, a me oggi sembra di sentire il vento della California, non so perché…

  2. Mi sbilancio: stasera l’Olimpia può tranquillamente perdere. Dopo il filotto di partite vinte una gara sbagliata ci può stare e secondo la mia personalissima tabellina di marcia® l’Olimpia può perdere una partita da qui a fine febbraio (recupero escluso) ed essere comunque in prima fila per giocare i playoff in casa, e guardando alle prossime partite ci sta che l’Olimpia le vinca. Certo, sarebbe meglio perdere, se perdere si deve, contro il Maccabi che contro un’avversaria diretta ma una sconfitta stasera non cambierebbe la mia opinione sul momento favoloso. Al contrario, una vittoria sarebbe un ennesimo segnale di grandissima solidità.

  3. Non sono d’accordo sul “si puo’ perdere”. Ora siamo in alto ma mancano tantissime gare e gli avversari sono a due-tre vittorie. Quelli di stasera, poi, sono avversari diretti. Preferirei vincere.
    Che poi se si perde possiamo anche non fare drammi, ci sta.
    Mi sbilancio: stasera Tarcisio fara’ una bella gara contro il suo compagno dello scorso anno.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Arturas Gudaitis, storia di un rapporto. E di un addio

Arturas Gudaitis torna a Milano a quasi sette mesi da quel 10 luglio che sancì l’addio a Olimpia Milano, e la conseguente firma con lo Zenit
Arturas Gudaitis

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Olimpia Milano Serie A
Christos Stavropoulos: Pubblico in sicurezza, potremmo farlo

Christos Stavropoulos, GM di Olimpia Milano, protagonista su Repubblica-Milano nell’articolo a firma Massimo Pisa

Chiudi