Olimpia Milano vs Pallacanestro Cantù, una finale condotta sempre e comunque dagli uomini di Ettore Messina sino al traguardo finale. Avversari tutti da comporre, con Corban Collins e Wes Clark ai box e una guardia titolare ancora da ricercare, ma per l’Olimpia Milano resta un buon test in vista delle prossime uscite.

Dopo i 73 punti concessi a Casale, 54 quelli lasciati a Cantù, a dimostrazione di una difesa che è “marchio di fabbrica”, come confermato anche da Ettore Messina nel dopogara.

Tutto da rivedere l’attacco, con il 37% al tiro da 2 e il 37% da 3. La sensazione è che non ci siano ancora le gambe per correre, perchè la transizione avrà inevitabilmente il suo peso nelle prossime settimane.

Olimpia Milano vs Pallacanestro Cantù | Promossi

Sergio Rodriguez Mvp obbligato della competizione, dopo aver deciso la gara con Casale domina per i 21’ in campo anche la finale con Cantù. 14 punti, 2 assist, 4 rimbalzi e 3 palle rubate, ma soprattutto il controllo totale del match e della squadra in campo.

Riccardo Moraschini Una bella prestazione. Lo sguardo è quello giusto da quella palla che sporca a metà campo nel primo quarto, e con la difesa trova inevitabilmente sicurezza in attacco. 

Bocciati

Christian Burns Utilizzato costantemente da ala grande pare spaurito e senza un’idea precisa. Fisico pesante, da rimettere in condizione, ma oggi pare un gradino sotto i compagni in ogni aspetto, in attacco e in difesa.

Aaron White Gambe pesanti, che gli negano verticalità ed esplosività. Resta l’impegno e la facilità a rimbalzo.

Annunci

Rispondi