Dallo Scudetto 2014 in poi: la Top10 degli addii più discussi all’Olimpia Milano

Dallo scudetto del 2014 di acqua ne è passata. E anche di giocatori. Andiamo a vedere, dopo il saluto di Arturas Gudaitis, quali sono stati per ROM i dieci addii più discussi e pesanti della storia recente di Olimpia Milano

Dallo scudetto del 2014 di acqua ne è passata. E anche di giocatori. Andiamo a vedere, dopo il saluto di Arturas Gudaitis, quali sono stati per ROM i dieci addii più discussi e pesanti della storia recente di Olimpia Milano.

Scorri in basso per cambiare pagina

11 thoughts on “Dallo Scudetto 2014 in poi: la Top10 degli addii più discussi all’Olimpia Milano

  1. #Mantas:
    Siamo riusciti a “distruggere” anche lui.

    #Dario:
    Non so quale sia la verità del suo addio,
    nel senso se è stato lui a chiedere la cessione oppure lo staff.
    Ma resto il fatto che è un gran tiratore se viene messo nelle condizione per rendere al meglio.

    #FullHD:
    Solo lacrime per lui!
    Ammetto di non essere stato contento quando arrivò ma ci mise pochissimo per farsi amare ed apprezzare.

    #TheBlock:
    Ha giocato il finale di stagione sapendo già che non sarebbe stato confermato,
    e ha finito da MVP per me.

    #Arturo:
    Troppo fresco per poter scrivere qualcosa di non negativo contro #CartaBiancaEttore.

    #Keith:
    La frase dell’ex presidente vuole dire tutto:
    L’Olimpia non è una mucca da mungere.
    Altro???

    #The Shot:
    Croce e Delizia,
    ecco cos’è per me CJ55.

    #ex Reggio:
    L’Olimpia,la dirigenza dell’epoca intendo,non ha mai puntato veramente su di lui.ù
    Ogni estate veniva preso nel suo ruolo un “nome blasonato”,
    giustissima la scelta di andare da chi puntava davvero su di lui.
    Il terzo rimpianto piu’ grande della gestione P%P,
    Proli e Portalulli,dopo DH23 e AleGent.

    #Mikelino:
    Come per Arturo la rabbia è ancora troppa per poter scrivere qualcosa di non offensivo verso #CartaBiancaEttore.
    Che NERVOSO….

    #AleGent:
    Il giocatore simbolo dell’era Armani,
    il giocatore che spostava gli equilibri,
    il giocatore che mi ha fatto tornare di corsa al Forum.
    Il giocatore che mi ha aperto il cuore,
    mi manca la sua rabbia,la sua personalità!
    Non è stato un errore mandarlo via,
    è stato un’omicidio!
    Quel dicembre 2016 l’ex Presidente Livio Proli mi ha cestisticamente ucciso,
    e io ho una memora d’elefante!
    IOnonDIMENTICO.

      1. Tranquillo. Sarà difficile che mi venga voglia di scrivere su un forum infestato da certi “commentatori”.
        Succederà raramente.

      2. Infestato mi sembra esagerato,
        le discussioni nascono dal fatto di pensarla in maniera diversa.

  2. KALNIETIS: per me un giocatore sottovalutato rispetto a tanti playmaker passati da noi ( vedi per esempio Mack o il suo sostituto Sykes 😂😂😂)
    BERTANS:altro giocatore sottostimato ma che il suo l’ha sempre fatto..magari non è uno che entusiasma il pubblico ma il suo contributo l’ha sempre dato
    HACKETT: lasciarlo andare via è stato uno degli errori di Proli perché Daniel è genio e sregolatezza..e poi stiamo sempre a ribadire che gli italiani forti scarseggiano quando noi quelli forti facciamo in modo di mandarli via
    GOUDELOCK: nella mia breve vita non ho mai visto un giocatore straniero che sapendo già prima dei play-off che non sarebbe stato confermato si è impegnato in quel modo..poi mandarlo via per prendere Nedovic un giocatore fantasma la dice tutta 😂😂😂
    GUDAITIS: fosse dipeso da me non avrei mai rinunciato a un giocatore come lui attaccato alla nostra maglia neanche per Hines che tra l’altro ha 34 anni..
    LANGFORD: l’errore fu quello di non aver fatto nulla per trattenere uno dei giocatori più forti dell’era Armani come fu quello di smantellare la squadra campione d’Italia 2014 per poi pretendere da Banchi il salto di qualità in Eurolega..
    JERRELLS: sarà sempre nel mio cuore perché quel canestro a Siena contro i campioni d’Italia che di fatto ha dato il via al primo scudetto Armani rimarrà indelebile nella storia della nostra squadra
    MELLI: il rammarico è quello di non averlo trattenuto di più ma prima o poi sarebbe andato via per seguire il suo sogno che ha poi realizzato ovvero giocare in NBA..
    JAMES: nel bene e nel male è stato l’addio più chiacchierato dell’Olimpia targata Armani perché nonostante alcuni comportamenti sbagliati come ha scritto Alessandro Maggi è il più grande giocatore dell’era Armani.
    GENTILE: come ha scritto Alessandro Maggi è il giocatore simbolo dell’era Armani..è vero ha commesso alcuni errori dovuti alla sua giovane età ma qui molti si sono dimenticati che il nostro capitano è arrivato giovanissimo da noi e chi non ha mai commesso errori in gioventù?? Ricordiamoci anche che Ale è stato uno dei pochi giocator che ha vinto 2 scudetti con la proprietà di Armani..per me rimane e rimarrà per sempre il nostro capitano.
    PS..i giocatori che mi hanno regalato infinite emozioni e fatto battere il cuore a mille sono Hackett Goudelock Langford Jerrells James e Gentile

    1. Ah vero dimenticavo che il tuo quintetto preferito è Shelvin Mack, Marshon Brooks, Michael Roll, Amath M’Baye e Miroslav Raduljica 😂😂😂

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Next Post

Flavio Portaluppi: La situazione di Cremona è molto complicata

L’ex presidente di Olimpia Milano Flavio Portaluppi sarà GM della Vanoli Cremona? La situazione è tutt'altro che semplice in queste ore decisive
Flavio Portaluppi

Iscriviti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
Leggi articolo precedente:
Arturas Gudaitis
Arturas Gudaitis e l’addio: Non ho alcuna rabbia verso l’Olimpia Milano

Arturas Gudaitis sull'addio a Olimpia Milano: Hanno firmato Kyle Hines, Zach LeDay, ho capito che se volevo molti minuti dovevo...

Chiudi