Olimpia 10 e lode

guazzoni

Dalla tripla di Micov a Valencia alla tripla di Shields a Monaco è passata un’eternità senza tempo. Eppure stesso brivido caldo, stessa emozione, stessa casa dove urlare a squarciagola e stessa gente con cui festeggiare. Olimpia Milano da dieci e lode, guardando la serie di W in archivio.

Vincere o perdere una gara così sul parquet dell’Audi Dome avrebbe fatto una differenza minima: non sarà mai un tiro dentro o un tiro fuori a farmi cambiare opinione sul senso assoluto di quello che succede.

E sfangarla a casa di Trinchieri – uno che se può metterti addosso un granello di sabbia per incasinarti la vita compra la spiaggia di Ipanema e ci costruisce la reggia di Caserta in scala 1:1 – è sempre un bel segnale per ciò che si para all’orizzonte. Non è lo 0-1 o l’1-0 sul sito di Eurolega a dirci cosa succederà a inizio ottobre. Aspettando sempre Punter e Micov.

Capitoletto a parte andrebbe speso per Kyle Hines. L’emblema del motto ‘quando il gioco si fa duro i duri cominciano a giocare’. Otto Final Four consecutive quattro titoli non si spiegano altrimenti.

Fortuna, almeno, che è un “tappo”… Vita crudele però quella di Trinchieri: lo ha portato a Veroli, lanciando la carriera del piccolo lungo, e oggi dovrà leccarsi le ferite.

Ah, dalla regia mi suggeriscono che forse la madre di Dio non è davvero nata in Danimarca (come ho ipotizzato su Twitter) ma sicuramente si porta dentro sé una spiccata simpatia per il Paese di Amleto.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Next Post

Le pagelle della Gazzetta: Serata balorda per Datome, può capitare

Andrea Tosi firma su La Gazzetta dello Sport le pagelle di Bayern vs Olimpia Milano. Il migliore in campo è Kyle Hines

Subscribe US Now

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: