Annunci

Finisce l’avventura di James Nunnally: rescissione con l’Olimpia

L’americano ha trovato l’accordo con il club biancorosso ed ha rescisso il suo contratto. Ora è libero di firmare per una nuova squadra.

Annunci

Ne avevamo parlato questa mattina, scrivendo dell’ottimismo su un accordo da raggiungere a breve ed ora è arrivato: James Nunnally ha rescisso il suo contratto con l’Olimpia Milano. Il giocatore non rientrava nei piani della nuova squadra di Ettore Messina e l’americano, dunque, è ora libero di firmare per una nuova squadra (probabilmente gli Shanghai Sharks).

James Nunnally e quei pochi mesi in biancorosso

Arrivato a fine gennaio per far fare l’ulteriore salto di qualità all’Olimpia Milano, soprattutto in Eurolega, non è riuscito ad avere quella continuità attesa nel corso dei mesi in biancorosso. Sprazzi di grande talento, come i decisivi 22 punti nel debutto sul campo di Gran Canaria, dove si è infortunato gravemente Gudaitis, oppure nella serie dei quarti con Avellino, risolta quasi da solo, quando Mike James era infortunato ed anche Nedovic era appena rientrato.

Ma anche più di una prova opaca. E, pur senza avere ovviamente alcuna conferma ufficiale, si è parlato anche di qualche malumore in spogliatoio, durante questa avventura. Ha chiuso in campionato con 15.9 punti e 2.9 assist di media. L’arrivo di Ettore Messina ha messo fine alla sua esperienza milanese, anche se solamente oggi è arrivata la rescissione del contratto (aveva ancora un anno di accordo) e la chiusura definitiva del rapporto con l’AX Armani Exchange.

Annunci

4 thoughts on “Finisce l’avventura di James Nunnally: rescissione con l’Olimpia

  1. Per me fa parte di quei grandi nomi, dei campioni, che sono arrivati a Milano, ma che poi da noi non hanno avuto il rendimento che ci saremmo aspettati.
    Non bastano un paio di grandi partite per essere all’altezza della propria fama.

    Nel caso specifico di Nunnally, secondo me gli sono state date troppe responsabilità, che non è esattamente il gioco di cui è capace.
    Ha brillato davvero nel Fener di Obradovic, dove era una delle punte di un gioco collettivo, che gli offriva opportunità senza troppo chiedergli di crearne in continuazione. In un Fener dove concentrare la difesa avversaria su di lui sarebbe stato letale.
    Ad Avellino è emerso, secondo me, perché un talento come il suo, senza aspettative, senza responsabilità non poteva che brillare. Diciamo che s’è divertito, anche parecchio, questo fa la differenza anche in un professionista.
    E gli ha permesso di mettersi in luce.

    Nella Milano di Pianigiani gli è stato chiesto troppo, secondo me, anche per motivi contingenti, ed è stato troppo facile per le difese concentrarsi su di lui.
    Ce ne sono pochi che sarebbero stati adatti con continuità a un carico simile, lui non fa parte di quelli.

    (palmasco)

  2. Tecnicamente da non discutere. Caratterialmente ha certamente dei difetti. Del resto, se non e’ rimasto al Fener…. se non lo ha voluto Messina…. insomma: un motivo ci sara’!
    Good luck, James!

    1. Dispiaciuto per aver perso Nunnally. Quello che ci voleva nello spot 3. Ps: dal Fener se ne e’ andato lui in NBA non è stato tagliato.

      1. Esatto..non è stato tagliato dal Fenerbahce ma se ne voluto andare via lui per provare la NBA..prima di scrivere a caso bisognerebbe informarsi..cmq in ogni caso non si può giudicare un giocatore in 3/4 mesi in una squadra per di più con Gudaitis fuori per infortunio e Nedovic in pessime condizioni..se tutto fossero stati fisicamente a posto noi avremmo avuto il seguente quintetto: JAMES-NEDOVIC-NUNNALLY-BROOKS-GUDAITIS..non c’è da aggiungere altro..

Rispondi

Next Post

Un semplice giudizio del roster dei #meninred | Riccardo Moraschini

Torna “un semplice giudizio del roster” dei #meninred. Parliamo di Olimpia Milano Roster. Continuiamo con Riccardo Moraschini

Subscribe US Now

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: